di Manuele Berti 12 Agosto 2010

Grazia Marino, 74 anni, arrivata in coma all’ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto, è morta l’altra notte in seguito a una intossicazione alimentare.

La causa sarebbe un piatto di lasagne al forno comprate alla rosticceria “Peli e Penne” di Falcone (Messina) ma preparata a Brolo, a 80 chilometri di distanza.

Secondo una prima ricostruzione, la vittima trascorreva un periodo di vacanza con la famiglia nella località balneare siciliana. Per cena, tutti hanno mangiato pasta al forno comprata da “Peli e Penne”, che vende polli allo spiedo e gastronomia. Poco dopo, l’anziana e quattro suoi parenti si sono sentiti male e in nottata hanno chiamato il 118 che li ha trasferiti in ospedale, dove Grazia Marino è deceduta. I suoi familiari hanno ricevuto le cure necessarie per un’intossicazione alimentare e sono stati dimessi. La Procura ha disposto l’autopsia che si terrà questa mattina.

Altre due ragazze in vacanza a Falcone sono finite in ospedale dopo aver mangiato le lasagne comprate nella stessa rosticceria, ora sequestrata. Sono stati prelevati campioni per stabilire se la pasta era confezionata in modo adeguato, mentre il proprietario di “Peli e Penne”, Edoardo Recupero, è indagato per omicidio colposo.

[Fonte: La Stampa, immagine: Ansa]