di Valentina Dirindin 15 Novembre 2020

Ferran Adrià, Jordi Cruz e i più alti rappresentanti della ristorazione spagnola si sono riuniti a Barcellona per scrivere al governo in merito alla crisi che il settore sta affrontando.

Una settantina i rappresentanti del mondo della gastronomia che si sono incontrati al Majestic Hotel di Barcellona per discutere insieme le possibili soluzioni di una crisi senza precedenti, provocata dalla pandemia di Covid-19, a causa della quale dal 16 ottobre i ristoranti della Catalogna sono tutti chiusi.

Dopo diverse ore di incontro, i cuochi, tramite il sindacato, hanno inviato un messaggio ai politici per “chiedere la riapertura di bar e ristoranti questo fine settimana”.

La proposta che hanno inviato è quella di aprire questo venerdì, con una capienza interna fino al 50%, rispettando la distanza di sicurezza di 1,5 metri tra un tavolo e l’altro, con con dehorssenza limitazione di capienza, controllo della temperatura e igiene delle mani all’arrivo in struttura e orario di apertura consentito fino alle 23.

Proprio in questi giorni, il governo sta decidendo se prolungare le chiusure, e pare che la direzione sia questa. Per questo i ristoratori sperano di riuscire a smuovere qualcosa in senso opposto, facendosi sentire in qualche modo e sperando di essere ascoltati.

[Fonte: ABC]