di Anna Silveri 5 Dicembre 2017

Lievità. Vi abbiamo decantato le meraviglie del piccolo locale milanese, nostra prima scelta tra le pizzerie che hanno reso il 2016 di Milano un anno incredibile per la pizza.

Illuminata dalle pizze di Giorgio Caruso, 32 anni, primattore anche nel recente Campionato della pizza di Dissapore, Pizzeria Gourmet Lievità è un progetto che il pizzaiolo casertano ha realizzato con due soci. Le cose sono andate bene, come testimonia l’apertura di altri due locali sempre a Milano.

[10 pizzerie che hanno reso il 2016 di Milano un anno incredibile per la pizza]

Un successo che —lo annuncia La Stampa— prosegue ora con l’apertura di due avamposti a Londra.

Gianmaria D’Angelo, casertano di 32 anni, dopo gli studi alla Bocconi di Milano, dove ha conosciuto gli attuali compagni in affari, decide di aprire una pizzeria: “A saperlo che saresti finito a vendere pizze e panini mi sarei risparmiato i soldi dell’università!”, dice spesso suo padre Salvatore, ingegnere.

Peraltro, Gianmaria segue le orme del fratello minore, Andrea, che sempre a Milano ha già aperto “Trita”, locale nella zona dei Navigli specializzato in hamburger all’italiana.

“E’ stato sempre mio fratello a volere una pizzeria. Sfornare pizze a Milano? Idea banalissima”, dice Gianamaria, consapevole però di avere un asso nella manica, proprio il pizzaiolo Giorgio Caruso.

Caruso è uno specialista degli impasti a lunga lievitazione con farine integrali lavorate a pietra, che da Caserta si è trasferito a Milano per aiutare i due fratelli ad aprire Lievità, inaugurata nel 2015.

Le pizze spaziano dalle 6 varietà di pizza margherita ad altre 6 con ingredienti come olive nere di Caiazzo o gamberi rossi di Mazara del Vallo. E dopo un anno, visto il grande successo, apre la seconda pizzeria Lievità, più grande della prima, e infine anche una terza, sempre nel capoluogo lombardo.

[Taverna Gourmet vs. Lievità: Campionato della Pizza 2017]

E ora, l’ultimo traguardo: l’arrivo a Londra, con due punti vendita a Swiss Cottage (zone servite: Hampstead, Chalk Farm, Finchley) e Islington (zone servite: Roman Way, Islington).

Papà Salvatore può essere contento: alla fine, i soldi investiti nell’università  hanno comunque dato i loro frutti.

[Crediti: La Stampa]