Siccità disastrosa in California: a rischio migliaia di ettari di pomodori

La California è alle prese con una siccità disastrosa, che di fatto sta minacciando migliaia di ettari di coltivazione di pomodoro.

siccità

La morsa della siccità non lascia tregua alla California: il fiume Colorado è ormai prosciugato da mesi, con l’amministrazione Biden che già nel corso del periodo estivo si trovò costretta a introdurre tagli idrici senza precedenti nei distretti interessati. Con questo corso d’acqua, insostituibile linfa vitale per questa parte della terra a stelle e strisce, ridotto a un rigagnolo che faticosamente si trascina tra aridi banchi color ruggine e il cielo spietatamente azzurro, il settore locale dell’agricoltura si è ormai arreso all’idea di dover affrontare una crisi disastrosa che, di fatto, andrà con ogni probabilità a determinare importanti tagli produttivi (almeno del 10%, secondo le autorità locali) con conseguenti aumenti dei prezzi al consumo.

pomodoro

Nella fattispecie della California la morsa della siccità minaccia migliaia di ettari di coltivazione di pomodoro: è importante notare, in questo contesto, che queste pianure sono di fatto responsabili di circa il 30 per cento del pomodoro lavorato destinato al mercato mondiale. Le conseguenze della guerra scoppiata in Ucraina la scorsa primavera ci hanno insegnato cosa succede quando a sanguinare sono alcuni dei principali produttori di un determinato prodotto alimentare: nel caso del cosiddetto Granaio d’Europa, ad esempio, abbiamo seguito con il fiato sospeso le quotazioni di grano e olio di girasole raggiungere picchi mai visti prima e giocare alle montagne russe – e lo stesso rischia di ripetersi (seppur, si spesa, con minore volatilità) con i pomodori californiani.