di Manuela 30 Gennaio 2020
visciola

A Serra de’ Conti, nelle Marche, un viscioleto di un’azienda vinicola locale è stato distrutto da vandali. I malfattori hanno abbattuto trecento alberi di notte, utilizzando una motosega. Si trattava di alberi vecchi di dieci anni: il danno è tale che si pensa che dovranno essere sradicati del tutto.

Si sa che il fatto è accaduto nella notte fra lunedì e martedì scorso ed ha coinvolto più persone. Il viscioleto vittima di questo atto vandalico è quello del podere di proprietà di Luca, Gisela e Cristian Cardinale della famosa cantina di visciole di Serra de’ Conti. Luca parla di un gesto inspiegabile. Ovviamente appena si è resa conto dell’accaduto, la famiglia ha subito provveduto a denunciare tutto ai carabinieri di Serra de’ Conti.

Non è ancora stata fatta una stima dei danni economici, ma saranno di sicuro ingenti perché si tratta di una cantina molto attiva. Considerate che nel 2005 hanno iniziato la loro attività imbottigliando una botte da cinque quintali, poi nel 2009 si sono espansi comprando diversi terreni con alberi di visciole. Successivamente sono diventati un’azienda agricola e hanno anche piantato un viscioleto sul terreno a livello delle Curve del Mangano.

Attualmente la loro produzione si attesta su 14mila bottiglie di vino e la loro azienda produce anche confetture, miele, biscotti, caramelle e grappe. Oltre che, ovviamente, il vino di visciole realizzato con mosto di Cabernet e Montepulciano.