di Valentina Dirindin 16 Aprile 2020
firenze arno ponte vecchio

Bisogna ammettere che l’emergenza Coronavirus sta stimolando la creatività degli Italiani, come dimostra il caso del Fiorentino pizzicato in canoa sull’Arno, che prima di essere multato ha provato a giustificarsi dicendo di essere diretto a fare la spesa.

D’altronde, se fare la spesa è più o meno l’unica cosa che ci viene concessa, a questo punto tanto vale approfittarne per fare un po’ di attività fisica. Chi mi impedisce di andare a fare la spesa di corsa, per esempio? O, come nel caso di questo sessantenne di Firenze, a bordo di una canoa lungo l’Arno?

La polizia municipale, però, non la pensa esattamente così e, dopo aver beccato il canoista solitario con un drone e averlo identificato nel giro di qualche giorno, non ha sentito ragioni e lo ha multato per 280 euro. Per individuarlo, le autorità hanno seguito il suo percorso fino all’attracco alla Canottieri Comunali Firenze, la quale ci tiene a far sapere che il soggetto non è appartenente alla società e che la sua condotta non rappresenta in alcun modo il comportamento generale dei suoi soci e atleti, esprimendo “biasimo non solo per questo sconsiderato episodio, ma anche per l’inverosimile motivazione che è stata addotta dall’uomo per giustificarlo”.

[Fonte: La Repubblica | Immagine: Pixabay]