di Veronica Godano 2 Aprile 2020

Zitti tutti, parla Vittorio Feltri che, in questo periodo di emergenza Coronavirus, “ovviamente” non risparmia nessuno. I suoi post oscillano tra il serio e il faceto costantemente, come ieri, quando ha scritto sui social che “peggio di noi cantano solo i cantanti agli arresti domiciliari” e ancora, un paio di giorni fa nel suo mirino è finito l’Istituto Superiore di Sanità (Iss): “L’Istituto superiore di sanità raccomanda: non assumere medicine fai da te. E allora fatele voi c……i”. Ora è il turno del Governo, rimproverato per il caso dell’uomo multato a Vigliano, reo di aver comprato solo alcol nel supermercato. Totale della multa: 102,50 euro per l’acquisto di 3 bottiglie di vino (e anche un pacco di spaghetti c’era nel cestino della sua bici quando l’hanno fermato).

La compera, secondo i militari, non può essere considerata una necessità e, quindi, l’uomo, che si è spostato su 2 ruote per tornare a casa, avrebbe messo in pericolo la salute pubblica e non avrebbe rispettato la regola che prevede lo spostamento solo per motivi validi o di necessità.  “Quando un governo rifila una multa a un vecchio signore che acquista al supermercato tre bottiglie di vino – scrive Feltri su Twitter – vuol dire che è ubriaco di vanagloria”.