10 amburgherie da mettere nella classifica italiana dell’hamburger gourmet

10 amburgherie da mettere nella classifica italiana dell’hamburger gourmetSe permettete iniziamo dalla fine, cioè dall’ultima domanda rivolta a Pierre Dukan, l’inventore della dieta omonina –osannato dai seguaci e ripudiato dai colleghi medici– nell’intervista di oggi su Repubblica. “Non crede sia preferibile mangiare di tutto, diminuendo le porzioni?”.

Per mettere ordine nel caos di ipotesi proposte negli ultimi mesi con l’intento di spiegare il successo planetario della Dukan leggete con attenzione la risposta.

“Così si dimagrisce poco e lentamente, con il rischio di scoraggiarsi e rinunciare. Conosco donne e uomini che scelgono di seguire una dieta. Estremisti che non accettano le mezze misure, magari perché soffrono di stress, hanno un disagio psicologico o attraversano un periodo difficile. Vogliono risultati rapidi”.

Brutale ma efficace: dato un problema questa è la soluzione, e tanti saluti del dogma salutista dell’alimentazione bilanciata. A proposito, sapevate di essere estremisti, stressati o psicologicamente disagiati?

Prima dell’ultima domanda, l’intervista offre il classico tira e molla che ci siamo sciroppati fino alla consunzione. Da una parte Repubblica: “L’hanno radiata dall’ordine dei medici per aver violato il codice deontologico sfruttando il suo marchio con prodotti e libri”, dall’altra Dukan, che puntando il dito sui presunti nemici (l’industria degli snacks e la sua filiera, le aziende dei farmaci che curano i disturbi provocati dai cattivi alimenti) risponde filosofeggiando: “In Francia le persone che hanno successo non piacciono”.

E cosa ne pensate voi dell’ultima proposta del dietologo, introdurre un premio per gli studenti che supererano l’esame di maturità senza essere in sovrappeso? (I fan rinuncino a rispondere. Essì, se fate scorta di crusca d’avena, cereale un tempo riservato ai cavalli, o se viaggiate con la bresaola in borsa per i fuoripasto siete evidentemente dei fan).

Lui la trova sottovalutata. “Così come s’insegna l’educazione fisica e sessuale, non capisco perché non dovrebbe esistere l’educazione alimentare”.

[Crediti | Link: Repubblica.it, immagine: Telegraph]

commenti (10)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. (Ma guarda. “In Francia le persone che hanno successo non piacciono”, esattamente come l’arcinoto adagio “In Italia/nello spettacolo ti perdonano tutto tranne il successo”. L’onnipresente percezione della presunta invidia altrui è il miglior antidoto contro le critiche sensate, neh?)

  2. Avatar razmataz ha detto:

    io sono estremista, stressata e psicologicamente disagiata ma com’è che non mi viene proprio in mente di fare la dukan ?

  3. In una libreria Giunti al Punto, ho chiesto alla commessa perchè il libro di Dukan fosse ancora in bella mostra.
    Mi ha detto che se fosse per lei lo avrebbe già tolto.
    Ma c’è una richiesta impressionante.
    Dukan ha capito meglio di tutti il detto,parlate di me ,come volete,purchè ne parliate.

  4. Avatar Mauro ha detto:

    Dukan non critica una sana dieta bilanciata, dove assumiamo carboidrati, grassi proteine mangiando un po di tutto, dalle carni rosse, al pane e i legumi.

    Dukan solamente ha teorizzato una dieta alternativa capace di nutrire, saziare un individuo ed al tempo stesso fargli perdere peso in tempi rapidi, è in effetti molto efficace, l’ho visto su persone sovrappeso, perdere 20 kg in meno di un anno

    Purtroppo troppa gente manca di educazione alimentare, ed oltre a farla se vogliono perdere peso (in alcuni casi si tratta di 30-40 kg in più) in tempi ragionevoli (1-2 anni) devono adottare misure drastiche.

    1. Mauro,in un certo senso,possiamo dire che sei un Dukaniano. :))

    2. Avatar dink ha detto:

      20 kg in meno di un anno ti sembra rapido? Beh, io ne ho persi trenta in meno di sei mesi, semplicemente mangiando di meno ma senza limitazioni astruse (stando solo un po’attento a zuccheri e grassi) e un po’ di cyclette giornaliera: le bresaole a colazione pranzo e cena se le magnasse Dukan!

    3. Avatar Mauro ha detto:

      5 kg al mese è un risultato importante, 30 kg in 6 mesi eccezionale, perché continuativo

      Non so da che peso partissi, ma sono davvero tanti

    4. Avatar dink ha detto:

      Ad inzio dicembre partivo da 129,5 kg: oggi (pesato stamattina) peso 98,9 kg, dopo essermi fatto visitare e prescrivere uno schema personale calorico di dieta metabolica all’istituto di fisiologia clinica del CNR, persino troppo generoso (l’idea iniziale era di perdere 10kg in sei mesi): basandomi su quello schema, e badando a non superare le quantità indicate, mi sono imposto un regime frugrale nella settimana (molte verdure, controllo nei carboidrati e nei grassi, niente zuccheri aggiunti, pesce) con concessioni nel weekend (carne e formaggio): sono sopravvissuto senza danni a pranzi di natale e capodanno, feste di compleanno, vacanze in Valle d’Aosta (ottimo il lardo di Arnad!), non mi sono privato di vini e birra, senza esagerare e badando all’ottima qualità, ho affinato le mie tecniche culinarie nell’uso di spezie ed erbe aromatiche e nella cucina giapponese (piuttosto ipocalorica, tempura e okonomiyaki a parte); e, infine, 50 minuti di cyclette al giorno almeno per 5 gioni alla settimana (e un po’ di addominali per rassodare la pancia). Mangio molto meglio di prima, sto fisicamente benissimo (analisi del sangue perfette), mi godo i complimenti di tutti e felicemente veleggio verso il mio traguardo di fine anno, 80 Kg di perso forma che sono sicurissimo di raggiungere senza lo stress di diete assurde.

  5. Avatar Mauro ha detto:

    Dukan ha estremizzato pratiche in uso da molti dietologi, tant’è che Bresaola e tonno sono presenti in abbondanza anche nelle diete scritte dai dietologi vip.

    Altri studi (leggasi il blog di Bressanini) hanno portato a conclusioni simili a quelle di Dunkan.

    In sintesi le diete molto proteiche (a parità di calorie) permettono di mantenere la massa magra riducendo quella grassa.