di Anna Silveri 27 Novembre 2018

VOCE Aimo e Nadia ha aperto oggi in piazza Scala, nel complesso che ospita Gallerie d’Italia, lo spazio espositivo in cui Intesa Sanpaolo rende disponibile il proprio patrimonio artistico.

Il luogo finora dedicato a ristorazione e bookshop è stato diviso in tre nuovi ambienti: caffetteria, libreria e ristorante gourmet.

[Ristoranti nei musei italiani: cari direttori, basta occasioni perse]

Sembra proprio che i musei italiani, guardando finalmente alle tendenze internazionali, abbiano imparato a far funzionare le cose di contorno che aiutano a produrre denaro, in particolare caffetterie e ristoranti.

Ora anche Gallerie d’Italia completa la proposta nel cuore di Milano con VOCE e con Fabio Pisani e Alessandro Negrini, chef patron del noto ristorante milanese Il Luogo di Aimo e Nadia, oltre a Stefania Moroni, manager dell’attività, che portano la loro idea di cucina rivisitata partendo dai sapori pieni e concreti della cucina italiana e intrecciata con la proposta artistica all’interno del museo.

[Milano: com’è andare da Aimo e Nadia in versione bistRo]

Nel senso che cenare da VOCE può essere complementare alla visita alle Gallerie d’Italia.

Il nuovo layout degli spazi è stato guidato dell’architetto Michele De Lucchi, alla caffetteria con annesso bookshop si accede sia dal museo che da Piazza Scala, mentre il ristorante s’impegna (a parole, non l’abbiamo ancora provato) a riprodurre lo stile che salvaguarda la memoria gustativa italiana, proprio di Aimo e Nadia.

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento