di Valentina Dirindin 18 Maggio 2020
guardia-finanza

A Roma sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza bar e ristoranti per un valore complessivo di oltre cinque milioni di euro. I quattro locali, tra cui anche l’ex “Caffè dell’orologio” a piazzale Flaminio, sono stati sequestrati su disposizione del locale Tribunale – Sezione Specializzata Misure di Prevenzione su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia capitolina.

L’operazione di sequestro è collegata all’operazione “Babylonia” avvenuta a Roma nel mese di giugno 2017 e legata a pratiche di riciclaggio e intestazione fittizia di beni. Un’operazione che aveva portato alla condanna (in via non definitiva)  di un uomo legato oggi ai quattro esercizi commerciali posti sotto sequestro.

Per lui, al termine del giudizio di primo grado, si era prospettata una pena di 11 anni e 6 mesi di reclusione e la confisca di beni per circa 9 milioni di euro. Già allora vennero sequestrati società, immobili, veicoli e alcuni bar piuttosto frequentati, che vennero affidati alla gestione di un amministratore giudiziario. Pare però che tali attività commerciali non avessero cambiato granché, al punto che vi lavoravano come dipendenti anche i familiari dello stesso arrestato.

Per questo il Tribunale di Roma ha disposto il sequestro dei bar e degli esercizi di ristorazione in questione poiché ritenuti frutto del reimpiego dei proventi delle attività illecite svolte dall’arrestato.

[Fonte: Il Messaggero]