Ristoranti: in Australia 3 locali ricreano i piatti famosi dei videogiochi

In Australia 3 ristoranti hanno deciso di ricreare i piatti famosi comparsi in alcuni celebri videogiochi (no, niente poltiglia di Zelda).

Don't Starve - cucina e videogiochi

Se amate i videogame e vi trovate casualmente in Australia, sappiate che qui tre ristoranti hanno deciso di ricreare i piatti più famosi dei videogiochi. E per chi se lo stesse chiedendo: no, la “poltiglia” di The Legend of Zelda: Breath of the Wild non c’è, per fare quella basta bendarsi e prendere alla cieca tre ingredienti a caso nel frigo e buttarli tutti e tre insieme nella padella.

Questa simpatica iniziativa è frutto di una collaborazione con PlayStation. Tre ristoranti di Melbourne e Sydney hanno deciso, infatti, di aderite all’iniziativa gastronomica PlayStation to Plate. Questi i piatti che troverete nel menu dei ristoranti dal 3 al 13 dicembre:

  • The Italian Bowl di Sydney: il ristorante ha tratto ispirazione da Uncharted 4: Fine di un ladro. Se avete giocato al videogame, ricorderete che, ad un certo punto, l’avventuriero Nathan Drake si trova sul divano insieme alla compagna Elena. I due mangiano un piatto di pasta, più specificatamente delle penne in salsa napoletana con salsiccia italiana, zucchine, bocconcini di mozzarella, pomodorini e olive. Ecco che allora The Italian Bowl ha ricreato la ricetta, ma non solo: la portata viene servita anche in una ciotola di porcellana che è uguale a quella vista nel gioco, il tutto appoggiato sopra una vecchia mappa con foto dei personaggi e la nota strappata da un diario riportante la ricetta. Costo: 20 dollari
  • Mary’s a Sydney: il ristorante noto per gli hamburger, invece, ha deciso di preparare un panino con bistecca ispirato a The Last of Us Parte 2. Il panino contiene una bistecca, cipolla, peperoni rossi marinati, burro alle erbe e formaggio americano, il tutto impilato in una baguette. Questa volta l’Ellie’s Steak Sandwich viene servito insieme a una pagina di giornale in edizione limitata del “The Jackson Chronicle”, un biglietto per ordinare dal ristorante, una cartolina con su scritto “Saluti da Jackson” e il tutto viene confezionato con carta marrone e spago, proprio come visto nel videogioco. Costo: 20 dollari
  • Bistro Morgan di Melbourne: questa volta il locale ha preso ispirazione dal videogame Ratchet e Clank: Rift Apart. Abbiamo a che fare con un dessert a strati: in basso gelatina di fragole, poi uno strato di crema pasticcera alla vaniglia con fragole fresche, poi un disco di torta al cioccolato e alla fine copertura con mousse al miele di Sirangian (il nome deriva da una missione del gioco), granella di cioccolato e noci. Il dolce viene servito in una scatola di forma esagonale, corredata da un set di carte dei personaggi in edizione limitata. Costo: 7 dollari

Se siete particolarmente interessati al connubio fra gaming e cucina, ecco qui un piccolo approfondimento sulla questione.