di Valentina Dirindin 10 Febbraio 2020
vigna

Nel mondo del vino si registra una buona crescita di vendite per il Chianti Docg, che fa registrare un +6,3% in Italia. Il 2019 è stato quindi un anno in crescita rispetto al 2018, come comunica il Consorzio Vino Chianti, che sottolinea anche la crescita di un punto percentuale (di nuovo anno su anno) per il mercato globale, corrispondente a un milione di bottiglie in più vendute, “nonostante il calo della Germania (dove si è registrato un -10%) e la sostanziale stagnazione degli Usa”, come spiega  il presidente del Consorzio di tutela Giovanni Busi.

Questi dati sono “positivi soprattutto se paragonati all’andamento commerciale delle bottiglie da 0,75 che sono cresciute in Italia solo dell’1,5%”, commenta Busi e “mostrano che la strada imboccata ormai da anni è quella giusta. Una strada fatta di innalzamento della qualità del prodotto e di promozione dell’immagine sui mercati strategici, vecchi e nuovi”.

Un trend che va avanti da diversi anni, come è evidente se si guardano i dati dal 2013 a oggi: “Negli ultimi 7 anni- sostiene infatti il presidente- si evidenzia un incremento del 23% delle bottiglie vendute, con una crescita a valore del 33%. Nello stesso periodo, il segmento in bottiglia da 0,75 è cresciuto del 7% in volume e del 22% a valore”.

[Fonte: Ansa Terra & Gusto]