salmone, pasto più sano del mondo, pasto perfetto

Questo è il pasto più sano del mondo, prima di continuare nella lettura #sappiatelo. Entrée composta da salmone (fresco o affumicato) servito con pane integrale ricco di cereali e accompagnato da un’insalatina condita con olio d’oliva. Il piatto forte contiene pollo e lenticchie scortati da verdure miste cotte. Per chiudere: budino di yogurt ricoperto da noci e caramello dolcificato.

Non basta? Niente panico, sono previsti anche i fuori pasto, tra gli altri: cioccolata calda, frutta secca, frutti di bosco, chewing gum senza zucchero allo xilitolo e per dissetarsi 2 litri di acqua al giorno.

Se state pensando alla dieta anti-Dukan siete fuori strada. O meglio, potrebbe diventarlo se troverà testimonial in vista quanto la principessa Kate. No, questo è, banalmente, il pasto più sano del mondo.

Dopo decenni di proclami da parte degli scienziati di tutto il pianeta, lo hanno deciso gli studi appena pubblicati da un ente indipendente britannico, il Leather Head Food Institute, che analizzando oltre 4 mila ricerche e incrociando i dati con annunci pubblicitari e inviti al consumo da parte di aziende e supermercati, hanno compilato il menu perfetto per la presenza di proteine e vitamine, le sostanze che aiutano il cuore e la circolazione e che combattono il colesterolo cattivo.

Gli ingredienti non sono lì per caso. Il salmone ricco di Omega 3 tiene sotto controllo il colesterolo, il pane integrale ricco di acido folico è utile per il cervello, le proteine del pollo giovano alla massa muscolare, l’acido pantotenico delle lenticchie aiuta a ridurre stanchezza e stress.

Si potrebbe eccepire che nel pasto perfetto c’è ben poco di mediterraneo. Sempre incontentabili, eh? Avete alternative da suggerire in questo senso, nonsò, sardene invece del salmone?

[Corriere.it]

commenti (23)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Fra un anno ci diranno che ogni giorno è ottima cosa per mantenersi giovani
    mangiare 10 grammi di. . .
    Perchè seguire le mode?
    Sono un conservatore e tradizionalista.(solo a tavola).

  2. Avatar mafi ha detto:

    Camperò fino a cent’anni.
    Buono il salmone, lo mangio spessissimo, mi piace in tutte le salse proprio come il tonno. Accompagnato al riso basmati (pane integrale: manca), che ha un indice glicemico più basso (sapevatelo…ma già lo sapevate) rispetto agli altri. Le lenticchie sono il mio legume preferito. Lo yogurt pure c’è.
    Però di notte mi sogno un enorme raviolo che mi corteggia lussurioso. E allora quando ne ho voglia mi lascio andare, mi tolgo i miei buoni sfizi e poi mi rimetto in riga, senza prendere un etto.
    Alternative? Tutto, con moderazione. Come faceva il nonno, che non si è mai privato di nulla (godereccio) e ha campato alla grande, felice e in forma.

    ps
    buono il salmone, ma non tutti i dì

    1. Io invece, quando cerco di mangiare sano, poi dormo malissimo: nei miei sogni, l’enorme raviolo che mi corteggia lussurioso ha i bigodini e il pigiamone di pile di Superpippo.
      Così mi sveglio tutto agitato in piena notte e solo un cacciatorino e 2 etti di olive riescono a farmi riprendere sonno.

    2. Avatar mafi ha detto:

      …è che adoro i ravioli, ne mangerei a vagonate e non mi stancherei mai. Idem le patate al forno, ma tante patate al forno.
      Invece quando mangiavo carne, più che al cacciatorino, mi davo ai wurstel freddi di frigo.

  3. Avatar gumbo chicken ha detto:

    Ma il fondatore dell’istituto è questo? http://tinyurl.com/cg65p4a
    Dite che c’è da fidarsi? 😀

    Più seriamente, a parte la scelta precisa di un ingrediente o l’altro, la dieta non mi sembra particolarmente strana né innovativa no?

    1. Avatar mafi ha detto:

      E’ un tantino, come dire…scarna? Magari uno sgombro (Omega 3 a gogò) ogni tanto, per variare. Per quanto lo ami, solo salmone, un umano non può!

    2. Avatar gumbo chicken ha detto:

      Ah ma io avevo inteso questo menu come esempio – basato su quei componenti Omega 3, acido folico ecc. non da mangiare esattamente così per sempre!

      In ogni caso nell’originale si parla di “salmon terrine” e “chicken casserole” che a me evocano ricordi di mappazze non indifferenti, ma forse loro hanno intenzione di allegare ricette light…

  4. Aprirei dei sotto thread del tipo:
    1- Sono vegetariano. Il salmone MAI questa dieta e’ assassina
    2- Si fa presto a dire salmone: Allevato o Selvaggio
    3- Il salmone norvegese e’ piu’ grasso dello scozzese o piu’ saporito dell’alaskiano
    4- L’affumicatura non faceva male?
    5- Lo affumichiamo con l’ulivo ligure o del pero francese. Noma suggerisce il licheno dello stagista.
    6- Lenticchia di castelluccio meglio della turca
    7-…

  5. Il salmone? Il salmone… Ma siamo sicuri? Di selvaggi non ce n’è quasi più (si fa per dire ma se tutti ci mettiamo a mangiarli è la fine), e gli allevati, poveretti (loro e noi), li lascerei perdere… Se la legge Foer, questa dieta, si scatena un putiferio! E anch’io non sono d’accordo. Pesce azzurro tutta la vita, ma con moderazione, eh…

  6. Avatar dink ha detto:

    “Si potrebbe eccepire che nel pasto perfetto c’è ben poco di mediterraneo. ”
    Olio d’oliva, legumi, insalata, verdure, yogurt, pollo, frutta secca, cereali: salmone a parte, cosa c’è esattamente di ben poco di mediterraneo in questi ingredienti?

    1. esatto, è la stessa cosa che mi stavo domandando pure io. se poi sostituisci il salmone con un pesce azzurro, esce fuori un pasto completamente mediterraneo.

    2. Se poi ci mettiamo 2 spaghetti al pomodoro ogni tanto, allora si comincia a ragionare. Ottimo il salmone, ma siamo così sicuri sulla sua salubrità?
      Io comunque lo mangio spesso anche perchè lo digerisco benissimo, al contrario del pesce azzurro.

    3. il problema del pesce azzurro è che facilmente deperibile, molto di più rispetto ad altri pesci.
      quindi o lo mangi freschissimo, ed è digeribilissimo, oppure ti può dare problemi, oltretutto ha dei livelli molto alti di istamina.
      c’è chi dice che le alici pescate la mattina, la sera siano già non più fresche, tanto per dare un metro di paragone.
      ma il pesce azzurro appena pescato è splendido e fa benissimo, certo per chi non abita sul mare è molto difficile da trovare.

    4. Devo confermare pure io quello che ha detto Stefano F.
      Forse la spiegazione è in quello che dici,Gianluca.
      Cmq ,cerco di non esagerare con i quantitativi.
      Ma di fronte ad una frittura di alici ,che fai?

    5. te le magni! magari intingendole in un ristretto di aceto balsamico e una spruzzatina di limone…..goduria!! 🙂

    6. In effetti quello che dice Gianluca è probabilmente la chiave del problema. Ricordo di aver mangiato, a casa di amici a Castiglione della Pescaia, una frittura di alici squisita e di aver digerito senza problemi. E le alici erano state prese dal peschereccio, dell’amico che le ha poi cucinate, appena rientrato in porto la sera. Più fresche di così…
      Però ho avuto anche esperienze, sempre buone al palato ma decisamente meno piacevoli in nottata.

    7. Avatar esp ha detto:

      Le acciughe dell’ Adriatico, essendo più grasse, sono meno digeribili di quelle del Tirreno e, al gusto, sono spiacevolmente amarognole. In compenso, puoi usarle come termometro per misurare la temperatura…

    8. Avatar dink ha detto:

      Amarognole? In genere il pesce dell’Adriatico è più dolce e saporito di quello del Tirreno.

    9. acciughe come termometro? dovresti prima usare pesci molto più grandi. e il tirreno non è certo un mare privo di inquinamento, anzi…