di Manuela 21 Ottobre 2020
battesimo

E’ costato caro un pranzo di battesimo in un ristorante a Torino: i 60 invitati sono stati tutti multati per non aver rispettato le norme restrittive del nuovo Dpcm. E sanzione salata anche per il titolare del locale.

I Carabinieri sono arrivati sul posto mentre il pranzo era in pieno svolgimento. Una volta giunti al ristorante di Carmagnola, in provincia di Torino, hanno trovato tutti i partecipanti alla festa di battesimo felicemente seduti a tavola. Solo che il numero di partecipanti superava quello previsto dal nuovo Dpcm e i Carabinieri hanno multato tutti i commensali per aver violato le norme anti assembramento.

Multa salata anche al ristoratore, che è risultato l’unico ad aver accettato di correre questo rischio: nonostante abbia cercato di spiegare che “doveva pur lavorare”, si è visto comminare una multa di 1.000 euro.

Rimanendo sempre in provincia di Torino, ma andando a Rivalta, poi, qui un uomo è stato multato perché camminava fra i banchi del mercato senza indossare la mascherina. Diversi ambulanti l’avevano più volte invitato a mettersi il dispositivo di protezione, ma l’uomo ha fatto orecchie da mercante, continuando a spostarsi di banco in banco senza mascherina. Solo che poi sono arrivati gli agenti della Polizia locale: anche loro gli hanno ricordato di mettersi la mascherina.

Al che l’uomo si è giustificato sostenendo di esserla dimenticata. Risultato? Multa da 400 euro, così come contemplato dal Dpcm.

1