di Marco Locatelli 16 Settembre 2020
vino rosso

Maxi truffa di vini da discount venduti come fossero bottiglie pregiate Igt, Doc o Docg a prezzi molto concorrenziali. La maggior parte delle operazioni venivano eseguite sul web, soprattutto su eBay.

I truffatori acquistavano vino “normale”, spesso anche scadente, e lo usavano per riempire bottiglie vuote di Champagne, Brunello o Barbaresco. Le bottiglie venivano poi sigillate con tappi di sughero e capsule contraffatte.

Infine le bottiglie di falso vino pregiato venivano messe sul mercato, sulle piazze online. La maxi truffa era nel mirino dei Nas di Firenze dal 2018 ed è coinvolta tutta la penisola: provincie di Avellino, Barletta-Andria-Trani, Brescia, Como, Foggia, Pisa, Prato e Roma. Nove i decreti di perquisizione nei confronti di altrettanti indagati per contraffazione di vini pregiati, sia italiani che stranieri.

Le bottiglie contraffatte venivano vendute non solo in Italia, ma anche in Spagna, Germania, Belgio, Francia e USA. Ovviamente i prezzi molto concorrenziali sono il primo campanello d’allarme, ma i non esperti possono facilmente incappare in truffe di questo tipo.