di Cinzia Alfè 12 Giugno 2017
roland scroccone tedesco

Costate, bistecche, würstel e tramezzini, tutto innaffiato da generose pinte di birra, sei o sette per volta.

E quando è l’ora di pagare il conto, il singolare cliente che sta diventando l’incubo di tutti i ristoratori fiorentini, ripete sempre la stessa frase: “pagano gli italiani. Io sono tedesco”. E via così. A volte senza scomporsi, altre dando in escandescenze ma, soprattutto, senza sganciare una lira.

Lui è Roland, 37 anni, tedesco, barba lunga e capelli corvini, che da circa un mese sta battendo bar e ristoranti di Firenze e della Toscana consumando lauti pasti che terminano tutti con lo stesso ritornello.

In pratica, la versione fiorentina della vecchietta che, fino all’anno scorso, a Savona, mangiava con gusto ogni sorta di cibo, nonostante l’età, nei ristoranti cittadini, per poi uscirsene al momento del conto con la solita frase: “non posso pagare, mi spiace”.

Ma Ronald va oltre: lui fornisce anche una spiegazione, e specifica puntualmente che solo gli italiani pagano, non lui, perché è tedesco.

Non si sa bene cosa esattamente intenda Ronald con questa frase, se cioè intenda dire che gli italiani, come gli altri Paesi della tormentata UE, stiano in qualche modo pagando la florida posizione economica della Germania, oppure ci stia più semplicemente prendendo per i fondelli, dicendo praticamente che da che mondo è mondo gli ultimi pagano sempre pegno, ma tant’è, questa è la sua giustificazione.

E a nulla sono valse denunce e arresti: Ronald, che non ha documenti con sé, è quasi sempre gentile e disponibile con le forze dell’ordine, dialoga, fornisce le proprie generalità e se ne va poi indisturbato, dopo le sue sostanziose mangiate.

Una di queste ultime, al Caffè Giacosa Cavalli, uno tra i più noti del capoluogo toscano, comprendeva una dose indefinita di tramezzini accompagnati dalla modestissima quantità di sette birre, ovviamente sempre giustificate dal fatto di essere teutonico. Totale, 62 euro.

E dopo ogni arresto, e conseguente rilascio, Ronald torna indisturbato a colpire con nuovi conti da addebitare “agli italiani”.

Come possono difendersi i ristoratori fiorentini in questi casi, al di là di mostrarsi particolarmente tolleranti lasciando perdere la questione? Sembrerà paradossale,  ma purtroppo non possono far molto, se non rivolgersi alle autorità, delle quali Roland però non sembra preoccuparsi troppo.

La settimana per Roland era cominciata con un arresto a Greve in Chianti per resistenza e oltraggio, con conseguente misura del divieto di dimora in Toscana. Ma il provvedimento non l’ha scoraggiato più di tanto. Il tedesco si è spostato a Firenze dove mercoledì 7 giugno ha messo a segno una tripletta nel giro di 24 ore.

Di mattina, al tavolo di un bar del centro, ha mangiato due schiacciate ripiene e trangugiato due birre. Dopo un breve battibecco con il proprietario che gli ha presentato il conto (24 euro) è stato raggiunto dalla polizia e denunciato per insolvenza fraudolenta.

Ma qualche ora dopo, alle 19, ecco un’altra serie di bevute a sbafo a un tavolino del Caffè Strozzi: somma non pagata 80 euro.

Per completare il tris, la mattina di giovedì 8 si è presentato al bar Palazzo Vecchio e ha ordinato tre birre senza tirare fuori un centesimo.

Sempre in attesa che le autorità decidano il da farsi, anche alla luce del recente divieto di dimora nell’intera regione Toscana.

[Crediti | Link: Il Corriere, La Stampa]