Vino Chianti, le vendite continuano ad andare bene: +14% sul 2020

Quella del vino Chianti è una tendenza  persino migliore rispetto a quella dell'era pre-Covid.

Chianti

Prosegue il trend positivo delle vendite di vino Chianti. Il Consorzio registra a maggio 2021 una crescita del +14% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del +8% rispetto al periodo gennaio-maggio 2019.

Insomma, una tendenza  persino migliore rispetto a quella dell’era pre-Covid. Il report arriva dall’ultima assemblea del Consorzio Vino Chianti in programma oggi, 18 giugno.

Non solo di vendite si è parlato: durante l’assemblea al centro anche l’importanza dell’equilibrio fra domanda e offerta e i problemi del credito bancario.

“L’assemblea ha chiesto la riduzione del 15% delle rese massime produttive per la vendemmia 2021 per continuare in questa fase di riequilibrio dell’offerta con la domanda – spiega Marco Alessandro Bani, direttore del Consorzio Vino Chianti -. E’ una scelta che impone sacrifici al mondo della produzione, ma ci si augura possa permettere di mantenere i prezzi del vino sfuso a un livello tale che sia comunque garantita la remuneratività della parte della filiera che produce vino destinato a essere venduto come sfuso”.

Se il trend è positivo, non tutti possono dirsi soddisfatti, precisa Bani: “Le vendite sono concentrare sulle aziende che vendono nella grande distribuzione mentre tutte quelle che sono sul canale Horeca hanno visto le vendite azzerate”.

Fonte: Gonews

Potrebbe interessarti anche