di   iFood 18 Giugno 2020
burek al formaggio

Simbolo di ospitalità e di cibo condiviso, il burek al formaggio (chiamato anche, nelle sue mille varianti, börek, byrek o boregi) ha origini che sono ritrovabili nell’Impero Ottomano e infatti la sua diffusione è dalla Turchia a tutti i paesi balcanici passando per la Grecia, con qualche piatto simile in nord Africa, l’ingrediente che accomuna tutti questi piatti è la pasta fillo (o phyllo) che, arrotolata o stratificata, avvolge molteplici ripieni, sotto forma di torta o monoporzione.

Questa ricetta è quella più semplice con formaggio feta e yogurt (per ricreare il sapore del formaggio usato in Grecia, la skuta, granuloso che ricorda la ricotta, ma acidulo) mescolati alle uova sbattute, ma ve ne sono tantissime varianti: con l’aggiunta di spinaci o altre verdure, con carne trita e spezie, con cipolle stufate, patate, etc. e anche in versione dolce.

Con il termine börek, in turco, ci si riferisce ad ogni piatto a base di yufka, la pasta fillo appunto e il nome deriva dal turco bur- che significa per l’appunto arrotolare, tuttavia, spesso, questo termine nella lingua turca viene accompagnato, da almeno un’altra parola che ne descriva la forma, gli ingredienti, i metodi di cottura o una regione specifica dove quel piatto è preparato molto spesso, come ad esempio i sigara böreği, a forma di sigaro, o i Sarıyer böreği, tipici del distretto di Sarıyer, nella parte Europea della Turchia.

A volte poi con il termine börek ci si riferisce a un impasto morbido chiamato anche nemse böreği o al su böreği (börek d’acqua) dove i fogli di pasta fillo sono passati in acqua, pochi secondi, prima di essere stesi,

La tradizione vuole che questo piatto venga preparato farcendo la pasta fillo con formaggio, carne macinata, spinaci, lapazio, una pianta officinale, o con altre varie verdure a piacere, prima di infornarlo, la superficie viene spalmata con il tuorlo d’uovo sbattuto.

Ovviamente da paese a paese ci sono alcune variazioni, in Grecia di solito la variante senza carne viene fatta col formaggio feta, come nel nostro caso e gli spinaci, arrotolata e messa in forno, in Serbia, Bosnia e Albania, dove è uno dei piatti nazionali, viene preparato come una torta di pasta fillo a una decina di strati con solo formaggio non stagionato e tagliata a triangoli, nei paesi di prevalenza musulmana, di norma, non viene mai farcito con carne di maiale, ovviamente, mentre in Serbia, paese cristiano, la variante ha un’alta percentuale di carne suina.

burek al formaggio fetta

Durata

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 50 minuti

Tempo totale: 80 minuti

Dosi per

9 Persone

Ingredienti

  • 250 g Pasta Fillo
  • 600 g Feta
  • 450 g Yogurt Greco
  • 2 cucchiai Olio Extravergine D’Oliva
  • 3 Uova
  • 1 Uovo per spennellare

Preparazione

Per preparare la ricetta del burek di formaggio prendete una pirofila da 22 cm di diametro, ungete il fondo con un filo d’olio e foderatela con un foglio di pasta fillo che sporga sui lati (se il foglio è rettangolare, usatene due incrociati).

Sbriciolate in una ciotola la feta.

Unite lo yogurt e le uova leggermente sbattute, quindi versate l’olio.

Mescolate a fondo in modo da avere un composto piuttosto omogeneo (che rimarrà comunque un po’ granuloso).

Prendete uno foglio di fillo e immergetelo delicatamente nel composto al formaggio.

Disponetelo nella pirofila senza preoccuparvi di stenderlo, lasciatelo ‘accartocciato’.

burek al formaggio preparazione

Procedete allo stesso modo con tutti i fogli a parte uno che vi servirà per chiudere la torta in sommità.

Coprite con uno strato omogeneo di formaggio, ripiegate i bordi sporgenti, quindi chiudete con un foglio della dimensione della teglia.

Spennellate con l’uovo sbattuto ed infornate in forno caldo a 180 gradi per 50 minuti, finché è gonfio e dorato in superficie.

Sfornate, lasciate riposare 10/15 minuti, quindi tagliate e servite.

burek al formaggio piatto

Note

Vista la presenza importante della feta, assaggiate il composto di formaggio per decidere se serva sale.

burek al formaggio ricetta