di Anna Silveri 18 Aprile 2018

Se senti una campana —nella fattispecie Claudio Sadler, noto ristoratore milanese nonché presidente dell’associazione di ristoranti “Le soste”— la scelta di chiudere Cinque, il locale inaugurato da Enrico Bartolini solo 5 mesi fa all’interno di Fico Eataly World, proprio insieme a “Le Soste”, era inevitabile:

“È un bravo imprenditore, gestisce sei ristoranti in Italia (per un totale di cinque stelle Michelin), quindi sa quello che fa”.

[Dopo Cinque, Bartolini apre due bistrot a Milano]

[Enrico Bartolini apre il suo quinto ristorante nel parco alimentare di Eataly]

L’altra campana invece, ovvero l’ufficio stampa del parco gastronomico bolognese voluto da Oscar Farinetti, precisa senza polemiche ma con fermezza che l’intera proposta di Fico è di livello: “Esistono 16 ristoranti e funzionano bene i locali a tema di altri chef stellati come ‘Guido’ di Rimini e ‘Amerigo’ di Savigno”.

Lo riferisce oggi Corriere.it.

“Probabilmente —aggiungono da Fico Eataly World— sarebbe bastato solo un po’ più di tempo per tarare la proposta gastronomica”.

Enrico Bartolini

Ma Enrico Bartolini sembra pensarla diversamente: “le aspettative di chi frequenta il parco, credo siano rivolte ad altre esperienze di cucina, più legate a proposte regionali che consentano al visitatore di esplorare con la famiglia tanti gusti e sapori in una maniera più disimpegnata rispetto a un ristorante fine dining”.

Come dire, traducendo dal linguaggio attento a non inimicarsi nessuno di Bartolini, che per un ristoratore avveduto, quando i tavoli sono mezzi vuoti, il tempo per far fronte a fornitori, richieste di pagamento e costi vari è limitato.

Morale: meglio chiudere baracca e burattini prima di aver l’acqua alla gola.

Da Cinque, aperto a pranzo e cena con 11 coperti, e considerato tra i ristoranti di Fico Eataly World la punta di diamante, si poteva avere un menù degustazione da 15 piatti a 90 euro, ideato dallo chef Salvatore Amato e improntato sull’enogastronomia italiana.

Ma probabilmente il grande parco alimentare non è stata quella molla che Bartolini e i responsabili dell’associazione “Le Soste” auspicavano per il loro locale:

“Pensavamo che Fico potesse essere un’opportunità più vasta per noi, ma è stato un errore di calcolo e il risultato inferiore alle aspettative”.

Al posto di Cinque la prossima settimana aprirà un ristorante tutto di cucina siciliana, sotto la guida del patron Peppe Barone.

[Crediti | Corriere.it]