Non fermate il boia

jpg_1749415Il giudice milanese Giulio Benedetti ama le aragoste. Le ama a tal punto da non rassegnarsi all’idea che finiscano vive nell’acqua bollente. Il tenero giudice Benedetti non sopporta nemmeno la vista delle aragoste “addormentate” sul ghiaccio prima della cottura. Il devoto giudice Benedetti condivide così tanto la causa animalista che non si è fatto scrupolo nel 2007, di denunciare un ristoratore milanese e la moglie. Poi che c’entra, un mese fa il tribunale li ha assolti perchè il fatto non costituisce reato. Accogliendo la chiarissima tesi dell’avvocato difensore Luca Giuliante, e cioè: “La consuetudine gastronomica prevede che la cottura avvenga quando l’astice è ancora vivo”. Punto.

Ma l’ostinato giudice Benedetti non si è dato per vinto impugnando la sentenza. Secondo lui manca una perizia che verifichi le sofferenze delle povere bestie. “Nonostante non abbiano un sistema nervoso centrale, gli astici possono soffrire come i vertebrati”.

Il pervicace giudice Benedetti si è preso il fastidio di farle, quelle benedette perizie. E oggi dice a tutti che mettere i crostacei sul ghiaccio è “assolutamente inappropriato sia come metodo anestetico che come metodo di stoccaggio”. Ma non finisce qui. “Un sistema nervoso più o meno elementare è in grado di recepire il massimo della stimolazione”. Risultato: avremo un altro grado di giudizio, ne sentivamo il bisogno. Si va tutti in appello per stabilire se è lecito uccidere animali vivi, pur senza farli soffrire.

In attesa della sentenza, non potendo aspettare che le aragoste muoiano di vecchiaia per poterle mangiare, mi sono comprato questa indispensabile “sedia elettrica per aragoste“. Basta una scarica et voilà, abbiamo dato un dispiacere al caritatevole giudice Benedetti. Oggi, in suo onore ho preparato antipasto di cozze e ostriche crude. E soprattutto vive, quasi palpitanti.

Prisca Sacchetti

25 novembre 2009

commenti (26)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Ma le sedie elettriche sono solo per le aragoste? Chissà come l’ha presa male l’astice.
    Pare abbia commentato “Che dio ce ne SCAMPI”

    Adesso voglio sapere se i manzi vengo giustiziati dopo regolare processo o se sono vittime di una magistratura faziosa e comunista!

    1. Magari dopo un bel periodo di depressione!

  2. Adesso moriranno dal ridere…
    Requiescant.

  3. Ma tralaltro il giudice ignora che le aragoste vengono pescate in acque spesso freddissime, e che pertanto lo stare sul ghiaccio (che è poco più freddo dell’acqua dove vivono) certamente non potrebbe farle soffrire, anche volendo accettare che le aragoste possano “sentire” queste sensazioni, cosa che peraltro non è vera!

    1. Non credo sia necessario essere un’aragosta per conoscere la temperatura del mare nel quale le stesse vivono.. se ti informassi, forse lo sapresti anche tu.

  4. Il vero scandalo è sperperare i soldi pubblici in simili idiozie. Questi giudici veramente fanno il gioco di Berlusconi.

    1. Hai proprio ragione. Sono senza vergogna!

  5. Direi di prendere la questione un poco più seriamente leggendo il meraviglioso reportage del compianto David Foster Wallace “Considera l’aragosta” (Einaudi)

  6. Ma quel giudice (con la faccia da uomo, immagino) lo sa che astici (che oltretutto arrivano da oltreoceano) ed aragoste “devono” essere venduti vivi, per la loro estrema deperibilità? Ha mai visto, per non dire mangiato, una aragosta morta anche da un solo giorno?

    Giudice….ma per piacere, un pò di serietà:

    1. Nel 2009 non abbiamo nessuna tecnologia capace di evitare che l’aragosta o astice di turno deperiscano dopo un giorno? Strano

  7. Un giudice monta uno scandalo per un pesce bollito; un ragazzo massacrato a calci in tribunale, in totale omertà.
    Eccovi la morale ai tempi dell’astice.

«
Privacy Policy