Le migliori 100 gelaterie artigianali del 2015

Complice il caldo belluino l’estate 2015 ha dato agli entusiasti la frizzante sensazione che l’ormai decennale miracolo economico del gelato artigianale non finirà mai. Che differenza fa un anno: nel 2014 lamentandosi per le proprie fortune amputate ogni gelatiere cantava la stessa canzone: falce in spalla, è arrivata, grande mietitrice, Madama la Crisi.

Fuochi di paglia.

Il gelato sta benone, per rendervene conto fatevi un giretto nella voluttuosa classifica di Dissapore, anno di grazia 2015: 100 gelaterie artigianali (50 citazioni e 50 schede), una quantità incredibile di nuove entrate –molte al Sud– semilavorati sempre più proscritti, sapori nuovi e genuini capaci di provocare fremiti di piacere negli altezzosi guru.

Se siete-pronti-siete-caldi diamo un’occhiata alle edizioni degli anni precedenti (2014, 2013, 2011), ripassiamo i criteri di selezione della classifica e poi boom — inizia lo spettacolo.

#100 Bedont di Bedont – Brescia

bedont di bedont gelateria brescia
Bedont di Bedontvia Trento 18/b, Brescia| Martha Bedontvia dei Musei 20/a, Brescia

#99 Nivera, il gelato di Natura – Scicli (Ragusa)

gelateria nivera scicli
Nivera
via Francesco Mormina Penna 14, Scicli (Ragusa)

#98 Amarena – Domodossola (SalernoVCO)

geateria amarena domodossola
Amarena, gelato nostranopiazza Mercato 21, Domodossola (VCO)

#97 Bar Ercole – Pizzo Calabro

bar ercole gelaterie pizzo calabro
Bar Gelateria Ercole – piazza della Repubblica 18, Pizzo Calabro

# 96 Cremeria Spinola – Chiavari (Genova)

cremeria spinola chiavari
Cremeria Spinola – corso Valparaiso 118 | corso Enrico Millo 28, Chiavari (GE)

#95 Caffè Adamo – Modica (Ragusa)

caffè adamo gelateria modica
Caffe Adamovia Marchesa Tedeschi, Modica (Ragusa)

#94 Sangiuda – San Donato (Milano)

gelateria sangiuda san donato milano
Sangiudapiazza Supercortemaggiore, San Donato (Mi)

#93 Gabrielino – Mattinata (Foggia)

gabrielino gelateria mattinata foggia
Gabrielino
via Garibaldi 3, Mattinata (FG) | corso Garibaldi 119, Foggia

#92 Esquimau – Pordenone

esquimau gelateria pordenone
Esquimau
via Montereale 6, Pordenone

#91 Pasticceria Buzzi – Nus (Aosta)

pasticceria gelateria nus aosta
Pasticceria Buzzi – via circonvallazione sud 39/a, Nus (Aosta)

#90 Gambrinus – Perugia

gelateria gambrinus perugia
Gelateria Gambrinus
via Luigi Bonazzi 3, Perugia

#89 Natale – Lecce

gelateria pasticceria natale lecce
Gelateria Pasticceria Natalevia Salvatore Trinchese 7, Lecce

#88 Gelizioso – Sarno (Salerno)

gelizioso gelateria sarno
Geliziosovia G. Matteotti 47, Sarno (Salerno)

#87 Bandirali – Crema (Cremona)

 gelateria bandirali crema
Bandirali – via Piacenza 93| C.C Gran Rondò, Crema (CR)

#86 Pan di Zucchero – Almè (Bergamo)

pan di zucchero gelateria alme bergamo
Pan di Zucchero – strada statale 470, Almè (BG)

#85 Al Gelatone – Palermo

al gelatone gelato palermo cuti
Al Gelatone – via dell’Autonomia Siciliana 96| via Bertolino Puglisi 23, Palermo

#84 Gelateria Duomo – L’Aquila

gelateria duomo l'aquila
Gelateria Duomopiazza Duomo 32 (mobile)|C.C Globo center, L’Aquila|via Cataldi 146, Avezzano (AQ)

#83 Gelatauro – Bologna

il gelatauro bologna
Gelataurovia San Vitale 98, Bologna

#82 Il Teatro del Gelato – Sant’Agostino (Ferrara)

il tetaro del gelato sant agostino
Il Teatro del Gelatopiazza Pertini 2, Sant’Agostino (Ferrara)

#81 Perchè no? – Firenze

gelateria perchè no firenze
Perchè no?via dei Tavolini 19, Firenze

#80 Gelato e Cioccolato – Subiaco (Roma)

gelato e cioccolato luigi tirabassi
Gelato e Cioccolato – via Cavour 81/82, Subiaco (Roma)

#79 Casa del Gelato – Caorle (Venezia)

casa del gelato caorle
Casa del Gelato – Rio Terrà delle Botteghe 36, Caorle

#78 Il Capriccio di Carla – Roma

il capriccio di carla roma gelateria
Il Capriccio di Carla – via Prenestina 30, Roma

#77 Carabè – Firenze

carabè gelateria firenze
Carabèvia Ricasoli 60/r, Firenze| Via Piantravigne 64, Terranuova Bracciolini (AR)| via Padre Ignazio da Carrara 23, Forte Dei Marmi

#76 La Pasqualina – Almenno San Bartolomeo (Bergamo)

la pasqualina gelateria bergamo
Gelateria La PasqualinaAlmenno San Bartolomeo|via Borfuro 1, Bergamo|Porto Cervo|via De Amicis 44, Milano

#75 Gelateria Novecento – Pescara

gelateria novecento pescara
Gelateria Cioccolateria Novecentovia Marco Polo 102, Pescara

#74 Rakì – Sorrento (Napoli)

rakì gelateria sorrento
Raki Sorrentovia san Cesareo 48, Sorrento (NA)

#73 Il Mondo di Mezzo – Usmate (MB)

il mondo di mezzo usmate
Il mondo di mezzovia Roma, Usmate (MB)

#72 Gelateria Godot – Rovigo

gelateria godot rovigo
Gelateria Godotvia generale Domenico Piva 1, Rovigo

#71 Marco Ottaviano – Firenze

maro ottaviano gelateria firenze
Marco Ottavianovia Matteo Palmieri 34/r, Firenze

#70 Gelateria del Pigneto – Roma

gelateria del pigneto roma
Gelateria del Pignetovia Pesaro 11, Roma

#69 Zeno Gelato e Cioccolato – Verona

zeno gelato e cioccolato
Zeno gelato e cioccolatopiazza San Zeno 12/a, Verona

#68 Gelateria Fiore – Suzzara (Mantova)

gelateria fiore suzzara
Gelateria Fiorevia Toti 1, Suzzara (Mantova)

#67 Mastro Cianuri – Perugia

gelateria mastro cianuri perugia
Mastro Cianurivia Ruggero d’Andreotto 19/R, Perugia

#66 Cassia Vetus (Geliterraneo) – Terranuova Bracciolini (Arezzo)

geliterraneo cassia vetus gelateria
Cassia Vetus/Geliterraneovia Alessandro Manzoni 9, Terranuova Bracciolini (Arezzo)

#65 Il Gelato di Claudio Torcè – Roma

il gelato di claudio torce roma
Il Gelato di Claudio Torcè – viale dell’Aeronautica, 105 |viale Aventino, 59 |via Stoccolma, 7| piazza del Risorgimento 51|viale Europa 134-136 |viale Marconi 445 | C.C. Roma Est |C.C. Roma Leonardo, Roma

#64 Giova – Milano

gelateria giova milano
Giova corso Indipendenza 20, Milano

#63 La Sorbettiera – Firenze

la sorbettiera firenze
La Sorbettiera piazza Torquato Taso 11, Firenze

#62 Vanilla prelibata gelateria – Legnano (Milano)

vanilla gelateria legnano
Vanilla prelibata gelateriacorso Magenta 69, Legnano| via Palestro 5, Legnano (MI)

#61 Gelateria 100% naturale – Sestri Levante (Genova)

gelateria 100% naturale sestri
Gelateria artigiana 100% naturalevia XXV aprile 126, Sestri Levante (GE)

#60 La Collina delle Galline – Correggio (Reggio Emilia)

la collina delle galline gelateria
La Collina delle Galline – Via Giovannetti 9-13, Correggio (RE)

#59 Petrini – Roma

gelateria mauro petrini roma
Petrinipiazza dell’Alberone 16/a, Roma

# 58 Essenza del gelato – Torino

essenza del gelato torino
Essenza del Gelatovia Principe Amedeo 21/f, Torino

#57 Vivoli – Firenze

gelateria vivoli firenze
Vivoli
via dell’Isola delle Stinche 7/r, Firenze

#56 A Casa di Ludo – Tortoreto Lido

a casa di ludo gelateria
A casa di Ludovia Trieste 141, Tortoreto Lido

#55 Cremeria Opera – Lucca

cremeria opera lucca
Cremeria Operavia Gaetano Luporini, Lucca

#54 Cremeria Veneta – Brugnera (PN)

cremeria veneta brugnera
Cremeria Venetavia Vittorio Veneto 54, Brugnera (PN)

#53 Bottega del Gelato – Mirano (Venezia)

bottega del gelato mirano
Bottega del Gelato – via Bastia Fuori 35, Mirano (VE)

#52 Gelaterie Bruno – Antrodoco (Rieti)

gelaterie bruno
Gelaterie Brunopiazza del Popolo 1, Antrodoco (RI) | largo Cairoli 3, Rieti

#51 Mela e Cannella – Roma

mela e cannella roma
Mela e Cannellavia Oderisi da Gubbio 71, Roma

#50 Cremeria alla Scala – Ostuni (BR) [NE]

cremeria alla scala ostuni

Nella botteguccia di Fabio Ruggiero si parla tranquillamente di “tasting con coppette di ceramica monogusto per una degustazione in purezza“. Sarà che in Puglia i trulli sono ormai milanesi.

Allora facciamolo anche noi: per un extended play del gusto date fiducia al gelato denso, cremoso, rispettoso delle procedure artigianali della Scala, che è poi la Scalinata Antelmi ai cui piedi si è insediata la gelateria, compendio ideale per una visita al centro storico di Ostuni.

Gusto consigliato: Sant’Oronzo (dedicato al patrono cittadino, con latte di mandorla e crema al mandarino)

Cremeria alla Scala – Via Capitano Vito Tamborrino 17/Scalinata Monsignor Antelmi, Ostuni (BR)

#49 Gelateria della Passera – Firenze [NE]

gelateria della passera firenze

Cinzia Otri voleva fare la cuoca, ma una canna fumaria mancante ha deviato le sue aspirazioni ed è arrivata la gelateria.

Scovatela nella minuscola piazza della Passera, vi aspettano gusti ammalianti sin dal nome: ciliegie e Porto, sorbetto di nespole, vari tipi di infusi e decotti di erbe, sesamo, cioccolato all’arancia e molti altri di una lista che non finisce mai. Soddisfazione del passeggiare leccando gelati ultragustosi.

Gusti consigliati: Monnalisa (uva sultanina, fiori d’arancio e noci) o mandorla

Gelateria della Passera” – via dello Sprone 16, Firenze

#48 Cesare – Reggio Calabria [NE]

gelateria da cesare reggio calabria

Lo spazio nel chiosco pacchianotto è raccolto ma non impedisce al bel bancone dove sono schiaffati oltre 40 gusti di prendersi la scena. Né ai mantecatori imponenti che stanno alle spalle di certificare come pezze d’appoggio la freschezza del gelato più famoso di Reggio.

Gusti consigliati: Crema Reggina e bergamotto

Gelateria Cesare – piazza Indipendenza 2, Reggio Calabria

#47 Laboratorio del gelato – Viareggio (Lucca) [NE]

laboratorio del gelato viareggio
L’elisir di lunga vita della gelateria artigianale somiglia terribilmente a ciò che sapevamo e abbiamo dimenticato. Arredi ridotti al minimo, niente tavolini, bancone a pozzetti, personale sorridente, vicinanza al lungomare senza richiami accecanti da turisti pappa e scappa.

E ovviamente il gelato, primatista di gusto anche nelle combinazioni più stravaganti come il mascarpone servito nella coppetta con cioccolata calda.

Gusti consigliati: crema dimenticata e fiordiBufala

Laboratorio del gelato – viale Ugo Foscolo 11, Viareggio (Lucca)

#46 La svolta – Marciana Marina (Isola d’Elba – Livorno) [+4]

gelateria la svolta isola d'elba

Abbiamo lo slogan per questa gelateria isolana, scoperta folgorante della classifica 2014.

Eccolo: “Piccolo locale, grandi contenuti”.

Potevamo fare meglio, lo so, ma i gusti classici a decine rappresentano un richiamo irresistibile per frotte di clienti, mentre quelli più sperimentali solleticano gli altezzosi guru, vedi il gusto tzatziki dedicato alla Grecia in difficoltà. Bonus per la panna montata con la planetaria.

Gusti consigliati: rhum e cioccolato o tzatziki

La svolta – via Cairoli 6, Marciana Marina (Isola d’Elba – Livorno)

#45 Bloom – Modena [NE]

bloom gelateria degani modena
Eliminata anche la farina di carruba, il promettentissimo Gianluca Degani, già nella gelateria Ciacco a Milano, usa solo fibre vegetali e proteine del latte per addensare il gelato.

Ma non c’è niente di penitenziale nel sapore, forma estrema di gourmettizzazione grazie a gusti come Ispahan (omaggio al pasticcere francese Pierre Hermé, con acqua e boccioli di rosa, pan di spagna al Sauternes e pistacchi) oppure Vieni con me in Pakistan (con mango, masala e vaniglia)

Gusti consigliati: Cheesecake (robiola di capra di Frassinoro, confettura di mirtillo e noci)e Ricordo Catalano

Gelateria Bloom – via Luigi Farini 23, Modena

#44 Al Soler – Zoldo Alto (Belluno) [-1]

al soler zoldo alto gelateria
Al Soler è lo spot migliore per la longevità del gelato di Zoldo, il borgo montanaro da dove gli antenati dei gelatieri odierni sono partiti alla conquista del mondo spingendo i loro carretti.

Non riuscirete a estorcere un gusto insolito che sia uno nella gelateria decana di Zoldo, solo gelato ultraortodosso ma sincero e genuino, gustandolo nel cono o in coppa seduti al tavolino. La vostra dolce resa alle abitudini zoldane dipenderà anche dalle prodigiose torte di scuola austriaca che fanno di questo posto singolare uno dei bar migliori d’Italia.

Gusto consigliato: crema alla vaniglia

Al Soler – via Pecol 119, fraz. Pecol di Zoldo Alto (Belluno)

#43 C’era una Volta – Benevento [+2]

c'era una volta gelateria benevento
Ora non dite “lo sapevo già” che questo gelato è speciale, c’è sempre una storia da raccontare dietro la facciata.

Nel caso del C’era una volta è quella delle due ragazze di bottega nella gelateria De Coltelli di Pisa (la troverete più avanti) che decidono di mettersi in proprio, caso raro di imprenditoria femminile nel settore, e riescono a ritagliarsi il loro posto al sole anche in vicolo defilato del centro, anche nella difficile Benevento.

Non avranno riscritto la storia del gelato ma oggi guidano una delle gelaterie più apprezzate dell’intera Campania.

Gusti consigliati: mela annurca e ricotta stregata

C’era una Volta – via Porta Rufina 33, Benevento

#42 Gelateria Montereale – Pordenone [-4]

gelateria montereale pordenone
Fare in modo che il locali funzioni come gelateria malgrado sia anche caffetteria e soprattutto pasticceria (famoso il biscotto Pordenone), è la prima parte del Montereale-pensiero.

La seconda riguarda la capacità di distinguersi. Sembrava una prova sovrumana con tutta la concorrenza che c’è, ma a botte di tecnica e immaginazione ci sono riusciti. Gusti come il sorbetto ai mirtilli della vicina Carinzia, quello all’aceto di vino di Josko Sirch, il fior di sigaro che utilizza l’antico “Tabacco Toscano del Brenta”, il tabacco veneto da poco riportato a nuova vita, sono lì a dimostrarlo.

Gusti consigliati: gelato al BiscottoPordenone e Uccio (fior di Paprika dolce,uvette di Ramandolo docg e pinoli italiani saltati)

Gelateria Montereale – via Montereale 23, Pordenone

#41 Cremeria Sestri – Genova [NE]

cremeria sestri genova
Facendola semplicissima: a Sestri Levante Ponente c’era una cremeria minuscola che ha deciso di calare le carte e partire alla conquista di Genova. Ci sta riuscendo.

Nessuno può dirvelo meglio degli autori di Dissapore che a forza di strafogarsi di gelato proveniente dalle carapine del bancone a pozzetti sono diventati veri esperti. E dicono che la bontà di gusti come Dolce Ricotta con Zafferano, Miele il Carato Invecchiato in Barrique di Rovere e Pinolo di San Rossore l’hanno sentita poche volte.

Gusto consigliato: pinolata a modo mio (con pinolo di San Rossore)

Cremeria Sestri – via Gaetano Donizetti 34/36, Genova

#40 Bar Centrale – Marrubbiu (Oristano) [NE]

fabrizio fenu bar centrale marrubiu

Qui non stiamo parlando di una gelateria, o almeno non solo. Questo è un locale che è anche bar e pizzeria (e voi tremate), ma c’è un ma. Al Bar Centrale è possibile gustare il miglior gelato della Sardegna.

Merito di Fabrizio Fenu, concorrente seriale di svariati festival del gelato (e pure vincitore) che, in questo modo, ha avuto modo di confrontandosi con i colleghi e di crescere. Alla fine, cresci una volta e cresci due, siamo arrivati a dei prodotti di altissimo livello.

Il suo segreto è pescare a piene mani nella lista infinita dei grandi ingredienti dell’isola per realizzare gusti come pecorino pere e miele, vernaccia di Oristano e pistoccusu, pardulas, miele di cisto e pinoli.

Gusto consigliato: pecorino pere e miele

Bar Centrale – via Napoli 131, Marrubiu (Oristano)

#39 Agrigelateria San Pé – Torino [-3]

agrigelateria san pé lingotto torino etataly

La primigenia agrigelateria d’Italia, quella di cui si innamorò pure Oscar Farinetti che la volle nel suo primo Eataly al Lingotto (poi anche a Pinerolo) continua a distinguersi anhe a distanza di molti anni. Di agrigelaterie ne sono spuntate come funghi, ma come la San Pè non ce n’è (che fa pure rima).

I suoi gusti sono IL Piemonte (bunet, gianduja, biscotto di meliga o le pesca con l’amaretto) e dove cadete, cadete bene.

Vittima del loro stesso successo, la visita alla sede a Poirino (anche fattoria didattica, e sede dell’Iscream Festival estivo) nei weekend metterebbe a dura rova pure un monaco buddista, vista l’affollamento e le inevitabili code.

Gusto consigliato: persi pien (pesca, cioccolato e amaretto)

Agrigelateria San Pé – Strada di San Pietro di Rivetta 29, Poirino TO | Eataly Lingotto Torino | Eataly Pinerolo

#38 Gelateria Scian ‘Insolito Gelato’ – Cordenons (Pordenone) [NE]

scian gelato gelateria

Provincia di Pordenone, in quella terra che è ancora Friuli ma capita di sentire il dialetto del Veneto. Esattamente qui Scian ha aperto due gelaterie, partendo da Cordenons per poi arrivare a Casarsa e quindi Aviano. Il tutto è frutto della bontà di un gelato prodotto solo con grandissime materie prime.

I gusti sono classici con un’attenzione particolare alle intolleranze e alle diete alimentari.

E poi, qui si guarda in alto: obiettivo unico è l’alta ristorazione tanto che la gelateria  aderito al Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori in qualità di artigiano del gusto.

Gusto consigliato: croccante al Rhum

Scian, l’insolito gelato – via Sclavons 7, Cordenons (Pordenone) | piazza Italia 5, Casarsa (Pordenone) | piazza Duomo 21, Aviano (Pordenone)

#37 Cremeria Aurelia – Roma [NE]

cremeria aurelia roma

Artigianalità come se piovesse: quella di Vinicio Luzietto, che si è fatto un discreto nome, ha valicato le mura cittadine pur trovandosi nel quartiere Aurelio, ossia lontano dai flussi della massa turistica.

Anche qui buona parte della sua fortuna è data dalla grandissima ricerca che viene fatta sulla materia prima, con una lista di ingredienti che snocciola, tra gli altri, latte fresco di alta qualità, le uova di San Bartolomeo, lo zucchero di canna bio, la mandorla di Avola tostata in casa, e non ultimo il Pistacchio di Bronte. Qui la nocciola è local, ma per davvero.

Gusto consigliato: Afgano (infuso di boccioli di rose bio e polvere di pistacchio)

Cremeria Aurelia – via Aurelia 398, Roma

#36 I vizi degli angeli – Matera [NE]

i vizi degli angeli matera gelateria

Una grande scoperta segnalata lo scorso anno da Dissapore (era al 74° posto della classifica 2014). Per quelli che sceglieranno Matera come meta di vacanza, sarà sicuramente una destinazione  imperdibile, soprattutto in vista del ruolo della città come Capitale Europea della Cultura nel 2019.

Grandi gelati con la sfrontatezza di essere controcorrente: qui non si seguono i soliti onanismi dei gelatieri con sempre le stesse provenienze delle materie prime da Lampedusa a Bolzano.

Per intenderci, in questa gelateria il pistacchio utilizzato è quello local di Stigliano (piccolo centro collinare del materano), utilizzato in un laboratorio a vista piazzato subito dietro il bancone. Da segnalare tra tanti ingredienti il latte crudo, l’Aglianico, il timo e la malva della Murgia.

Gusto consigliato: Strazzata Materana (ispirato a un biscotto locale con mandorle, cannella, liquore e cioccolato)

I Vizi degli Angeli, via Risola 36, Matera

#35 Chiccheria – Marina di Grosseto (Grosseto) [-1]

manuele presenti chiccheria gelateria

La nuova “scuola di gelato naturale” trova un esponente e un leader in Emanuele Pesenti, che il gelato naturale se lo è inventato. E poi gli è venuta la voglia di insegnarlo: così ha aperto la sua “scuola di gelato naturale” (aridaje) che ha ormai all’attivo decine di nuovi gelatieri (qualcuno già entrato in questa top 100), artefici a loro volta dell’apertura di gelaterie ‘naturali’ non solo in Italia, ma in tutto il mondo.

Per capirci, la sua filosofia è quella di un gelato con ingredienti puliti e lindi, e nel suo caso questo significa pesche selezionate tra i migliori prodotti della terra maremmana.

Dallo scorso anno ha una seconda gelateria con la stessa insegna a Villasimius in Sardegna.

Gusto consigliato: pane burro e marmellata

Chiccheria – via Piave 14/A, Marina di Grosseto|via V. Emanuele II 2, Villasimius

#34 Macam – Novara [-1]

macam gelateria novara

Locale senza fronzoli dove prendersi un caffè, ma anche e soprattutto un ottimo gelato.

Sulla grande lavagna ogni giorno appaiono i gusti tra cui scegliere, divisi tra gelati e gramolate, termine desueto nella nostra lingua (per citare la Treccani: “Specie di sorbetto fatto con ghiaccio finemente tritato e sciroppo”) e ci sono pure le granite alla Macam.

D’inverno non si chiude, ma si fa spazio a torte, infusi e cioccolata.

Gusti consigliati: crema Macam e bufatella (con ricotta di bufala, quando c’é)

Macam – corso Italia 90, Novara

#33 Stefano Dassiè – Treviso [-2]

stefano dassiè gelateria treviso

Passano gli anni e l’ormai ex enfant prodige della gelateria italiana è diventato nel frattempo un valido imprenditore con all’attivo già tre gelaterie, l’ultima aperta a Montebelluna. I collaboratori non hanno vita facile qui, visto che a loro si chiede una dedizione assoluta al lavoro e prima di gestire una gelateria devono aver lavorato fianco a fianco con “il maestro” per tre anni.

Piaccia o meno, è questo il segreto dei continui successi di Stefano Dassiè, instancabile creatore di eventi legati al suo gelato. Per chi vuole il top dei top, c’è anche una linea di gusti premium che si paga più cara.

Gusto consigliato: cioccolato fondente (declinato in decine di varianti, con un evento a tema dedicato)

Stefano Dassiè – via Calmaggiore 60, Treviso | via Sant’Agostino 42, Treviso | piazza Negrelli 13, Montebelluna | via Emanuele 5, Quinto di Treviso

#32 Cremeria Corradini – Castiglione della Pescaia (Grosseto) [-2]

cremeria corradini castiglione pescaia

Nota e stranota gelateria balneare della costa toscana, conosciuta non solo per la gli effetti sul palato, ma soprattutto per le code chilometriche che lo segnalano senza navigatore fin da lontano. La famiglia Corradini, dal Piemonte si sposta al mare per cavalcare l’enorme successo di un locale che ha sempre puntato sul lato gourmet, proponendo gusti che si ispirano alla grande tradizione dolciaria toscana.

Sono quelli realizzati con ingredienti di altissimo livello, come i pinoli della tenuta di San Rossore, il latte fresco del Mugello, le castagne dell’Amiata, il panforte, i cantucci e i ricciarelli di Siena. Non basta? Ok, metteteci anche il celeberrimo Chianti classico.

Chiusura a ottobre con conseguente ritorno all’ovile di Romagnano Sesia, dove il resto della famiglia manda avanti la primissima Latteria Corradini.

Gusto consigliato: miele di macchia con pinoli biologici del Parco di San Rossore

Cremeria Corradini – corso della Libertà 45, Castiglione della Pescaia (Grosseto)

#31 Fiordilatte – Udine [-4]

fiordilatte gelateria giancarlo timballo udine

Il regno di Giancarlo Timballo, gelatiere di spessore, ha sede in quel di Udine, appena fuori dal centro cittadino. La sua è una gelateria con pochi fronzoli ma con tanta sostanza, che è frutto di anni (e anni) di onorata carriera.

Quest’anno il locale ha festeggiato le se prime 30 primavere, dite poco?

Un cursus honorum che fa ritenere per molti questo gelatiere un senatore della materia, pure prezzemolino in eventi e show cooking vari (l’ultimo, il Bastianich Music Festival, chez Joe). Quest’anno hanno puntato sui gelati ai fiori di campo, tarassaco, papavero, sambuco e rosa.

Gusto consigliato: fiori di sambuco

Fiordilatte – via Cividale 53, Udine

#30 Mara dei Boschi – Torino [NE]

mara dei boschi gelateria torino

Una grande lavagna con le “istruzioni per l’uso” (prezzi, gusti, proposte, eccetera) campeggia sul muro alle spalle del bancone della gelateria più famosa di San Salvario, che coabita (divisa solo da una porta) con il laboratorio di caffè (di molti tipi e provenienze) Orso.

Questo è il regno di Marco Serra, nome emergente della scena torinese, che per affermarsi ha scelto la strada del gelato gourmet e  relativi prezzi (sopra la media cittadina).

Gusti sofisticati e apericene (sic!) su prenotazione, figlie della collaborazione con lo chef Marcello Trentini del Magorabin, gli hanno permesso già di sbarcare con un secondo locale ad Alba.

Gusto consigliato: Marotto (gianduiotto vegano, senza latte)

Mara dei Boschi – via Berthollet 30, Torino | Alba

#29 Gori Gelato – Roma [+8]

gori gelato roma

Enrico Gori, quasi un Bud Spencer fattosi “gelataro” (siamo a Roma, e questo è l’appellativo corretto), insieme alla sorella Francesca dettano legge da un lustro abbondante tra le gelaterie non solo di Montesacro ma dell’intera Capitale.

Tra le poche e semplici regole per ottenere il gelato perfetto, l’uso di frutta secca tostata e raffinata direttamente nel loro laboratorio.

Nonostante la scuola sia quella di Claudio Torcè, la proposta è classica (molti gusti al cioccolato, zabaione, bunet, eccetera) senza troppe divagazioni gastronomiche, affiancata da torte semifredde e cioccolati declinati in tavolette e praline che  si prendono il loro giusto spazio quando le temperature calano.

Gusto consigliato: Aranzada (ispirato a un dolce sardo, con miele e scorzette di arancia)

Gori Gelato – piazza Menenio Agrippa 6, Roma

#28 Gelateria di Piazza – San Gimignano (Siena) [+1]

gelateria dondoli san gimignano

Quella che è la gelateria italiana più famosa al mondo deve la sua fama sicuramente alla strepitosa location dove è nata, la piazza Cisterna a San Gimignano, ma tantissimo anche all’estro e alla fantasia di Sergio Dondoli.

Esuberante come solo i toscani veraci possono essere, negli anni ha tirato fuori dal cappello tanti di quei gusti (diventati poi – addirittura -marchio registrato) che gli hanno regalato pagine e pagine in guide, blog e magazine di ogni ordine e genere.

Gusto consigliato: Crema di Santa Fina (crema all’uovo con bucce d’arancia, zafferano Dop di San Gimignano, pinoli di Pisa)

Gelateria di Piazza – piazza Cisterna 4, San Gimignano (Siena)

#27 O.G.G.I. – Udine & Varese [NE]

oggi gelato udine

Giovani gelatieri rampanti e barbuti. Quattro parole per spiegare il successo di O.G.G.I. (Officina Gelato Gusto Italiano, sic!) che, a dispetto del nome, ha subito fatto centro nel cuore degli appassionati di gelato friulani.

Una spruzzata di marketing, l’immagine giusta, la definizione acchiappaclienti (fa parte di Campagna Amica d’Italia, progetto di Coldiretti a sostegno delle eccellenze italiane) ma, soprattutto, un gelato con tutti i crismi, da poco esportato anche a Varese.

Nel laboratorio a vista si intravedono le macchine per raffinare la frutta secca in casa.

Gusto consigliato: Pulcinella (ricotta fresca, scaglie di cioccolato di Modica, pistacchio e profumo di arance)

O.G.G.I. gelato – via Paolo Sarpi 3/a, Udine | corso Matteotti 2, Varese

#26 Gelateria Popolare – Torino [=]

gelateria popolare torino

Solo a Porta Palazzo, con la sua ventata di multiculturalismo e genuinità, poteva trovare casa la Gelateria Popolare di Maurizio De Vecchi: un locale semplice e senza fronzoli, con un bancone che divide la sala dal laboratorio a vista.

Pochi ingredienti puliti e naturali, per un gelato che non è modaiolo, ma non per questo meno valido.

Il balon è il balon, ma siamo pur sempre in Italia: i prezzi popolari (era 1,50 € il cono piccolo) si sono allineati (2,00 €) alla media cittadina. Da un paio d’anni una ‘succursale’ sul mare di Loano.

Gusti Consigliati: Limone di Porta Pila e Mela&Cannella

Gelateria Popolare – via Borgo Dora 3, Torino | piazza Palestro 7, Loano (Savona)

#25 Ciacco, Gelato senz’altro – Parma & Milano [NE]

ciacco gelato milano parma

Da Parma (dove nel frattempo i negozi sono diventati due) con furore, Stefano Guizzetti, trovato un nuovo socio, ha portato la sua filosofia di gelato anche nella centralissima e gastrofighetta via Spadari a Milano.

A fianco di Cracco e Peck si può gustare un gelato moderno che non utilizza addensanti di alcun tipo (neppure la carruba), sostituendoli con proteine e fibre vegetali.

Non potevano mancare gusti vegan e gluten free, proposta ormai imprescindibile nella Milano che segue le mode. Tanta ricerca si paga: i coni partono da 2,50 € in su.

Gusti consigliati: Quasi-Cheesecake e Lime&Zenzero

Ciaccio gelato senz’altro – via Spadari 13, Milano | viale Mentana 91/a, strada Garibaldi 11, Parma

#24 Chantilly – Moglia (Mantova) [-4]

chantilly moglia mantova

Gelateria e non solo sulla statale, proprio all’imbocco del piccolo paese di Moglia, nella campagna mantovana.

Qui, tra stalle e caseifici di Parmigiano, da qualche anno ha trovato casa anche l’arte dolce, declinata non solo in forme sottozero, ma anche in cioccolati, lievitati (con colazioni al top, da accompagnare con il caffè artigianale di Trinci), piccola pasticceria e torte di cake design tutte rigorosamente prodotte con ingredienti “puliti” e di qualità.

Tra le ultime proposte, gli aperitivi dolci-salati che danno modo a Massimo e Greta di proporre i loro gelati gastronomici e le granite alcoliche.

Gusti consigliati: Zabaione al Passito mantovano e Zucca mantovana (in stagione)

Chantilly – via dell’artigianato 22, Moglia (Mantova)

#23 Pastorino – Calice Ligure (Savona) [-1]

gelateria pastorino calice ligure

Abbarbicata sulle pendici dell’entroterra ligure, Pastorino è ormai una meta imprescindibile per ogni gourmand appassionato del gelato che passi l’estate in Liguria. Gusti classici e, negli ultimi anni, qualche proposta più modaiola da assaggiare comodamente seduti ai tavolini, come si fosseo ancora nei ruggenti anni Ottanta.

Da provare, il cioccolato al chinotto (siamo pur sempre in Liguria) e i gusti del momento come l’ultima novità, il gelato al torrone con i prodotti del Torronificio Scaldaferro (ahimé, recentemente colpito dal tornado che a investito Mira, nel veneziano): una scelta con cui andrete di certo sul sicuro.

Gusto consigliato: Prugne e cannella

Gelateria Pastorino – via Vittorio Veneto 3, Calice Ligure (Savona)

#22 Cremeria Santo Stefano – Bologna [NE]

cremeria santo stefano bologna

Nome emergente della difficile (visto l’alto livello qualitativo) scena bolognese, che abbiamo segnalato quest’anno parlando del gelato nel capoluogo della godereccia Emilia Romagna. Cremeria Santo Stefano è un piccolo scrigno di cose buone (gelato e cioccolato) con un’atmosfera dal tocco francese che ricrea un ambiente raffinato e ricercato.

Come i gusti dei gelati a disposizione, che spaziano da vari tipi di tè abbinati alle spezie fino alle frutte, per dare vita a inedite composizioni declinate in gelati, sorbetti e granite, realizzate con zucchero di canna grezzo.

Gusti consigliati: Ricotta di Ca’ Bortolani con fichi e pistacchio

Cremeria Santo Stefano – via Santo Stefano 70/c, Bologna

#21 Gelateria Sanelli- Salsomaggiore Terme (Parma) [-2]

corrado sanelli gelateria

Arieccoci col gelato all’azoto liquido, ma su questo argomento (gira che ti rigira) si torna sempre a Salsomaggiore, dove Corrado Sanelli fu il primo ad utilizzare questa tecnica in Italia, non esclusiva ma abbinata anche alla classica preparazione del gelato tradizionale.

Non bastano però i 196° sotto lo zero del gelato estemporaneo, più importanti sono la scelta di ingredienti gastronomici di altissimo valore impiegati per creare i vari gusti al Gorgonzola o al Parmigiano Reggiano di queste terre.

Tra le varie proposte trovate anche il sambuco e le viole, che arrivano direttamente raccolte dall’orto di casa.

Gusto consigliato: mandorle e sale di Salsomaggiore Terme

Gelateria Sanelli – piazza del popolo 2/1, Salsomaggiore Terme (Parma)

#20 Greed – Labico (Roma) [+4]

gelateria greed dario rossi

Il trasloco a Labico, lontano dal trambusto di Roma, ha fatto bene a Dario Rossi che ha potuto così stringere ancora più il legame con la sua terra. I frutti di questo sodalizio sono gelati schietti e sinceri, che dai gusti classici spaziano fino a proposte più moderne.

Ecco così ricotta di bufala, birre artigianali, miele, grano arso, yogurt: tutti ingredienti del territorio trasformati in gelati (anche senza glutine).

Gusto consigliato: Ricotta di bufala di Amaseno (Fr) con zafferano di Cori (Lt)

Gelateria Greed – SS Casilina Km 38,600, Via Europa, Labico (Roma)

#19 Golosi di Natura – Gazzo Padovano (Padova) [-3]

golosi di natura antonio mezzalira

Vi chiederete: dove trova il tempo di fare il gelato (buono) questo signore che, come una trottola, si divide tra le varie tappe (italiane e all’estero) del Gelato Festival (di cui è direttore?) C’è dell’altro: è stato anche giudice delle sfide dei gelatieri bolognesi nella trasmissione di Real Time Best in Town.

Non sappiamo rispondere, ma invece sappiamo che il tempo di far gelato nella sua bottega di Gazzo Padovano (e nei franchising in Veneto e Friuli) lo trova.

Gusti ricercati ed elaborati come il Capitan Uncino (liquirizia calabra con note di caffè tostato), quello dedicato all’Expo (con mango, salsa kiwi e salsa fragola), l’Alice (con pan di spagna e salsa alle fragole), la regina di cuori (con fondente 63% monorigine dell’isola di Granada, con amarene intere e cioccolato croccante). E poi ce ne sono molti altri, tutti con lo stesso grado di fantasia.

Gusto consigliato: limone, lime e basilico

Golosi di Natura – via Vittorio Emanuele 22, Gazzo Padovano (Padova)

#18 Gelato Giusto – Milano [+3]

vittoria bortolazzo gelato giusto

Piccola gelateria guidata con piglio deciso dall’eterea Vittoria Bortolazzo (uno dei rari casi di quota rosa – per proprietà – nel settore in Italia). In pochi anni (la gelateria ha da poco spento 6 candeline) si è fatta largo a suon di cose buone, diventando l’incontrastata regina della città di Milano.

Il suo è un gelato che si nutre dei suoi trascorsi in pasticceria, con influenze che hanno dato vita a nuovi gusti come il “cannella, pistacchi caramellati e amarene” (gnam), ma anche ad altri a base di infusioni o al ricercato fior di timo. E poi c’è pure il tè giapponese matcha.

Piace alla gente che piace: inserita nella City Guide 2015 Louis Vuitton dedicata a Milano.

Gusti consigliati: pistacchio e sorbetto di nocciola

Gelato Giusto – via S. Gregorio 17, Milano | 169 9th avenue (@20th street) New York (USA)

#17 Cremeria Gabriele – Vico Equense (Napoli) [-11]

cremeria gabriele vico equense

La Cremeria più famosa della costiera non è solo una semplice gelateria. No, perchè Gabriele racchiude nel suo scrigno segreto molte delle bontà del territorio, di quelle che tutto il mondo ama. La sua brioche col gelato è diventata, anno dopo anno, la chiusura ufficiale di ogni Festa a Vico che si rispetti.

Quest’anno la tradizione da brioche ha sfoggiato l’ultima creazione: il nuovo gusto alla Sfogliatella Frolla (attenzione: zuccheri alle stelle, non adatta a chi preferisce elaborazioni più bilanciate).

Gusto consigliato: delizia al limone (della Costiera, of course)

Cremeria Gabriele – corso Umberto I, Vico Equense (Napoli)

#16 Crivella Gelati & Dessert – Sapri (Salerno) [+3]

enzo crivella gelato

Personalità poliedrica che si diverte a giocare su più tavoli, partendo dalla pasticceria per arrivare alla gelateria.

Crivella è uomo di cultura che declina ogni sua creazione come una fiaba. La bella storia racconta non solo del territorio dov’è nato, ma anche del suo saper essere un artigiano vero, capace di far gruppo con i migliori per crescere e proporre un prodotto ogni giorno migliore.

Oggi i suoi fantastici gelati si trovano sempre e solo a Sapri, nel chiosco del lungomare che fu del padre.

Gusto consigliato: setteveli

Crivella Gelati & Dessert – corso Italia 54, Sapri (Salerno)

#15 Officina del Gelo Avalon – Bolzano [+2]

paolo coletto gelateria avalon

Potremmo raccontarvi dell’uso del pregiatissimo latte da fieno, o magari della raccolta delle fragole in un maso di montagna e solo nel preciso e unico momento di maturazione. Potremmo. In realtà basta dire che Paolo Coletto non è un semplice gelatiere, ma piuttosto il mistico del gelato italiano.

Basta ascoltarlo parlare per un solo minuto e (nessuno escluso) si verrà catapultati nel suo immaginifico mondo dove la passione e il lavoro si fondono, e dove una persona diventa quello che fa.

Trattasi di un momento di estasi (ben raccontata in questo video) riassumibile in tre parole: “Ich bin eis” (io sono il gelato). Folle come piace a noi.

Gusto consigliato: Bombay Dream

Officina del Gelo Avalon – corso della Libertà 44, Bolzano

#14 Marchetti – Torino [-4]

alberto marchetti gelateria

Il più mediatico dei gelatieri italiani quest’anno pare si sia dato una calmata sul fronte delle nuove aperture, se si esclude il recente temporary store al fresco dei mitici Murazzi con vista sul Po.

Concluso l’accordo con il Caffè Settembrini e la relativa presenza a Roma, resta ad oggi la “marchettizzazione” di Torino con ben tre punti vendita, la scappatella balneare ad Alassio e l’ormai rodata Milano, aperta lo scorso autunno in tempo per contribuire alla reinassance meneghina di questi ultimi periodi (forse a qualcosa Expo è servita).

Gusto consigliato: zabajone e farina bona (con una farina di granoturco, presidio Slow Food, della valle svizzera di Orsenone)

Alberto Marchetti – corso Vittorio Emanuele II 24 bis|via Po 35|via Reggio 4, Torino – via XX Settembre, 48, Alassio (SV) – via Montenero 43, Milano

#13 FataMorgana – Roma [-4]

fatamorgana gelateria roma spagnuolo

La fata del gelato continua a dettare legge nella capitale. Tutto è partito dal piccolo laboratorio dove Maria Agnese Spagnuolo cucinava uno a uno i gelati e le composizioni per creare nuovi e grandi ricette, frutto di una fantasia inesauribile: oggi se ne contano 300!

Il successo è stato tale che i punti vendita si sono moltiplicati (sei nella capitale, con la produzione che rimane centralizzata) per quello che è stato (e rimane) tra gli esempi più riusciti di gelato completamente senza glutine.

Vista la sua celiachia, la Spagnuolo ha pensato bene di crearsi il suo gelato ad hoc, visto che in giro ancora non se ne trovavano. Il suo è un piccolo capolavoro privo di “aromi, spezie in polvere e oli essenziali” (come da regolare slogan sul sito web) e addensanti comuni.

Gusto consigliato: troppi da consigliare, tra gli altri ananas e zenzero, la zucca con i suoi semi caramellati, pesche al vino

Fatamorgana – via Lago di Lesina 9 (Trieste Salario)| via Leone IV 50 (Prati)| piazza degli Zingari 5 (Monti)| via Roma Libera 11 (Trastevere)| via Laurina 10 (Corso)| via Aosta 3 (Re di Roma)| piazza Filippo Carli 36 (Vigna Stelluti), Roma.

#12 Santo Musumeci – Randazzo (Catania) [-1]

santo musumeci gelateria pasticceria randazzo

Nasce pasticcere, ma la vera fama arriva grazie alle granite: insomma, siamo pur sempre nel catanese, patria di uno degli stili di granita siciliana più apprezzati ma anche e soprattutto del gelato. E dal gelato sono arrivate le vittorie urbi et orbi in concorsi specializzati.

Musumeci è un artigiano di quelli che vanno scomparendo, poco incline ai sofismi della precisione tecnica, ma dotato di un talento (e di un palato) più unico che raro, dote che gli permette di creare grandissime composizioni. Esperto di marketing ante-litteram, battezza le sue creazioni con nomi che una volta entrati in testa non si dimenticano più.

Gusto consigliato: W la Nonna (gelato alla torta di mele)

Pasticceria Santo Musumeci – Piazza S. Maria 5, Randazzo (Catania)

#11 Albero dei Gelati – Seregno (Monza Brianza) [+2]

albero dei gelati seregno

Una parte della famiglia ormai vive stabilmente oltreoceano, ma qui in Italia non sono rimasti con le mani in mano, tanto da essere sbarcati pure a Monza.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una virata verso proposte di gelato salato (a dirla tutta fin troppe), ma allo stesso tempo ha continuato a spingere sull’accelleratore della bio-sostenibilità sia nella produzione che nelle variabili “accessorie”  (per esempio la realizzazione del primo carrettino per gelati alimentato a energia solare).

Alla logica del sostenibile risponde anche la logica dei fornitori di materia prima, selezionatissimi e legati al territorio. Il progetto più recente è il loro bio-campo di fragole in coproduzione con un’azienda agricola di Cantù.

Gusto Consigliato: torta paesana, ma anche il curioso spirulina (tipo di alga blu), tra i primi a proporla naturale in Italia

L’Albero dei Gelati – via S. Valeria 93, Seregno (Monza Bianza) | via Volta 1, Cogliate (Monza Brianza)| via Giuseppe Sirtori 1, Monza

#10 Cremeria Scirocco – Bologna [+2]

cremeria scirocco andrea bandiera

Un gelato sapiente anche nei gusti salati come zucca e pepe nero o parmigiano e fichi secchi, occasionali strappi alle regole, peraltro facilissime da riassumere: proposte classiche, niente effetti speciali (conservanti, aromi artificiali, coloranti), gusti di frutta senza latte, abbinamenti con le brioche e i lievitati di Gino Fabbri, pasticcere-guru di Bologna.

Gusto consigliato: malaga dei caraibi (con rhum agricole)

Cremeria Scirocco – via Barelli 1, Bologna

#9 Makì – Fano (Pesaro Urbino) [-2]

makì gelateria fano luzi antonio
Il gelatomane osserva il bancone in religioso silenzio prima di ordinare. Ci vuol tempo, nella bottega artigianale di Antonio Luzi i gusti sono quarantaquattro.

Dopo un’attenta rassegna finalmente delibera: frutta locale in primis, lavorata sempre fresca e alternata senza perdere un’oncia di sapore con il passare delle stagioni. Piccolo capolavoro di genuinità.

Sempre interessanti le variazioni sul tema del cioccolato e i sorbetti. Date una chance alla brioscia con il tuppo in stile siculo, da abbinare al gelato.

Gusti consigliati: croccante e zabajone al vino di visciole

Makì – piazza degli Avveduti 2, Fano PU

#8 Capolinea – Reggio Emilia[+15]

cremeria capolinea reggio emilia simone de feo

Con un bel + 15 eccolo, è lui –Simone De Feo– il vero beneficiato della classifica 2015.

Per carità, è tutto meritato per il gelatiere barbuto e tatuato del Capolinea, oltranzista della materia prima bio e genuina, gran sperimentatore del gelato salato ma sempre sorprendente nei gusti classici.

Lasciatevi tentare anche da granite, semifreddi, mousse e piccoli lievitati che vorresti saperli fare tu.

Gusto consigliato: ‘One shoot one kill’ (crema alla vecchia maniera, con cannella e uva passa di zibibbo macerata nel whisky Ardbeg)

Cremeria Capolinea – viale Ettore Simonazzi 14, Reggio Emilia

#7 Cioccogelateria Brunelli – Agugliano (Ancona)[+1]

paolo brunelli gelateria

A Paolo Brunelli si può chiedere consiglio su dove andare a bere nelle città del mondo, visto che è anche sommelier.

Ma vi garantisco che davanti al bancone delle sue gelaterie, ad Agugliano, borgo in miniatura nelle Marche, e soprattutto a Senigallia (dove dovrete scansare le sempiterne file) è l’ultima cosa che vi passerà per la testa.

I gusti classici si alternano ad abbinamenti per palati aperti come il multisensoriale sorbetto di mandarino di Ciaculli, con spumante di verdicchio servito in compagnia del mosciolo selvativo di Portonovo.

Gusto consigliato: crema Brunelli, l’evergreen con nocciole Piemonte caramellate, cioccolato Venezuela e anice

Cioccogelateria Brunelli – Piazza Vittorio Emanuele, Agugliano (Ancona)| via Carducci 7, Senigallia (Ancona)

#6 Antica Di Matteo – Sant’Antuono di Torchiara (Salerno) [+9]

di matteo gelatria torchiara raffaele del verme

Raffaele Del Verme, che si definisce interprete di un “gelato contadino”, è mandante ed esecutore della più dolce strage di gelatomani salernitani, disposti a mettersi religiosamente in fila per approfittare del miglior gelato campano su piazza, se non di tutto il Meridione.

I gusti con mandorle e noci sono prelibatezze degne degli Dei ma non osate uscire dal gustoso antro senza aver provato il gusto dei gusti: cioccolato, fichi e arancia.

Gusto consigliato: cioccolato , fichi e arancia

Antica Di Matteo – Piazza A. Torre, 13/15 – S. Antuono di Torchiara (Salerno)

#5 La Gourmandise – Roma [+8]

la gourmandise gelateria roma

Nel piccolo negozietto a Monteverde Dario Benelli mostra con orgoglio le proprie disisincrasie professionali: qui solo coppette, coni non pervenuti. Ma i gusti sono inebrianti e non pensate che l’assaggio tradisca le aspettative.

Lampone all’acqua di rose, crumble di pere (senza latte), zafferano al croccante di noci vi faranno innamorare de la Gourmandise al primo appuntamento.

Poi tornerete per sperimentare i parfait, semifreddi monoporzione d’ispirazione parigina in 4 varianti: meringato vaniglia e frutto della passione, pistacchio con salsa di fragole e menta, caffè e salsa all’anice, pralinato nocciola e gruè di cacao.

Gusto consigliato: lampone in acqua di rose

La Gourmandise – via F. Cavallotti 36/b, Roma

#4 Galliera 49 – Bologna [+1]

galliera 49 bologna
Non è un caso se sopra le rosse t-shirt del personale c’è scritto “Bologna da leccare“. Tra il lusco e il brusco Galliera è la versione porno-shop della gelateria artigianale, spudoratamente tentatrice anche se bio, equo, interprete addirittura del gelato biodinamico (è una questione di scelta dei fornitori).

In nessun altro posto troverete un sorbetto di cacao extra fondente dolcificato con puro Gulamerah di Bali, che per i curiosoni è zucchero di palma integrale e bio. Il mantecatore verticale a bastone suggerisce di provare anche le granite.

Gusto consigliato: Cuba (cioccolato con la amarene di Cantiano)

Galliera49 – via Galliera 49, Bologna

#3 Otaleg – Roma [-2]

marco radicioni otaleg
Marco Radicioni continua a fare il gelato migliore di Roma.

E’ stato il nostro numero 1 nel 2014, ha avuto gloria e riconoscimenti compreso l’aver portato il suo gelato ai parigini notoriamente concentrati su se stessi con una nuova gelateria –Il Gelato del Marchese– affidata a Gianmaria Rosa, passato prima per il conio Radicioni proprio da Otaleg. Quest’anno la sua reputazione non risulta infiacchita, ma il mondo va avanti.

Gusti consigliati: liquirizia, zabajone o pistacchio

Otaleg – viale dei Colli Portuensi 594, Roma

#2 Soban – Valenza & Alessandria [=]

gelateria soban valenza alessandria

La perla tra le gelaterie del privilegiato suolo valenzano (non Valencia ma Valenza, più modestamente) si chiama Soban. Toh! Anche il massimo esperto di gelato artigianale che ha Dissapore si chiama Soban. Coincidenza? No, sempre lui: Andrea Soban. Ma sfido chiunque di voi lettori che state per saltarci alla giugulare a non essere d’accordo.

E poi Soban ha questa prerogativa: da gelatiere di bravura conclamata e solida fortuna commerciale, non da solo ma insieme ai suoi fratelli potrebbero starsene comodi in panciolle, invece rinnovano il locale, continuano la ricerca inesausta di nuovi eccellenti fornitori, inventano gusti sopraffini e molto local come lo zafferano di Tortona. Sono una sicurezza, non s’innamorano mai di ingredienti modaioli e miracolosi: la brutta notizia è che i miracoli non esistono.

Gusti consigliati: crema alla vaniglia Tahiti e Nocciola igp Piemonte

Soban – piazza Gramsci 23, Valenza (AL) | via S, Lorenzo 99 – corso Borsalino 36, Alessandria

#1 De Coltelli – Pisa [+3]

gianfrancesco cutelli de coltelli pisa

I pisani, se fossero gli esibizionisti che sono stati in passato, a Gianfrancesco Cutelli avrebbero dedicato una statua. Controcorrente è la sua cifra.

Gusti rari da crapula convinta come la carruba, sapide concessioni gourmet in nome del sale rosa himalayano, frutta secca usata cruda e non tostata (pistacchi, mandorle e pinoli), autarchia paranoica con il castagnaccio o i toscanissimi piuri dell’Abetone (che sono poi mirtilli).

Il primato nazionale del gelato artigiano quest’anno gli appartiene, anche in considerazione del fatto che granite siciliane buone come le sue fuori dalla Sicilia se ne trovano poche. Da un paio d’anni lo trovate anche a Lucca.

De’ Coltelli – lungarno Pacinotti 23, Pisa | via San Paolino 10, Lucca

[credit|foto acquaementa, zero, abendblatt, vicoequenseonline, mangiacinema, food24, giovanigenitori, yelp, repubblica torino, tripadvisor, wikimapia, facebook, alidifirenze, ingesion, minube, mini.it, zero, parlafood, stillservedwarm, cucina.it]

Massimo Bernardi Massimo Bernardi

26 agosto 2015

commenti (124)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Chiedo alla redazione se ha avuto occasione di provare Amorcrema a Milano Marittima, per me la qualità dei loro gelati è assolutamente fuori parametro. Colgo inoltre l’occasione per complimentarmi con Chantilly di Moglia per la meritata posizione in classifica, bravi Greta e Massimo!

  2. Ma, c’è una gelateria intorno alla ventesima posizione che non è possibile paragonarci le 4 o 5 gelaterie che sono nei raggio di 4 km da casa mia, tanto sono superiori.

  3. Ho guardato giusto Torino, Mara al 30o e Marchetti al top e’ veramente discutibile a mio avviso, poi manca Vanilla che e’ di gran lunga superiore. Almeno non avete messo La Romana…
    personalmente invito i torinesi che leggeranno questa classifica a prendere un gelato prima da marchetti, e poi da Mara, e ne riparliamo e vediamo se sono il solo in disaccordo totale con la classifica torinese.
    Ma almeno avete tolto Baldieri dal panorama leccese e messo natale, che ci puo stare.

    1. Assolutamente anche secondo me Mara dovrebbe stare al primo posto fra le torinesi. Certo il prezzo base quest’anno è salito però è veramente strabuono. Non sono d’accordo – in base alle esperienze più recenti – su Vanilla ancora superiore perché ultmimamente mi è sembrato troppo dolce (per i miei gusti) però comunque da riprovare e comunque buona scelta in zona.

      p.s. Domodossola in provincia di Salerno, però? 😀

    2. A proposito di dolcezza, quello di San pè da eataly è al limite dello stucchevole e i sapori sono un po’ piatti. Mara a Torino è il Top!

    3. ciao Gumbo! Vedo comunque che non sono l’unico ad avere forti perplessita sulla classifica torinese. Riguardo Mara e Vanilla stiam comunque parlando di eccellenze, ci sta a mio avviso preferire l’uno o l’altro a livello soggettivo. Quando vivevo a Torino ero cliente fisso da Vanilla e in citta di gelaterie ne ho provate parecchie essendo amante del gelato, subito dopo per me vien Mara -con caffe da Orso annesso- ma, ripeto, puo essere soggettivo. Cio che e oggettivo a mio avviso e che Marchetti sia un livello sotto, chiunque abbia provato i gelati in questione capira la differenza. Non che sia Fiorio eh, ma in citta c’e molto di meglio. Anche Ottimo e buono e migliore di Marchetti IMO.

    4. Ciao Luke, Ottimo non lo conosco, però ho provato Essenza del Gelato e anche questo mi è sembrato molto buono (e meglio di Marchetti). Poi certo tutto è soggettivo eh!

  4. Complimenti per l’ottimo lavoro. Sempre.meno semilavorati è un ottimo motto. Nessun semilavorato sarebbe ancora meglio. 🙂 e soprattutto complimenri per il riconoscimento ad Avalon e allo straordinario e quasi eroico lavoro di Paolo Coletto.

    1. Avalon è sicuramente un punto di riferimento importante e lavorando a Bolzano per me è una meta frequente. Quest’anno durante le vacanze ho fatto però tappa Makì e Brunelli … senza togliere niente a Paolo Coletto, come riportato correttamente nella classifica, sono un gradino sopra; senza dubbio. La crema Brunelli poi è veramente sublime, la sua persistenza è magnifica.

    2. La pasta di nocciola tonda gentile trilobata igp Piemonte è un semilavorato, cosi come il Pistacchio dop di Bronte, la mandorla d’Avola ecc ecc. A forza di marketing e ce l’ho più grosso io, si è passati dalla valorizzazione dei prodotti alla disinformazione.

    3. incredibile….Avalon ci siamo recati su consiglio di amici….molto sopravvalutato…latte buono (vorrei vedere non lo fosse vista la zona) ma il resto della materia prima non si percepisce…il pistacchio è scialbo ….la commessa pur avendo 3 tipi di cioccolato al 100% mi ha detto che fondente non ne fanno (mah…per me li si vede la qualità del cioccolato)…nel secondo cono preso non male il mango ma il pompelmo aveva degli iceberg di ghiaccio all’interno…effetto forse voluto per dare giovamento viste le temperature del periodo…non ne vale la pena.

  5. #98 Amarena – Domodossola (Salerno)
    —-
    Siete sicuri che sia in provincia di Salerno? 😀

  6. Occhio che la Cremeria Sestri è a Sestri Ponente (che è un quartiere di Genova), non Sestri Levante (che è a una cinquantina di km da Genova).

  7. Esquimau al 92° posto? Era chiuso quando siete “passati”?

  8. Mi dispiace per voi ma avete commesso un errore madornale nel nome della gelateria al n 66 della vostra lista. La nostra gelateria si chiama CASSIA VETUS non geliterraneo che invece è il logo del nostro gelato!
    Forse se i vostri cani da tartufo ci avessero visitato non avreste commesso simil error.
    Tanto per non confondere le idee a chi vi legge!

  9. Cioè in tutta napoli non c’è una GELATERIA che vale un posto tra i primi 100???? Solo una a Sorrento???

    1. Sono assolutamente d’accordo con te. Non mi spiego l’assenza di Gay-Odin in Via Bendetto Croce, il quale offre non solo gelati artigianali ottimi, ma anche in accostamenti gourmet: fondente e fave di cacao, caramello e mandorle tostate e il leggendario cioccolato foresta!
      Mi sento di segnalare anche la storica Gelateria Soave, con i suoi spumoni.
      Ho, purtroppo, notato molto spesso l’assenza di Napoli nelle classifiche di Dissapore; troppo spesso – per quanto mi riguarda – inspiegabili.

«
Privacy Policy