di Valentina Dirindin 25 Maggio 2021
Etihad_Airways_Boeing_787_9_inflight.5e9861e568096

Un vassoio intelligente che monitora le abitudini alimentari dei passeggeri: è l’idea di Etihad Airways per combattere gli sprechi alimentari.

Anche le compagnie aeree dunque entrano nel circolo virtuoso di controllare i consumi ed evitare il food waste, sicuramente uno dei temi del nuovo decennio. Così, in collaborazione con The Concept, una società di sviluppo e design di prodotti con sede negli Emirati Arabi Uniti, la compagnia aerea con sede ad Abu Dhab sta lavorando a questo prodotto super tecnologico.

Il “vassioio intelligente” si chiama Neos Fly +, ed è pensato per monitorare e fornire feedback sulle abitudini alimentari dei passeggeri per consentire una migliore pianificazione di pasti e porzioni.

Se può sembrare una frivolezza, sappiate che così non è: una ricerca di Iata ha mostrato che, in media, ogni passeggero di una compagnia aerea genera circa 1,43 chili di rifiuti alla fine di ogni volo: il 23% sono cibi e bevande non consumati.

Nel complesso, la ristorazione in volo genera oltre un milione di tonnellate di rifiuti alimentari all’anno: il tema della sostenibilità dunque esiste anche in questo frangente, e non è secondario, soprattutto nel momento non troppo lontano in cui il traffico aereo riprenderà a pieno regime.

[Fonte: Simple Flying]