di Dissapore Dissapore 12 Settembre 2019
hagakure

In collaborazione con Hagakure

Della cucina di Hakagure, la filiera barese della famiglia De Giglio, vi abbiamo già parlato: dai pescherecci alla ristorazione il brand disclocato tra Bari e Monopoli propone una cucina fusion italo-giapponese da pesca controllata. Protagonisti il pesce, gambero rosso in primis, e la cultura nipponica, amatissima dai fratelli Vincenzo e Gianpiero De Giglio.

Tanto che hanno voluto rappresentarla nelle sue forme più diverse, attraverso la tradizione di Hakagure Tatami e Yakiniku a Bari (via Posca) e la creatività di Hagakure – Fusion e Sushi, sempre a Bari (via Giovanni Amendola) e a Monopoli, in via Remigio Ferretti. Se da “Tatami e Yakiniku” ci si scotta, direttamente al tavolo Yakiniku, la carne wagyu e il salmone freschissimo, da “Fusion e Sushi” si consuma una cucina innovativa, che fonde tecniche francesi, gusti italiani e asiatici.

In particolare noi siamo stati a Bari, in via Giovanni Amendola, dove lo chef Daniel Cavuoto, vincitore del premio miglior chef di cucina internazionale del campionato italiano di cucina dell’ Associazione Italiana Chef, ha da pochi mesi presentato il nuovo menu, che mette sullo stesso piano materia prima – il pesce pescato e selezionato da Hakagure, ovviamente – ed estro. Vediamolo insieme, piatto per piatto.

Carpaccio di salmone marinato all’acqua d’Oriente

Prezzo 14€

hagakure

Quella che Daniel Cavuoto chiama “acqua d’Oriente” è un’articolata combinazione di sapori, dieci elementi nello specifico, che vengono miscelati e vaporizzati sul carpaccio marinato alla barbabietola e composto nel piatto insieme a pepe di Sichuan, purea di avocado, mango, nocciole, estratto di zenzero, soia, lime, fiori di borragine, nasturzio e germogli di coriandolo.

Tacos di tonno, burrata, tartufo e ponzu affumicata

Prezzo 9€

hagakure

Forse il piatto che meglio esprime la natura fusion della cucina di Hagakure, al momento: un tacos preparato con pasta di gyoza, tartare di tonno e maionese al Ponzu leggermente affumicata, stracciatella di burrata e un mix di sesamo tostato, olive disidratate, cipollotto, salsa teryaki, olio extravergine d’oliva. Ma soprattutto, protagonista del piatto è il tartufo bianchetto e l’aromatizzazione finale con aceto balsamico di Modena.

Ebiten Roll

Prezzo 15€

hagakure sushi

Immancabile in un menù fusion che si rispetti un pò di sushi. Abbiamo provato questo uramaki speciale con gambero in tempura kataifi, avocado, tartare di gambero rosa dell’adriatico, salsa soft spicy e caviale tobiko.

Dumpling di Black Cod e tartufo

Prezzo 15€

hagakure

Anche in queso caso è il tartufo ad attirare l’attenzione, grattugiato sui dumpling di pasta finissima; per la verità il protagonista è il ripieno, il black cod, o merluzzo carbonaro dell’Alaska, tra le materie prime più amate dallo chef.

Pad Thai

Prezzo 14€

pad thai; hagakure

Icona della cucina thailandese questo Pad Thai è una vera e propria esplosione di sapori. E’ una tagliatella di riso saltata in padella con gamberi su una base di soia e speziato con salsa al tamarindo. Servita con arachidi pestati, lime e pepe di cayenna.

Black Cod, cavolfiore e riduzione di balsamico

Prezzo 20€

hagakure

Torna il black cod, questa volta scottato nel beurre blanc e adagiato su una crema di cavolfiore, accanto a una riduzione di balsamico e pomodoro.

Panna cotta al basilico, crumble di cioccolato fondente, frutti rossi e sorbetto al lampone

Prezzo 7€

hagakure

Se la cucina fusion di Hagakure vi ha incuriositi, sappiate che Chef Cavuoto ed Hagakure sono pronti ad una nuova sfida: una nuova apertura, nel centro di Bari, ai piedi del teatro Petruzzelli.

Il nuovo ristorante dei fratelli De Giglio si chiamerà Hagakure Noh Samba e proporrà una cucina fusion asiatica-sud americana e mediterranea.