Surgelati, ognuno di noi ne mangia 15 chili l’anno

Secondo le stime dell'Ilias, negli ultimi due anni i surgelati hanno superato per la prima volta i 15 kg di consumo pro-capite.

surgelati

Ok, siamo certi che tra di voi c’è qualcuno che ne mangia meno. Buon per voi. I dati redatti da Ilias, l’Istituto italiano alimenti surgelati, che ha indagato i trend del comparto negli ultimi due anni, raccontano però una storia che lascia poco spazio all’interpretazione: nel 2020, infatti, si è registrato per la prima volta un consumo pro capite superiore di 15 kg, e ad oggi la quasi totalità degli abitanti dello Stivale (98%) li mangia regolarmente.

surgelati

Date la colpa alla pigrizia da pandemia, al susseguirsi di lockdown, alla crescente propensione a fare scorte. Di fatto, più della metà degli italiani (54%) dal 2020 a oggi ha aumentato il consumo di surgelati (notevolmente per il 18%, e moderatamente per il 36%), con una maggiore incidenza soprattutto negli under 35, che risultano mangiarli più di due volte a settimana. L’indagine, inoltre, registra come il 74% degli intervistati dichiari di aver messo nel proprio freezer prodotti surgelati mai provati prima; mentre vegetali, ittici e pizze surgelate si confermano i prodotti “must have”.

Nello specifico, la praticità (70%), la possibilità di variare spesso il menu (37%) e ridurre gli sprechi (25%) sono state individuate come principali motivazioni a incrementare l’acquisto di surgelati. Come conseguenza del trend, inoltre, è interessante notare come sempre più famiglie abbiano deciso di cambiare il proprio freezer con un elettrodomestico più capiente: si stima un aumento del 40% negli acquisti di frigoriferi di grandi dimensioni nel 2020, e del 32,3% di nuovi freezer.