di Marco Pistagnesi 6 Settembre 2020
Kim Bar Milano

La nostra recensione di Kim Bar, bistrot cinese in zona De Angeli dalla natura schietta e genuina. Tutto fatto in casa, ingredienti di qualità, e la sorpresa di ravioli tra i migliori di Milano, ben celati dal vecchio menu illustrato. 

Tutto è chiaro e cristallino a prima vista, a quel tipico primo, semi involontario sguardo che restituisce una panoramica dell’ambiente, mentre scosti la sedia nell’atto di accomodarti. Come se tutti gli elementi, dall’arredo all’atmosfera, ai gesti e agli sguardi del personale, fossero animati da una sorta di personalità unificata e collettiva che comunica chiaramente la natura schietta e pragmatica del luogo. Persino la gigantesca, dominante zanzariera al neon blu, custode robotica e aliena precariamente sistemata su una sedia davanti all’ingresso, non sa di sgangherato, ma di necessario e funzionale. È ancora estate e dinastie intere di zanzare martoriano senza tregua la gradevole sistemazione esterna dei tavoli, in questo tratto di un bel viale alberato della Milano tranquilla e posata di zona De Angeli.

Kim Bar è un bistrot cinese senza fronzoli, dove schiettezza e pragmatismo sono cifra esplicita. Sia nell’ambiente sia nella proposta in carta, incentrata senza ambiguità sul fatto a mano, sulla qualità degli ingredienti, e sul non creativo. Con quello che sembra un misto di intenzione e naturalezza, è rimosso ogni elemento che esuli dall’immaginario dei classici piatti cinesi convenzionali, nel più prevedibile contesto da trattoria scarna e dal decor economico e generico.

Kim Bar Milano

Il sottotitolo al nome taglia corto: “Kim bar, specialita di Hong Kong, produzione propria”. Il punto di forza sono i ravioli, fieramente fatti in casa, con esito – come vedremo – fuori dall’ordinario. L’impalpabile ma onnipresente qualità scarna e pragmatica che tutto avvolge colora naturalmente anche il servizio. Rapido, discreto, senza convenevoli, teatrini, spiegazioni. Un meccanismo di sottofondo invisibile ed efficiente, per cui piatti e bevande ordinate svirgolano al tavolo inosservati, l’attenzione dei commensali recuperata solo dagli aromi che subito si impongono.

Il menu, i prezzi, la cucina

Kim Bar Milano

Dunque uno di quei posti – ce ne sono ancora quindi? – che regalano buon cibo senza essere “esperienziali”, senza nessun tocco insolito o innovativo. Uno di quei posti – anche di questi ce ne sono ancora dunque? – che si sa caratterizzare e far apprezzare seppur attraverso una proposta gastronomica alquanto convenzionale. Una selezione che con disattento pregiudizio sarebbe facile marchiare come “cinese di base”, o vintage, ma che si eleva grazie a proposte goduriose e ben realizzate. Che sia forse un gradevole “back to basic” in tempi di dominazione del cinese iper-sub-regionale, o rivisitato, o creativo?

Da Kim Bar un altro cliché si rivela infondato: quello per cui la mecca milanese dei ravioli cinesi artigianali più squisiti è da individuarsi nel variegato puzzle di serrande su strada, trattorie e ristorantini di China Town. Non è necessariamente il caso, come Kim Bar ci dimostra, con poche chiacchiere e molti fatti. I ravioli sono tutti fatti in casa, proposti nelle molteplici varianti classiche della tradizione.

Kim Bar Milano maialeKim Bar Milano manzoKim Bar Milano spaghettiKim Bar Milano Kim Bar Milano Kim Bar Milano

Iniziamo con una porzione di quelli con verdure e funghi secchi (3 euro a porzione). Al primo morso, recisa la pasta leggermente callosa, ricca, increspata e lucida di glutine, il fungo secco libera una reazione a catena di umami, intenso ed erbaceo come un sottobosco appena imperlato di brina notturna, a cui si avvolge intorno subito dopo e con esso si mescola tutto il dolce e il morbido delle altre verdure. La ricchezza di sfumature e consistenze di questo piccolo capolavoro si irradia come una scossa lungo l’intero sistema sensoriale.

Seguono i ravioli al maiale e brodo (2 euro al pezzo) e ai gamberi (2 euro al pezzo), due classici che non smentiscono e anzi confermano la forza della fattura casalinga sapiente e degli ingredienti di qualità.

Dunque i ravioli sono sicuramente la carta vincente, che solo parzialmente offusca la qualità delle altre portate. Queste non deludono, l’attenzione alle materie prime e il ragguardevole governo delle cotture ne sono la prova. Le puntine di maiale in salsa di prugne (8,50 euro), conquistano la vista con una laccatura densa e suadente, per poi lasciare che il palato si arrenda alla sensazione di zucchero filato che si scioglie in bocca. Gli gnocchi manzo con “ricetta speciale” (5,50 euro), gli spaghetti maiale e verdure (6 euro), il tofu con maiale in salsa piccante bafu (6 euro) non spiccano per guizzo o tocco personale ma si lasciano apprezzare come accompagno.

I rintocchi sul tavolo di una pioggia leggera di mezza estate segnano l’ora del congedo. L’ultimo atto, il conto di circa 25 euro a testa bevande escluse, è causa dell’ennesimo, ultimo annuire di approvazione.

Kim Bar Milano

Informazioni

Kim Bar

Via Correggio, 16, 20149 Milano MI
Telefono: 339 293 6017
Aperto tutti i giorni pranzo e cena. Chiuso Martedi.
Web: https://www.facebook.com/kimbarmilano
Tipo di cucina: cinese di base ma di qualità.
Ambiente: semplice e spartano. Bel dehor esterno
Servizio: gradevole e discreto.

Voto: 3,5/5