Scontrino spenna-turisti a Roma: 81 euro, ma per cosa?

Che le città turistiche possano nascondere spesso trappole spenna-turisti è cosa arcinota, e Roma di certo non fa eccezione, almeno a giudicare dallo scontrino postato sui social da due ragazzi in vacanza nella capitale.

Lo scontrino, diventato virale in poco tempo, è di quelli in grado di bloccare la digestione di ciò che si è appena mangiato. Il conto? 81,40 euro in due. Tutto sommato, ci può anche stare per un pranzo per due in zona San Pietro, direte voi.
Sì, ma ecco cosa hanno mangiato i due turisti in gita al Vaticano lo scorso nove maggio: due hamburger, a 25 euro l’uno, un caffè americano doppio (otto euro) e due cappuccini doppi (otto euro l’uno).
Alla cifra già di per sé notevole è stato poi aggiunto un 10% per il servizio, e il totale è arrivato sopra gli ottanta euro.

Davvero salato, non c’è nulla da aggiungere. Uno di quei conti a cui le cronache ci hanno purtroppo abituato. Da un lato, ci sono locali che godono di una posizione incredibile e di un servizio impeccabile. Dall’altro, ci sono i turisti, clienti da spremere anche perché difficilmente torneranno.

Il ristorante sotto l’occhio del ciclone si chiama Caffè Vaticano, già tristemente noto agli utenti di TripAdvisor.

Ai turisti che hanno dovuto pagare il conto incriminato c’è una cosa che ci sentiamo di dire: tornate a Roma, sarà pieno di ristoratori dai prezzi onesti che vi faranno scoprire il lato migliore della cucina italiana. Però, il cappuccino a pranzo no, ve lo chiediamo per favore.

[Fonte: Il Corriere della città]

Valentina Dirindin Valentina Dirindin

12 Maggio 2019

commenti (6)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Paolo ha detto:

    Veramente il nome è stato pubblicato su diversi quotidiani che riportavano la notizia
    specificando che si tratta di locale “già noto alle cronache”, come si direbbe in gergo, e con un ranking tripadvisor di 1,5 stelle; che non sarà la Nota Guida Rossa, ma diamine, un voto di 1,5 qualcosa significherà.
    Come già visto nelle situazioni analoghe, il listino del locale avrà di sicuro una dicitura tale da evitare qualunque guaio o fastidio, anche solo amministrativo.

  2. Avatar Livio Noto ha detto:

    Hint: il cappuccino uno lo prende quando gli pare e piace. Anche basta con questo stramaledetto sovranismo alimentare.

  3. Avatar paolo c. ha detto:

    A questi turisti e a tutti gli altri,invece occorre dire di non andare a Roma, e di non venire prorprio in italia,che tanto gli italiani non cambieranno mai. Vi prego,turisti, state lontani da questo paese,che tanto qui siete visti solo come dei bancomat.

  4. Avatar paolo c. ha detto:

    “una somarata”…. gia´perche´noi italiani possediamo la sacra verita´sul cibo e sui suoi abbinamenti….ma per favore.

  5. Avatar Moro ha detto:

    I prezzi sono esposti ? Se si, state parlando (dissapore & soci) di NIENTE