di Prisca Sacchetti 4 Settembre 2009
carrello spesa

090204_supermarket_savingsOggi piove signora, abbiamo preparato per lei offerte veramente speciali. Il clima cambia e influisce sui consumi alimentari, lo sapevate? Nell’Italia del barometro fermo sul bello stabile, i supermercati non si sono ancora organizzati. Ma provate a gestirne uno in Gran Bretagna. Il tempo, che è instabile e poco prevedibile, costringe il personale a cambiare di continuo i prodotti esposti negli scaffali per accontentare la clientela. Gasp! Estenuante. Tanto che una grande catena di supermarket inglesi, la Tesco, sfinita dagli effetti che il bizzarro clima britannico produce sui suoi clienti, si è messa a fare le previsioni del cibo.

Negli ultimi tre anni un team di sei persone ha monitorato giorno per giorno i cambiamenti del clima e le conseguenze sugli acquisti, scoprendo (ma ci arrivavo anche io) che il bel tempo spinge gli inglesi a comprare più carne e lattuga per la grigliata in giardino, mentre, in caso di pioggia, stravincono zuppe e i legumi. Incrociando i dati, Tesco ha tirato fuori un software che calcola ora per ora lo shopping ideale. E poverini, gli addetti ora cambiano merce in base ai capricci del software, ops! del tempo, pare permettendo alla Tesco di limitare sprechi di cibo e e denaro.

E prendendosi qualche soddisfazione perfino nei confronti del leggendario servizio meteo inglese, costretto a scusarsi durante l’estate per alcuni errori commessi. Per dire, il 21 agosto aveva previsto barbecue a volontà, invece è piovuta zuppa. Quanto vi sareste incavolati voi con la griglia allagata?