UK, i supermercati saranno obbligati a mettere frutta e verdura all’ingresso?

Uno studio inglese mostra che cambiando la posizione dei reparti frutta e verdura nei supermercati, cambiano le abitudini di acquisto e la dieta.

frutta verdura scaffali supermecato

Dopo la “tassa sulle merendine”, il Regno Unito si appresta a vietare offerte e promozioni nei supermercati su prodotti considerati poco sani. Quale potrebbe essere il passaggio successivo? Se lo chiede Food Navigator, e si risponde: magari l’obbligo di mettere i reparti frutta e verdura all’ingresso dello store, all’inizio del lungo percorso serpeggiante tra gli scaffali. L’idea non è peregrina: deriva anzi da uno studio di recente pubblicazione, che ha indagato gli effetti che avrebbe un diverso posizionamento dei reparti, diciamo più salutista, sulle vendite per il negozio, sugli acquisti per le famiglie, sulla dieta per i singoli.

Lo studio è stato effettuato su 3 discount del centro di Londra per 6 mesi (altri 3 supermercati sono stati usati come gruppo di controllo). Gli interventi sono stati di due tipi: in primis, sono state inserite nuove sezioni di frutta e verdura fresca vicino agli ingressi dei super, e verdure surgelate riposizionate nella corsia di ingresso; in secondo luogo, sono stati rimossi i dolciumi dalle casse e dalle estremità dei corridoi di fronte alle casse.

verdura

L’analisi ha mostrato che gli aumenti delle vendite a livello di negozio di frutta e verdura erano maggiori nei negozi oggetto dell’intervento rispetto al previsto. La proporzione di acquisto di frutta e verdura a settimana è aumentata tra i partecipanti all’intervento rispetto ai partecipanti di controllo. Le vendite di dolciumi nei negozi in cui è stata effettuata la sperimentazione sono state inferiori a quanto previsto: circa 1.575 porzioni in meno per negozio, a settimana, rispettivamente. I cambiamenti nelle variabili dietetiche erano prevalentemente nella direzione prevista, quella di apportare benefici alla salute.

Lo studio conclude: “Layout più sani dei supermercati possono migliorare il profilo nutrizionale delle vendite nei negozi e probabilmente migliorare gli acquisti delle famiglie e la qualità della dieta. La collocazione di frutta e verdura vicino agli ingressi dei negozi dovrebbe essere considerata insieme alle politiche per limitare il posizionamento prominente di alimenti non salutari“.

Potrebbe interessarti anche