salone del gusto 2012, terra madre 2012, presentazione A 150 giorni dal Salone del gusto 2012 (+ Terra madre) è in corso la presentazione nella sala gialla del Lingotto fiere di Torino. Di seguito trovate la compilescion delle ultime parole famose intercettate dalla diretta Twitter. Dividiamoci i compiti: mentre noi le giudichiamo silenziosamente, voi, per la serie “oggi tutti maestrini”, votate la frase che vi impressiona di più. Impressiona, nel senso ampio del termine.

Piero Fassino, sindaco di Torino: “Mangiare bene e bere bene non è più elitario grazie a SlowFood”.
VOTO?
Luca Mercalli, meteorologo: “Se mangio una fragola a Natale è come se ingoiassi un bicchierino di gasolio”.
VOTO?
Roberto Burdese, presidente Slow Food: “In questo mondo circolano più armi e stupefacenti dei cibi delle comunità locali”.
VOTO?
Roberto Burdese, presidente Slow Food: “70 000 metri quadrati allestiti, più di 1000 espositori da più di 100 Paesi, 300 Presìdi, 200 appuntamenti su prenotazione”.
VOTO?
Carlo Petrini, fondatore di Slow Food: “Non abbiamo bisogno di consumi disattenti. Con la crisi ripensare ai consumi non più basati sulla quantità”.
VOTO?
Carlo Petrini, fondatore di Slow Food: “Ho visto sempre la nicchia del cibo in un’ottica cimiteriale”. (Questa, se riferita alle micro caste del cibo, critici, giornalisti specializzati, chef ultrastellati è la nostra preferita. Poi fate voi).
VOTO?

[Twitter]

commenti (2)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Mauro ha detto:

    Piuttosto che dare voti mi sento di condividere Fassino, anche col suo stile asciutto, ha detto giustamente che grazie allo Slow Food mangiare bene diviene alla portata di tutti, aberrante la tesi per cui debba essere un lusso mangiare bene, tanto più in un mondo dove si spende più per armi e stupefacenti come ricordava Burdese.
    spero solo sia sempre Slow Food e non qualcosa d’altro sedotta dalla lusinghe di gruppi industriali cui interessa solo il popolare logo, per cui alcune aziende non dovrebbe essere ammesse al salone del gusto

    Che sia il salone dei tanti piccoli produttori sconosciuti ai più