di Nunzia Clemente 24 Luglio 2017
cannavacciuolo bistrot torino

A ottobre 2016 abbiamo scoperto dove Antonino Cannavacciuolo avrebbe aperto il suo bistrot a Torino. A novembre 2016 avete visto la prima foto.

Ieri, domenica 23 luglio, alle 12 in punto, il Cannavacciuolo Bistrot ha aperto i battenti in via Cosmo 6, zona della Chiesa della Gran Madre, in un palazzo di fine Ottocento.

Inaugurazione è a sorpresa, o per dirla con le parole dello stesso Cannavacciuolo “una giornata di prova”, tra pizzette, bocconcini e altre minutaglie destinate all’aperitivo.

“La vera apertura è oggi”, ribadisce lo chef giudice di Masterchef, “quello di ieri è stato un pranzo di rodaggio”.

C’è entusiasmo per la riuscita ristrutturazione del locale da una cinquantina di coperti e dehors affacciato su via Santorre di Santarosa, disposto su due piani, con bancone imponente, alle spalle la cucina parzialmente a vista e i tavoli in apparenza disseminati nello spazio elegante senza un ordine preciso.

cannavacciuolo bistrot torinocannavacciuolo bistrot torinocannavacciuolo bistrot torino

L’interno sembra uscito da una rivista d’arredamento aggiornata alle ultime tendenze, con tanto di mattoncini a vista nel piano interrato.

Insieme molto contemporaneo, rilassa e convince.

“Non appena ho visto questa posto dietro la Gran Madre l’ho subito sentito mio, per questo in due minuti l’ho scelto”, ha detto lo chef campano a La Stampa,

cannavacciuolo bistrot torinocannavacciuolo bistrot torinocannavacciuolo bistrot torino

Il bistrot non aprirà a colazione, diversamente da quello che il patron del ristorante Villa Crespi a Orta San Giulio ha aperto a Novara, ma soltanto a partire dall’ora di pranzo, per poi proseguire all’ora dell’aperitivo e infine per la cena.

Linguine di Gragnano (come Nicola Sommo, responsabile della brigata), calamaretti a spillo e pizza fritta saranno nel menu, insieme ai classici ragù di mare di Cannavacciuolo, oltre a genovese e vitello tonnato in un prevedibile incrocio tra cucina campana e piemontese.

Vini esclusi, il prezzo dovrebbe oscillare dai 50 ai 70 euro a testa.

Spicca la cantina, che ha un assortimento di vini e di champagne ampio e profondo con alcune bottiglie che arrivano a costare a 700 euro a bottiglia.

[Crediti | Link e immagini: La Stampa]