di Nunzia Clemente 17 Febbraio 2016
amazon, frutta e verdura

Per Amazon la rapidità delle spedizioni è un’ossessione vera. Da novembre 2015 è attiva Prime Now, l’app per i clienti Prime che permette ai milanesi di ricevere a casa gli ordini di 20.000 prodotti in un’ora (o in due), tra questi: pane, pasta, affettati, gelato, caffè, yogurt e surgelati.

L’abbonamento a Prime costa 19,99 euro all’anno, la consegna in un’ora ha un prezzo aggiuntivo di 6,90 euro, mentre quella in due ore è gratuita.

Ora però Amazon sposta l’attenzione sui prodotti freschi, in particolare su frutta e verdura.

Da ieri a Milano e in 34 Comuni della cintura metropolitana 30 varietà di frutta e verdura arrivano a domicilio in un’ora. Come per Prime Now le consegne sono previste dalle otto del mattino a mezzanotte anche sul posto di lavoro per gli amanti della pausa pranzo salutare.

La sfida di Amazon arriva in momento di fervore per il mercato italiano dell’e-commerce e del food-delivery.

Solo pochi giorni fa Just Eat, il servizio per la consegna a domicilio di pietanze ordinate via web o mobile, ha acquisito Hello Food Italia e PizzaBo (società italiane specializzate pizze e street food), ma tra la startup attive nel settore, che secondo le stime di Just Eat ha una potenzialità di 2 miliardi di euro, si trovano anche Foodora e Deliveroo.

Tornando all’app di Amazon, l’uso è al solito molto semplice: una volta scaricata s’inserisce il Cap per verificare se la zona è coperta dal servizio, quindi si sceglie il tempo di consegna. Spesa minima 19 euro.

[Crediti | Link: IlSole24Ore]

commenti (2)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Francesca Russo ha detto:

    Concordo sulla tendenza dilagante del food delivery: io lavoro tutto il giorno e non potrei più vivere senza! Un mio amico mi ha consigliato Magiordomus (non citato nell’articolo) ed è stato davvero un cambiar vita: consegne velocissime, prodotti ottimi, tariffe imbattibili e addirittura mi consegnano la spesa a casa col giornale e tantissimi altri articoli “di emergenza” (dalle pile alle lampadine). Che dire, lunga vita al food delivery!