Tre stelle Michelin perse in un colpo solo, perché è impossibile prenotare: è successo a Tokyo, al Sukiyabashi Jiro di Jiro Ono.

Un tempo era, molto semplicemente, il miglior ristorante di sushi al mondo. Un tre stelle a Tokyo, che avrebbe fatto impallidire ogni mangiata di sushi fatta altrove. Una piccola sala, con bancone sulla cucina a vista (come nella migliore tradizione dei sushi bar) e dieci coperti dieci. Già di per sé, con tre stelle cucite sul petto e così poca disponibilità di posto, presumiamo che mangiare da Jiro fosse piuttosto difficile. Ma pare che col tempo, più che difficile, fosse diventato impossibile. E probabilmente questo è costato al celebre ristorante un declassamento così incredibile, dalle (tre) stelle alle stalle.

A sostenerlo sono diverse fonti: il motivo che ha spinto gli ispettori Michelin a operare una così drastica decisione risiede nel fatto che, praticamente, il sushi bar di Tokyo non fosse più aperto al pubblico. Impossibile prenotare, dicono i bene informati, a meno di non avere gli agganci giusti in città. “Riconosciamo la facoltà di Sukiyabashi Jiro di non accettare prenotazioni da parte di un pubblico “normale”, ma questo lo esclude definitivamente dal nostro campo di applicazione”, ha detto al Guardian un portavoce della Guida Michelin, spiegando la decisione. “La nostra filosofia, è quella di premiare ristoranti in cui tutti possano andare a mangiare per vivere l’esperienza che, pensiamo, meriti di essere vissuta”.

[Fonte: Guardian | Immagine: Wikipedia]

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Oetzi ha detto:

    “il migliore al mondo”, riso pressato con una fetta di pesce crudo.
    Sicuramente c’è una enorme differenza tra i locali di sushi medi e questi di alto livello, con pesce freschissimo. Ma dire “il migliore” è impossibile, ce ne saranno molti altri a Tokyo sullo stesso livello.
    Tornando a lui, ho letto anche più volte di gente che lamentava un trattamento ai limiti del razzista, con una palese insofferenza verso i non giapponesi.
    Chi se ne importa, sinceramente.