di Manuele Berti 28 Luglio 2010

“Dopo le mozzarelle blu ecco la ricotta rossa. Vacca boia”, scherza il blog Spinoza (anche “Forza Cagliari” non è male). Ma quella del 2010 rischia di essere ricordata come l’estate di tutti i colori dei formaggi italiani. “L’avevo acquistata in un supermercato della zona l’altro ieri. Ho visto che la ricotta era di un colore tra il rosa e il rosso tenue e allora ho guardato la scadenza: tutto in regola, sulla confezione da 250 grammi c’era scritto che andava consumata entro il 1º agosto”. Così una giovane donna di Olbia, per di più incinta al settimo mese, che due giorni fa ha comprato una confezione di ricotta in un market della cittadina sarda.

“Non ho perso tempo: ho telefonato ai Nas di Sassari e li ho informati dell’accaduto, poi l’ho consegnata alla stazione dei carabinieri di Poltu Quadu. Da lì, gli uomini del nucleo antisofisticazioni l’hanno portata in laboratorio per analizzarla”.

Non si è ancora saputo dove è stata comprata la ricotta ma i Nas hanno sequestrato le confezioni presenti in quel superemrcato e bloccato la partita in tutta Italia. Per il momento non si conosce il nome dell’azienda produttrice, è stato solo detto che non è sarda ma del Nord.