di Valentina Dirindin 11 Settembre 2019
ristorante san domenico; imola

Sono quattro i ristoranti stellati di Bologna e provincia: la Guida Michelin nel 2019 conferma le due stelle del San Domenico di Imola e tre mono-stellati, uno solo nel Capoluogo.

Ecco l’elenco, completo di tutte le informazioni che vi possono essere utili per decidere se andare in uno dei posti premiati dalla “Rossa”, nel territorio bolognese. Per ciascun ristorante vi diciamo chi è lo chef, i prezzi dei menu degustazione e che tipo di cucina si fa.

RISTORANTI 2 STELLE MICHELIN ** – BOLOGNA E PROVINCIA

San Domenico

Via Sacchi 1, Imola BO

ristorante san domenico; imola

Quanti ristoranti conoscete che abbiano messo sotto copyright un piatto? Bene, al San Domenico è successo, visto che il loro Uovo in raviolo “San Domenico”, con burro di malga, parmigiano dolce e tartufo bianco era imitato in continuazione. Quella di questo due stelle Michelin è una storia che parte da lontano, e precisamente dal 1970, anno in cui venne fondato. Già allora alla guida c’era Natale Marcatilii, che è maitre e direttore ancora oggi, in una cucina che lascia pieni poteri all’estro creativo dello chef Valentino Marcattilii, che qui ha iniziato a spadellare quando aveva 16 anni, al fianco di Nino Bergese. Un maestro della cucina italiana, oggi affiancato anche da suo nipote, Massimiliano Mascia, che scrive un’altra pagina di questa bella storia di ristorazione familiare.

Prezzi: Menu degustazione “Divertimenti” 180 euro, Menu degustazione “Piccola Entrata” 160 euro, Menu pranzo “colazione di lavoro” 60 euro.

Info: 0542 29000 | sandomenico.it | chiuso domenica a cena e lunedì

RISTORANTI 1 STELLA MICHELIN ** – BOLOGNA E PROVINCIA

I Portici

Via dell’Indipendenza 69, Bologna

portici-hotel-bologna-ristorante-3

 

L’unico stellato all’interno delle mura della città si trova all’interno dell’hotel I Portici e può vantare, per il 2019, il premio speciale come migliore chef giovane dell’anno, ottenuto da Emanuele Petrosino, trentaduenne allievo di Nino Di Costanzo. Un premio ancor più importante, visto che il giovane cuoco era da poco subentrato allo storico chef del ristorante Agostino Iacobucci. Quella di Petrosino è una cucina fortemente creativa, armonica, che tenta di dare nuovo estro alla cucina tradizionale mediterranea e alla gastronomia emiliana, con piatti come i Raviolini del plin ai crostacei e brodetto romagnolo o il tortello di parmigiano 36 mesi, fagioli, scarola e peperoni cruschi.

Prezzi: Menu degustazione “Vagando per l’Emilia” 89 euro, Menu degustazione “Nel blu…” 95 euro, Menu degustazione 2019 120 euro.

Informazioni: 051 421 8562 | iporticihotel.com | chiuso domenica e lunedì

Ristorante Marconi

Via Porrettana 291, Sasso Marconi (BO)

ristorante marconi

Dieci anni di stella Michelin festeggiati quest’anno per questo ristorante a conduzione familiare, nato nel 1983 e preso in mano nel 2000 dai fratelli Mazzucchelli. Massimo in sala, Aurora in cucina, propongono una cucina vivacemente contemporanea e un’accoglienza calorosa di cui è espressione la sala chiamata “convivio”, con un unico tavolo che può ospitare fino a 26 persone, nata dopo la recente ristrutturazione del locale.

Prezzi: Menu degustazione “insieme” 75 euro, Menu degustazione “Il mondo creativo di Aurora” 110 euro.

Informazioni: 051 846216 | ristorantemarconi.it | chiuso il lunedì

Amerigo 1934

Via Guglielmo Marconi 14/16, Savigno (BO)

amerigo 1934

Il più longevo degli stellati bolognesi si trova un po’ nascosto sull’Appennino, e fu aperto nel 1834 da Amerigo e Agnese. Oggi è guidato dalla terza generazione della stessa famiglia, rappresentata da Alberto Bettini, che è lì dal 1934 e che ha portato al locale una stella Michelin grazie a una cucina semplice, tradizionale, fatta di qualità, territorio, stagionalità.

Prezzi: Menu degustazione 50 euro

Informazioni: 051 670 8326 | amerigo1934.it | chiuso lunedì e martedì