Lavazza vs Nespresso | Chi ha diritto al paradiso?

Immagine 9Il caffè rende incazzosi. Dovrei dire nervosi ma tra Lavazza e Nestlè è scoppiata la lite. Gaetano Mele, amministratore delegato della Lavazza, ha minacciato perfino le vie legali accusando il gigante svizzero di avere copiato il loro spot istituzionale. Il fatto è che la Nestlè ha spedito George Clooney in paradiso al cospetto di John Malkovich/San Pietro. Regala la macchinetta da caffè Nespresso al corruttibile santo Pietro e torna tra i vivi, o meglio, tra le tipe in carne e ossa che gli rubano il caffè sotto il naso. Apriti cielo, è il caso di dire, sono bastati pochi secondi per mandare in bestia la Lavazza che trovandosi bene in paradiso, ci sta da 15 anni, non intende cederlo a chicchessia.

“È una cosa strana e singolare” – dichiara Mele – ” l’ambientazione è identica così come l’idea del caffè da Paradiso. Preferisco credere che si tratti di una sfortunata svista e confidiamo nel fatto che, non appena si siano resi conto di essere incorsi in un infortunio, cessino la campagna o ricorreremo al Gran Giurì della Pubblicità”.

Infortunio, svista? A noi non sembra una “svista”, anzi per dirla tutta, la Nestlè sfotte pesante la concorrenza e sferra un colpo basso che toglie il fiato.Il senso dello spot suona tanto come un “al diavolo il caffè, meglio vivi sulla terra che defunti in Paradiso”. Ma poi volete mettere la differenza che c’è tra il Bonolis dè noantri e il mitico George? Neanche tento il parallelo tra i due San Pietro Malkovich-Garrone, ma la voce da sorcio di Luca-Laurenti nun se pò sentì, dai. Non so voi ma io sono con George e fossi la Nestlè lascerei volentieri il Paradiso alla Lavazza e ai loro abitanti. Ai morti insomma, what else?

Lo spot della Lavazza

Prisca Sacchetti

11 Dicembre 2009

commenti (33)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. VignereiManonPosso ha detto:

    io non lo so se c’è plagio o meno
    ma ragazzi….stiamo scherzando???
    clooney -malkovich e paolo bonolis-e quellochemancomiricordocomesichiama? E’ come paragonare la lana merinos al terital

    1. Lisa ha detto:

      Già, non c’è gara…Clooney-Malkovich non possono partecipare per manifesta superiorità 😉

    2. Marco ha detto:

      Io penso che la Nestlè-Svizzera (Nespresso) debba ritirare la sua pubblicità in quanto troppo simile a quella della Lavazza (Italia), pensate fosse avvenuto viceversa che problemi sarebbero successi; oltretutto un italiano non si permetterebbe mai di copiare una pubblicità di un altro. La fantasia degli italiani è superiore nel mondo. (per altro siamo deficitari, niente da dire)
      Inoltre, sempre noi che siamo italiani, dovremmo ancora di più essere tutti insieme uniti su questa linea a supportare la nostra gloriosa attività nel caffè per cui siamo in tutto il mondo ricordati.
      Tra qualche anno rischiamo che quando si parli di buon caffe si dica….. a si buono questo caffe proprio come lo fanno gli svizzeri….

      Vogliamo l’Italia che avanzi o la svizzera (Nestle).

  2. Si sfiora il ridicolo. A prescindere dal fatto che la Nestlè vada boicottata a priori per le sue scelte etiche discutibili, pretendere che l’idea “così buono da mandarti al Settimo Cielo” sia prerogativa di una e una sola azienda è davvero assurda (che poi, l’hanno brevettata? Perché in caso contrario farebbero bene ad evitarle le vie legali).
    Allora domani se per pubblicizzare dei fazzoletti li avvicino al mio naso devo preoccuparmi che i Fazzoletti Tempo intentino una causa contro di me? Paura eh.

  3. Bacco ha detto:

    ma che plagio… E allora tutte le auto che girano in città???
    Tutti i telefoni che telefonano?
    Vorrei vederla una causa Lavazza Nestlè…

  4. Mi sembra pretestuosa la questione sollevata da Lavazza.
    L’hai detto, solo pochi istanti, e George nel Paradiso manco entra.
    Eh, eh, spot comparativo senza esserlo, grande idea.
    La Lavazza s’arrabbia? Come dire…è il mercato, bello!!

  5. gumbo chicken ha detto:

    La citazione secondo me ci sta tutta, in questa lotta all’ultimo sangue per i regali di Natale 2009.
    Se la Lavazza trovasse un’idea per rispondere a tono potrebbe diventare anche una sfida divertente.
    Se invece fa causa direi che…già Nespresso vince sulla coolness dei protagonisti…finisce per stracciarla su tutti i piani.

    Luca Laurenti – considerando che comunque è decisamente famoso – è un tipo molto gentile e non se la tira per niente. Una volta siamo rimasti fermi in moto e lui si è dimostrato molto solidale (in quanto motociclista) e anche collaborativo per cercare di trovare una soluzione per noi sconosciuti.

    Considerando che in Italia non è così scontato, anche se non c’entra niente mi pare giusto attribuirgli qualche merito dato che in quanto a figonaggine…di fronte a Clooney e Malkovich direi proprio che non c’è storia!! 😉

  6. Comunque lo spot e’ davvero divertente….:D
    Bonolis e’ piu nostrale……ma non vedo competizione…. anche se in effetti il caffe e’ solo marketing!
    la maggior parte della gente non ci capisce un’H

  7. Bacco ha detto:

    Ci aspettiamo Kimbo e Sindona?
    Il messaggio che passa è che con Nespresso ti salvi la vita?
    O che puoi corrompere chiunque?

  8. fabrizio scarpato ha detto:

    C’è però anche lo spot in cui Clooney entra in Paradiso, senza scambio: lo troviamo seduto con Pietro e due splendidi angeli, tutti vestiti di bianco a ironizzare su mangiare, bere, fare pipì, manager e star system. Surreale. Bel posto, dice concludendo, e non c’è ritorno alla realtà, il pianoforte, evidentemente scaraventato giù dalla Canalis inviperita perchè inclusa nel pacchetto villa sul lago con servizi offerti a San Pietro, è arrivato a destinazione.

«