recensione

Hostaria Edmondo a Roma, la recensione: un indirizzo da non sottovalutare

Siamo nel quartiere Dalla Vittoria di Roma e potrebbe sfuggirvi questa trattoria tipica, Hostaria Edmondo, in cui siamo tornati per questa recensione.

edmondo coda

A Roma, attraversando la circonvallazione Clodia molto probabilmente vi sarà sfuggita l’Hostaria Edmondo. Così come è sfuggita a noi per anni, sebbene quel tratto di strada sia uno snodo fondamentale della città e teatro, quotidianamente, di lunghe code di veicoli. Eppure, scoprendo il quartiere Della Vittoria a piedi, segnato da un lato dal Tevere e dalle Mura Aureliane dall’altro, ascoltando i racconti di chi lo popola, il suo nome salta fuori in molte conversazioni riguardo ristoranti, trattorie e locali tipici della zona.

Hostaria Edmondoedmondo esterno

Frequentato soprattutto a pranzo e reso celebre dai lavoratori dei vicini studi televisivi di via Teulada (dove ha sede la Rai e a pochi passi La7) e dei teatri di posa, Edmondo è una sorta di istituzione per chi lo conosce. Porta ancora il nome del suo storico proprietario, nonostante sia ormai defunto da tempo. Dopo essere passato nelle mani dei nipoti, da circa quindici anni ha una nuova gestione.

La qualità però, a detta di molti, è rimasta quella di un tempo nonostante gli avvicendamenti. Il merito di questa continuità lo si deve probabilmente al fatto che Edmondo, nonostante lo scorrere del tempo, continua ad essere in tutto e per tutto la tradizionale osteria romana, senza fronzoli e con un’idea ben chiara di quella che è la tradizione culinaria romana. Non la sola trattoria in zona, forse non la migliore in assoluto, ma senza dubbio una delle più affidabili se si vuole mangiare un piatto semplice fatto a regola d’arte. La cucina nel tempo si è necessariamente evoluta, aggiunto anche qualcosa di meno tipico, a seconda delle stagioni, per accontentare i palati che cambiano e le mode del momento, ma polpette, coda, ossobuco e primi classici rimangono i capisaldi di questo piccolo, celebre luogo.

edmondo carbonara Hostaria Edmondo edmondo polpette edmondo coda

Complice una classica giornata romana di settembre, con temperature più che gradevoli, ci siamo fatti trascinare in un antipasto semi-tradizionale: burrata con alici (non proprio tradizionale ed anzi trascurabile) e panzanella appena rivisitata, ideale per cominciare il pranzo alla luce del clima mite. Un buon inizio in vista dei primi piatti. In questo caso abbiamo optato per una carbonara ben fatta, giusta nelle proporzioni e capace di esprime pienamente il carattere del piatto. Non paghi abbiamo deciso di privare anche le trofie con guanciale e zucchine: una sorta di gricia arricchita che certamente ci ha soddisfatto anche se non al livello dell’altro primo piatto da noi testato. Per quel che riguarda i secondi, invece, ci siamo addentrati senza timore nella cucina prettamente locale: polpette al sugo e coda alla vaccinara, due classici, accompagnati da una cicoria ripassata. Nel sapore percepito, ingredienti e preparazione sono espressi al meglio, fedeli al gusto casalingo e della tradizione. Cosa che ad alcuni potrebbe sembrare scontata ma che in realtà è sempre meno una certezza ai nostri tempi. Certo è che stiamo parlando di due piatti immersi nel sugo, talvolta camuffati dallo stesso, ma qui i sentori e la fattura (principalmente della polpetta) erano proprio quello che ci aspettavamo di trovare. Nessuna sorpresa anche per quel che riguarda il tiramisù fatto in casa che ha concluso questo pranzo di metà settembre. Poco da dire sul prezzo che nel complesso risulta accessibile a tutte le tasche (lo scontrino si riferisce ad un primo, un secondo ed un dolce). Menzione anche per il servizio, sempre puntuale grazie a camerieri cortesi e disponibili.

edmondo scontrino

Opinione

trattorie

La forza di Hostaria Edmondo è probabilmente la certezza per gli avventori di trovare ciò che si sta cercando: tanta tradizione e poche (ma giuste) rivisitazioni per quei piatti che non è più scontato trovare cucinati come si dovrebbe. Ci sarebbe forse da lavorare sull’offerta dei vini, piuttosto scarna, ma a giudicare dalle comande degli altri commensali è il vino sfuso a spopolare. Possiamo dire senza indugio che l’essenza del posto è proprio quella di servire un pasto semplice, popolare, con cui tutti si possono relazionare. Senza voli pindarici, particolarità o tentativi di modernizzare a tutti i costi piatti che già di per sé rappresentano nel migliore dei modi la tradizione di casa. Una certezza per i romani e una fedele rappresentazione della cucina romana per turisti o avventori dell’ultima ora, spesso orientati verso locali certamente più patinati, in alcuni casi anche di livello superiore, ma che hanno perso il sapore della tradizione. Un indirizzo da non sottovalutare.


PRO

  • Piatti della tradizione
  • Servizio cortese

CONTRO

  • Carta dei vini molto scarna
  • Pochi tavoli in inverno

VOTO DISSAPORE: 6 / 10
VOTO MEDIO UTENTI:
Hostaria Edmondo

Hostaria Edmondo

indirizzo Circonvallazione Clodia, 90, 00195 Roma, RM, Italia

telefono +39 06 370 1272

Prezzo medio: 20 - 30 €

Potrebbe interessarti anche