di Marco Locatelli 7 Gennaio 2021
Spreco alimentare cibo

Too Good To Go, l’applicazione che permette di acquistare il cibo prima che venga sprecato, ha raccolto qualcosa come 31,1 milioni di dollari.

A contribuire alla copiosa raccolta fondi di questo round anche una società di venture capital, per la prima volta nella storia di Too Good To Go. La startup opera da diversi anni in diversi paesi europei e gestisce un vero e proprio mercato focalizzato sulla lotta allo spreco alimentare.

Da un lato ristoranti, alimentari, panifici e altre attività alimentari contribuiscono con i prodotti alimentari in eccesso. Dall’altra parte ci sono, invece, i consumatori che possono acquistare il cibo prima che possa diventare invendibile.

Un sistema che permette di “vincere” a tutti: le aziende ottimizzano le entrate, i clienti possono acquistare cibo a ottimi prezzi e gli sprechi alimentari vengono ridotti. Che è poi l’obiettivo di Too Good To Go, che ovviamente trattiene una piccola percentuale sulle transazioni.

Anche se la startup è cresciuta bene, la pandemia ha avuto un grande impatto sui ricavi: molti ristoranti chiudono e molti clienti preferiscono restare a casa. A settembre l’azienda ha registrato una perdita delle entrate pari al 62%.