di Manuela 9 Ottobre 2020
mascherina

Clienti indisciplinati ovunque: è questo il risultato di un sondaggio realizzato da RistoratorrTop che ha evidenziato come i clienti nei ristoranti non rispettino le norme anti-Covid 19. A partire dall’uso delle mascherina.

L’agenzia RistoratoreTop ha lanciato un sondaggio fra 191 imprenditori in vista di Food Marketin Mastery a Bologna. A seguito anche di quanto decretato nel nuovo Dpcm del 15 ottobre, i ristoratori non hanno avuto dubbi: i clienti sono indisciplinati.

Ben quattro clienti su dieci al ristorante, in pizzeria o al bar non rispetta le norme di sicurezza anti Coronavirus, obbligando i ristoratori a richiamarli continuamente. Il problema non sono solo i continui richiami, ma anche il fatto che, secondo le leggi attualmente in vigore, i ristoratori sono passibili di multa a causa delle inosservanze altrui.

Il 96% dei ristoratori intervistati ha dichiarato che almeno una volta al giorno deve intervenire per far mantenere il distanziamento ai clienti o per dire loro di indossare la mascherina quando si alza dal tavolo.

Inoltre il 98% trova ingiusto che, legalmente parlando, la responsabilità del mancato rispetto delle misure di sicurezza ricada su di loro.

I ristoratori hanno avuto rimostranze anche verso l’ipotesi di chiusura anticipata alle 22 o alle 23 delle attività ristorative: è un intervento inutile e dannoso. Il 37%, poi, ritiene utile l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto.

Breve inciso: il problema non è solo dei ristoratori, ma di tutte le attività aperte al pubblico, i clienti indisciplinati sono una vera e propria piaga. Che poi, fossimo a inizio pandemia ci sta che qualcuno non conosce le regole, ma dopo 5 mesi cosa c’è di difficile da capire nel concetto che al ristorante, quando ti alzi dal tavolo per andare da qualsiasi parte o per qualsiasi motivo, devi indossare la mascherina? O che devi stare a un metro di distanza?