Tutti i ristoranti che Franco Fiorito ha pagato con i nostri soldi

Attraverso una mai troppo lodata opera di rendicontazione dei conti del PdL Lazio, Franco Bechis, vicedirettore di Libero, rende noti oggi tutti i ristoranti che un altro Franco, il mastodontico Fiorito, ex capogruppo del partito nei guai per la gestione allegra di fondi pubblici, pagava con soldi nostri. Sono nell’ordine: il ristorante-enoteca L’Angolo del vino, […]

pasqualino al colosseo, ristorante, roma

Attraverso una mai troppo lodata opera di rendicontazione dei conti del PdL Lazio, Franco Bechis, vicedirettore di Libero, rende noti oggi tutti i ristoranti che un altro Franco, il mastodontico Fiorito, ex capogruppo del partito nei guai per la gestione allegra di fondi pubblici, pagava con soldi nostri.

Sono nell’ordine: il ristorante-enoteca L’Angolo del vino, in via Enrico Giglioli 85/A, (21.002 euro), la trattoria Pasqualino al Colosseo in via dei Santissimi Quattro, 66 (19.501 euro), e l’elegante Gran Cafè Rossi & Martini, in Piazza del Colosseo 3ab (15.801,5 euro), tutti a Roma.

Cui dobbiamo aggiungere i locali dello sbafo prediletti dai suoi compagni di gruppo: l’ottimo ristorante di pesce Ottavio, sempre a Roma (350 euro), come l’enoteca Trucchi di via Cavour (784 euro), infine il Pepenero di Capodimonte sul lago di Bolsena (6.000 euro).
[Giornalettismo]

Capodimonte franco fiorito Pasqualino al Colosseo pdl romano regione lazio ristorante Pepenero Roma viterbo
Potrebbe interessarti anche