Alessandro Borghese a Milano: com’è, dove si trova e quanto costa mangiare nel suo primo ristorante

“Milano è l’unico posto dove posso lavorare in Italia”.

Chissà poi perché. Ad ogni modo, coerente con la brusca affermazione, Alessandro Borghese, telechef dal seguito oceanico, conduttore di fortunate serie Tv come “4 Ristoranti”, aprirà un nuovo ristorante proprio a Milano, zona CityLife, nel Palazzo di Gio Ponti in Via Belisario 3.

Particolarità? Caratteristiche peculiari? Elementi di distinzione?

Si comincia dalla collocazione, al primo piano del palazzo invece che al pian terreno: “nessuno in Italia apre un ristorante al primo piano, succede solo a New York. Ma io voglio stupire. E far assaggiare qui, ai milanesi, la cacio e pepe migliore della città”.

Risolveremo la faccenda del nesso tra primo piano e cacio e pepe, è una promessa.

alessandro borghese, ristorante, milano

Intanto, nei 700 metri quadrati a disposizione, il 41enne telecuoco figlio di Barbara Bouchet e dell’imprenditore napoletano Luigi Borghese ha collocato la sede della sua impresa, “AB Normal – Eating Entertainment Company” —un piccolo impero visto che fattura due milioni di euro l’anno—,  con un progetto abbastanza faraonico: uno spazio dove riunire uffici amministrativi e sale per lezioni di cucina, cene o eventi privati, cocktail bar e, soprattutto, il nuovo ristorante, battezzato “Alessandro Borghese – il lusso della semplicità”. E scusate la modestia.


Quanto guadagna Alessandro Borghese.


Lo stile sarà volutamente retrò, ha detto Borghese al Corriere, ispirato agli arredi da crociera degli anni Venti, un omaggio ai tempi in cui il telechef lavorava sulle navi: “sulle navi ho lavorato per molto tempo, da ragazzo, e mi sono rimaste nel cuore”.

Borghese ha qualcosa in comune con Berlusconi e non lo sapevamo.

Ambientazioni e arredi sembrano essere gli unici elementi riconducibili al passato. Tutto il resto parla il linguaggio della tecnologia e dell’efficienza: “abbiamo usato colle naturali e luci che puliscono l’aria studiate dall’Università di Manchester”, con tanta musica rock, blues e jazz di sottofondo e relativo sistema di insonorizzazione”, sottolinea gongolante il telecuoco.

Anche il sistema di pagamento è mutuato dai metodi pragmatici degli States:

“Ci sarà il servizio di prenotazione all’americana —dice Borghese—, online con carta di credito. Questo significa che chi decide di non venire all’ultimo minuto, come fanno in molti purtroppo, dovrà comunque pagare il costo della mancata cena. In Italia nessuno fa così, sarà il primo: con 50 coperti non ci si può permettere la disdetta tardiva”.

Non poteva mancare l’orto, visibile dalla sala, appendice ormai necessaria nei locali che vogliono darsi un tono.

E il menu, come sarà il menù, cosa offrirà il vulcanico telecuoco, nato a San Francisco, cresciuto a Roma e poi approdato nell’industriosa Milano?

alessandro borghese ristorante milanoalessandro borghese ristorante milanoalessandro borghese ristorante milano

“Per ovvi motivi farò una cucina partenopea-laziale, che però guarda anche all’estero”, con un’offerta giornaliera di cinque antipasti, così come i primi, i secondi e i dolci, anche se, assicura Borghese, “ i piatti cambieranno spesso”.

Ricette semplici, chiarisce il protagonista di “4 Ristoranti”, perché “non amo le ricette troppo complicate, né punto alle stelle Michelin. Certo, mi auguro sempre una bella recensione, ma l’obiettivo del ristorante è fare prima di tutto una buona cucina. Voglio che la gente mangi, non assaggi”.

In soldoni, nel menu del ristorante troverete costine di maiale cotte a bassa temperatura e gli spaghetti alla Nerano, tortelli, pasta patate e provola affumicata e agnello al forno.

Il tutto per circa 70 euro a persona ordinando alla carta: “mi sembra un prezzo giusto per Milano e per questa zona”, precisa Borghese.

Ma torniamo da dove avevamo cominciato e chiediamoci come mai la scelta è caduta proprio sulla efficiente Milano, e non, per esempio, sulla nativa Roma?

“Milano è l’ultima frontiera prima dell’espatrio —afferma il telecuoco—. E’ l’unica città internazionale che abbiamo in Italia dove le cose si concretizzano, dove se fai tre appuntamenti sono tre appuntamenti costruttivi, dove vige la meritocrazia. E’ frizzante, sempre in fermento, concreta come me. E’ l’unico posto dove posso lavorare in Italia”.

[Crediti: Corriere della Sera, Il Giorno]

Anna Silveri

9 ottobre 2017

commenti (14)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Mi è sempre stato simpatico.
    Ha perfettamente ragione: solo a Milano ci sono i presupposti per fare business a certi livelli. Ed è l’unico posto in Italia dove si possono spendere 15€ per una cacio e pepe.
    Mi chiedo se starà davvero in cucina. Vorrei capire se sa cucinare, oltre che fare tv.
    Con 70€ a persona ci sono molte alternative in città: vedremo se sarà bravo a far tornare i clienti dopo la prima volta.

    1. Tranquillo, anche a Roma la trovi a quel prezzo

    2. Da Felice sta a dodici, da Angelino dieci, da Tanto pe’ magnà, nove €

  2. Gia non sopporto prenotare, ma dopo 2-3 tentativi a vuoto entro nell’ ordine di idee di farlo, ma qui penso che non lo faro mai: gia andare a Milano comporta una multa per definizione, se poi ci si mette pure lui …..

    1. Esistono i parcheggi a Milano.
      Funziona così tu lasci l’auto ed in base al tempo della durata della sosta all’uscita paghi un corrispettivo.
      Poi se ve ne state nei vostri paeselli va bene uguale.

  3. PS: il sistema di prenotazione all’americana c’è già da Bottura da diverso tempo.

    Forse Milano è l’unica città italiana abbastanza ampia da contenere l’ego di uno chef così.

  4. “Ci sarà il servizio di prenotazione all’americana —dice Borghese—, online con carta di credito. Questo significa che chi decide di non venire all’ultimo minuto, come fanno in molti purtroppo, dovrà comunque pagare il costo della mancata cena. In Italia nessuno fa così, sarà il primo”

    …non è vero, lo fa Bottura e ti “inchiappetta” 250 euri se disdici

  5. A Milano c’è spazio per tutti, questo è il suo bello (o brutto a seconda dei punti di vista). Poi però, chi non ne ha le capacità, la preparazione e la volontà, viene messo alla porta (quanti ristoranti e co. aprono e chiudono in pochi mesi con il falso miraggio di facili fortune vista la moda del food devastante). Non credo sarà il caso di Borghese visto il seguito di fan che ha e anche le capacità visto il piccolo impero che ha creato. In bocca al lupo.

  6. Scusate una domanda (solo all’apparenza pleonastica): al di là delle esperienze lavorative in nave questo è realmente il suo PRIMO ristorante (sulla terraferma, per intenderci)?

  7. E chi gliel’ha detto che in Italia non ci sono ristoranti al primo piano di una casa? A Torino ce n’è uno da tempo immemore, e ne abbiamo un altro al trentacinquesimo. Tanto per dire.

    1. Forse se vivi in USA con un background romano/napoletano non sai proprio tutto del resto d’Italia. A Milano, da anni, c’è già Asola, Unico, Ceresio7 in cima a palazzi… Note di cucina dentro una corte, insomma, non mancano alternative.

«
Privacy Policy