di Valentina Dirindin 6 Agosto 2020
The White Moose Café

Un ristorante a Dublino, in Irlanda, ha affermato che non servirà gli influencer che non rispettano la quarantena di 14 giorni prevista per chi rientra nel Paese.

Secondo le disposizioni irlandesi per contenere il contagio da Coronavirus, infatti, esiste una  “Lista verde COVID-19″ di Paesi da e per cui si può girare liberamente. Si tratta di Finlandia, Norvegia, Italia, Ungheria, Estonia, Lettonia, Lituania, Repubblica slovacca, Grecia e Groenlandia.

Chi ha scambi con paesi che non sono in quella lista, invece, dovrebbe mettersi al rientro in Irlanda in quarantena per due settimane.

Ma c’è chi, evidentemente, non lo fa. Così il “The White Moose Cafe” sulla sua pagina Facebook parla di “un palese disprezzo per i consigli sulla salute pubblica” da parte di alcuni influencer, fornendo alcuni esempi di star social locali che hanno pubblicato stories e post che dimostravano il mancato rispetto della quarantena dopo il rientro da uno dei Paesi non compresi nella famosa lista verde.

“Questi influencer autorevoli, sconsiderati, che infrangono la regolamentazione potrebbero non preoccuparsi di mettere a rischio i propri amici e familiari, ma in nessun caso comprometteranno la sicurezza del mio personale e dei miei clienti”, ha scritto il titolare del ristorante su Facebook, annunciando che sono clienti non graditi e che non li servirà in alcun modo se si presenteranno nel suo locale.

[Fonte: Fox News]