Bologna: non conosci le vere tagliatelle al ragù se non hai provato queste 5 trattorie

Ecco 5 trattorie classiche di Bologna dove si mangiano le tagliatelle al ragù migliori della città, con prezzi e indirizzi di tutti i locali

Che a Bologna le tagliatelle al ragù fossero una cosa seria, si sapeva già. Forse non tutti sanno che, invece, esiste persino l’associazione “Gli apostoli della tagliatella“, fondata per “difendere e promuovere i valori” di quella che gli apostoli chiamano, tra loro, “Contessa Tagliatella”.

Ma neanche questo, probabilmente, vi dà la misura di quanto sacro sia per noi bolognesi l’allestimento delle tagliatelle al ragù, che nessuno –beninteso– riuscirà mai a cucinare meglio della nostra mamma.

Capite da voi, di conseguenza, quanto scegliere le 5 trattorie dove si mangiano le più buone “tajadèl bulgnaiṡi col ragó” sia un’impresa titanica. Ragione per cui abbiamo selezionato soltanto:

A) Trattorie tradizionali

piccole e popolari, a conduzione familiare, situate nel centro storico della città, meglio se sotto i portici.

B) Trattorie in cui la sfoglia è fatta a mano

da sfogline dedicate, possibilmente imparentate con le nostre mamme (nessuno riuscirà mai a cucinarle meglio, ricordate?).

C) Trattorie che seguono la vera ricetta delle tagliatelle al ragù

quella, per intenderci, gelosamente custodita alla Camera di Commercio di Bologna sin dal 1982, dove troviamo il campione aureo della tagliatella che riporta le sue misure esatte (8 millimetri)

Giusto un’infarinatura di galateo da trattoria prima di iniziare.

Per non offendere l’oste prima di “attaccare” il piatto di tagliatelle al ragù, armatevi di forchetta, pane per fare la scarpetta, bavaglio da impiegare come scudo contro gli spietati schizzi di sugo e un buon bicchiere di vino rosso. Perché tanto al controllo delle calorie avete già rinunciato accomodandovi in trattoria.

1) Trattoria Anna Maria

anna maria bolognaanna maria bologna

Istituzione bolognese. Anche se non la conoscete, passateci davanti e capirete che non è una trattoria qualunque. Da vedere alle pareti i quadri con le foto dei personaggi famosi, i ritagli dei giornali di tutto il mondo e le lettere dei semplici clienti grati alla signora Anna Maria.

Vederla nel suo habitat è una gioia. Gira tra i tavoli, scambia battute e sorrisi con tutti, inclusi i turisti che non capisce e non la capiscono. Le tagliatelle sono uniche. La sfoglia è sottilissima, per prepararla s’impiegano ogni giorno circa cento uova, il ragù è molto saporito con pezzi di carota e lardo in bella vista. Da non sottovalutare anche con i tortellini.

Sfoglina da quando aveva 6 anni, la signora Anna Maria ha aperto la trattoria nel 1985. Nel menù troverete i piatti tipici della tradizione bolognese, abbondanti e saporiti perché il motto del locale è “mangiando bene e allegramente, si dà ristoro al corpo e alla mente”.

anna maria bolognaanna maria bologna tagliatelle

Prezzo di un piatto di tagliatelle: 14 euro.
Trattoria Anna Maria – Via delle Belle Arti 17/A, Bologna

2) Trattoria della Santa

trattoria santaSanta 1

Nel centro storico, è un’autentica trattoria di quartiere frequentata per lo più da habitué, residenti nella zona, bolognesi da generazioni viziati da mamma Daniela che, da sempre, sta dietro ai fornelli.

Ogni giorno tira la sfoglia, a pranzo si riposa, a cena indossa con umiltà i panni della cuoca che coordina la brigata di cucina, composta da sorella e figlia. A completare il quadro in sala ci sono figlio e marito che con molta cordialità servono le attese tagliatelle.

Ruvide al punto giusto, dal colore giallo intenso inevitabilmente coperto da una cascata di Parmigiano, in rispettoso ossequio della tradizione. Per i bolognesi sono 110 grammi di ricordi di infanzia, dal sapore deciso, serviti in un umile fiamminga bianca.

trattoria santaSanta trattoria bologna tagliatelle

Prezzo di un piatto di tagliatelle 8 euro. Se avete la forza di mangiare qualcos’altro, spenderete intorno ai 25 euro.
Trattoria La Santa – Via Urbana 7, 40123, Bologna

3) Ristorante Diana

Diana bolognaDiana bologna tagliatelle

In via Indipendenza dal 1909, centocinquanta coperti, sei chef in cucina e una tagliatella che rimane impressa nella memoria.

L’arredo non é cambiato granché da quando il ristorante ha aperto sulla via più frequentata di Bologna. Grandi specchi, al centro della sala un orologio e alle pareti anche qui le inevitabili foto di testimonial famosi che hanno apprezzato i piatti del cuoco Mauro Fabbri.

Lavora qui da 40 anni e nel 2010, insieme a Eros Palmirani, proprietario del locale, è stato ambasciatore per il “Tagliatella day” in Germania. I menu sono due: menu del giorno e della tradizione bolognese, ma tutti vogliono provare le vere specialità, ovvero tagliatelle, tortellini e bollito, porzionati ancora al tavolo, come si faceva un tempo.

Arrivate dentro una comune padella, le tagliatelle –sempre perfette– vengono servite con maestria da uno dei camerieri in giacca bianca. Fané direte voi? Macché, uno spettacolo! Presenti nel sugo tracce di uovo incompiuto, simbolo di una ricetta antica tramandata di nonna in nonna.

Diana bologna tagliatellechef diana bolognadiana bologna tagliatelle

Prezzo di un piatto di tagliatelle: 11 euro di prezzo e 4,5 euro di coperto.
Ristorante Diana – Via dell’Indipendenza 24, Bologna

4) Osteria Bottega

osteria bottegaosteria bottegaosteria bottega, bologna, daniele minarelli

L’Osteria Bottega la conoscono tutti, bolognesi e turisti (abbiamo perfino scritto un post dal titolo: 10 posti da consigliare a Bologna che non sono l’Osteria Bottega). Trattoria di contrasti dove ai piatti più genuini della tradizione bolognese si accostano vini di pregio e il portamento elegante dei camerieri contraddice il fare piacione dell’oste Daniele Minarelli.

Ecco, a proposito, per capire il locale si deve conoscere quest’uomo. Dopo 22 anni passati in un ristorante stellato, “il dandy” come lo chiamano a Bologna, si è messo in testa di valorizzare la cucina popolare locale interpretando il concetto di osteria in chiave contemporanea.

Così si spiegano la scelta di appendere i culatelli dentro un mobile moderno e di “insidiare” i clienti, al di là delle classiche tagliatelle al ragù –piatto simbolo del ristorante– con una versione bianca al culatello. A sentire il dandy, i segreti della cucina dell’osteria Bottega sono gli ingredienti selezionati con grande cura e un’attenzione smodata per i dettagli.

Un buon ragù si fa tritando finemente la cipolla perché deve disfarsi, impiegando solo le carni della pancetta e della cartella, perché una conferisce buon grasso mentre l’altra, scura e cartilaginosa, tiene bene le 4 ore di cottura a fuoco lento. Poco prima di servire il ragù si versa un bicchiere di latte.

Il risultato è un piatto meraviglioso anche per la grattata di Parmigiano delle Vacche Bianche che valorizza la sottile tendenza dolce del ragù. Combinazione vincente.

menu osteria bottega, bolognaosteria bottegaosteria bottega, bologna, tagliatelle ragù

Tagliatelle al ragù 14 euro. Spesa media 35-50 euro.
Osteria Bottega – Via Santa Catarina 51, Bologna

5) Trattoria Fantoni

trattoria fantoni bolognatrattoria fantoni bologna

Trattoria aperta negli anni Sessanta dalla signora Elvira Fantoni, e rilevata a fine anni novanta dai fratelli Cinzia e Davide con l’impegno di mantenerne lo stile umile e popolare, continuando a preparare le tagliatelle al ragù come si era fatto per 40 anni.

Farina biologica per le tagliatelle e 3 ore di cottura per il ragù. La titolare della trattoria confessa scherzando, ma neanche tanto, che la sola modifica apportata alla ricetta originale è stata dimezzare la quantità di olio impiegata dalla signora Fantoni.

Trattoria classica, nel pieno centro di Bologna (peraltro nell’attuale via della movida bolognese), sfodera sui tavoli le inevitabili tovaglie a scacchi bianchi e rossi, con illustrazioni satiriche e attrezzi da cucina appesi alle pareti. Le tagliatelle al ragù sono spesse e ben al dente, un vero manifesto della cucina semplice e generosa.

trattoria fantoni bolognatrattoria fantoni bologna tagliatelle

Quando è stata rilevata la trattoria, un piatto di tagliatelle costava 4.500 lire, oggi costa 8 euro, un prezzo comunque molto ragionevole per 120 grammi di vere tagliatelle al ragù fatte a mano.
Trattoria Fantoni – Via del Pratello 11, 40122, Bologna

P.S. Ultima curiosità: sapete perché le tagliatelle al ragù si chiamano così? Il nome deriva dal verbo francese ragoûter “risvegliare l’appetito”. Il ragù è in effetti un condimento allettante e prelibato che si sposa perfettamente con la pasta fresca stesa in sfoglia sottile, tagliata e arrotolata.

Marco Zanni Marco Zanni

18 Gennaio 2017

commenti (23)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Claudio Pistocchi ha detto:

    Lungi da me il voler fare i conti in tasca a nessuno… si fa per ragionare, ma certo che un piatto di tagliatelle a 14/15 euro… poi son caro io con il cioccolato eh? 😉

    1. Avatar Giovanni Pala ha detto:

      Pistocchi? QUEL Pistocchi? È Lei?
      Chi ha OSATO dire che Lei è caro?!
      Chi è lo scellerato?!
      Qui si tratta di un bene di prima necessità, altro che. La Sua torta est panacea contro l’affanni della vita moderna: ancora ringrazio il brillante Roberto Favaroni del De Gustibus di Ponte San Giovanni, Perugia per avermi reso edotto sulla torta Pistocchi.
      Segue momento intenso di commozione.

    2. Avatar Orval87 ha detto:

      Sarà un ragù di manzo grass-fed, allevato sui pascoli illibati dell’Eden 😀

  2. Avatar Marcellone ha detto:

    E il Meloncello (secondo me la migliore), La Gigina, Serghei? Dove li mettiamo?

    1. Avatar Gemma ha detto:

      Ma veramente! A parte l’idea di sporcizia dei locali e dei camerieri, quella di Fantoni e’ oramai una cucina dozzinale a finti prezzi popolari…infatti di bolognesi se ne vedono ben pochi, sono tutti studenti erasmus o fuorisede!

    2. Avatar Grazia ha detto:

      Mah e ribadisco mah! Tra quelli dell’articolo non ne salvo nessuno. Vorrei degli indirizzi buoni, che non vivano di vecchi allori e che non siano per turisti.

  3. Avatar ROSGALUS ha detto:

    Non si possono spendere 15 euro per un primo a Bologna.

    Sono stato diversi anni in questa città e vi assicuro che questi locali non sono maggiormente rappresentativi rispetto ad altri della Bologna culinaria.

    Piatti decisamente scontati a prezzi folli !

    Sarebbe dovere dell’articolista fornire un quadro meno idilliaco o , se si vuole, meno “scolastico-turistico” sulle tagliatelle e sulla tradizione emiliana.

    Altrimenti si rischia di far passare per fessi 3,5 milioni di emiliano-romagnoli che con la pasta fresca qualche cosa ne capiscono !

    1. Avatar ROSGALUS ha detto:

      L’articolista riporta una bella foto relativa ad un vassoio di pasta pronta per la cottura.
      Ebbene, lo si vede lontano un miglio, che quella pasta è artigianale e non fatta direttamente in casa.
      Il che non vuol dire che sia cattiva: anzi esistono pastifici artigianali di eccellenza che fanno prodotti di qualità elevatissima.
      Mi sono scordato nel mio intervento precedente di farlo notare: spesso in molti locali tutto questo accade facendo passare come casalinga una buona pasta artigianale, sviando la buona fede del cliente.
      Tutto ciò non è tollerabile da punto di vista professionale e men che meno in rapporto applicazione di prezzi spropositati

      Prezzi spropositati a tal punto che nemmeno per una pasta “veramente home made” sarebbero giustificati.

    2. Avatar Abi ha detto:

      @rogalus beh comunque Bologna è l unica città che frequento dove il caffè costa più di un euro e non abito nella macchia della sibilla ma a milano

    3. Marco Zanni Marco Zanni ha detto:

      Buongiorno Rosgalus,
      La ringrazio per il suo commento.
      La pasta fresca a Bologna costa, son d’accordo con lei i prezzi son folli. Basta vedere i prezzi dei tortellini fatti a mano, 33, 35 o 38 euro al kg in molti negozi del centro.
      Di ristoranti che preparano delle buone tagliatelle al ragù a Bologna ce ne sono, noi abbiamo scelto solo quelli dentro le mura. La loro tipicità, sia per quanto riguarda il locale che la cucina, è indiscutibile. Lei quali ristoranti consiglia ai lettori?

  4. Avatar Giovanni Pala ha detto:

    Poi avrà quantomeno la bontà di spiegarmi, sig. Zanni: la mail ce l’ha.
    Buona serata.

  5. Avatar Renato ha detto:

    Tratto da una storia vera.
    Ho ordinato una tagliatella al ragù in uno dei locali qui su riportati, ho mangiato, ho pagato, son andato al Meloncello, ho ordinato una tagliatella al ragù, ho fatto pace con le papille gustative e son andato a dormire…
    Buone tutte, ma non menzionare Il Meloncello è come fare una classifica dei calciatori più forti della storia e dimenticarsi di inserire Maradona. 😉

    1. Marco Zanni Marco Zanni ha detto:

      Ciao Renato,

      Hai ragione, al Meloncello così come in altre trattorie fuori le mura, le tagliatelle sono ottime. Noi abbiamo fatto una scelta e lo abbiamo specificato, abbiamo scelto solo locali nel centro storico.

  6. Avatar Federica ha detto:

    da quando il Diana la si annovera fra le trattorie???!!!

  7. Avatar ROSGALUS ha detto:

    Dr. Zanni per troppo tempo ho recensito locali e pubblici esercizi con Tripadvisor: oggi non me la sento piu’ di continuare a dare consigli per descrivere cio’ che sperimento: in altre parole preferisco astenermi in quanto ritengo che le esperienze dirette siano più significative ed istruttive per ognuno. Evito così l’errore di omettere locali che hanno le giuste credenziali per ben figurare e che magari non ho mai frequentato.
    Mi sento tuttavia di segnalare che ci sono piccoli locali – fuori dalla città murata – di vera eccellenza a Bologna.
    Alcuni addirittura funzionano solo a mezzogiorno dei giorni lavorativi, servendo in gran parte operai ed impiegati : pasta davvero fatta in casa di fattura extraterrestre al prezzo di 6 euro a portata, ma di qualità altissima appena prodotta.
    In questi locali lindi e ben curati , spesso a conduzione familiare – che sfuggono alle guide patinate – la tradizione ed il cibo sono davvero sacri !
    Questo sta a dimostrare che “il prezzo elevato” non è sinonimo di qualità, proprio in una Bologna che chiede 35 Euro e passa per un chilo di tortellini.

    1. Avatar Alessandra ha detto:

      Ma qualche indirizzo si può avere?
      Grazie

  8. Avatar Marco ha detto:

    Certo che leggere quella frase in ultimo sul ragú é una blasfemia storico culturale.
    Oltre ad essere anche errata, dimostra quanto pieni di se ma al contempo ignoranti su molte tradizioni culinarie siano molti bolognesi o presunti tali.

    1. Avatar ROSGALUS ha detto:

      Sig. Marco, non ho capito bene la sua notazione.
      Intendeva forse che fosse specificata la dizione ragout e ragù e la loro differenza ?
      O sbaglio ?

      Le sarei grato di una precisazione.

  9. Avatar John ha detto:

    Meno male che i migliori posti mancano dalla lista. Voi andate pure da Fantoni…hahaha

    1. Avatar ISABELLA ha detto:

      E quali sarebbero? 😛 sabato e domenica vado con un’amica a bologna!!!!!! Grasssieeeee 🙂