chick-fil-A

Unioni civili a Milano: Cosa pensa dei matrimoni gay il vostro panino al pollo

Chick-fil-A, panino, pollo, anti gay,

Oh, bene. Come se valutare un ristorante non fosse già abbastanza estenuante. Finora mi toccava tenere conto di: 1) posizione pro materie prime biologiche 2) reperimento delle stesse a distanza ragionevole 3) correttezza nel trattamento del personale… e degli animali… e del mio cane 4) sollecitudine nell’emissione di regolare scontrino 5) amabilità in presenza di neonati e/o bambini, inclusa tolleranza verso l’allattamento al seno e la ricostruzione della corsa delle bighe di Ben Hur a opera di duenni.

Ah, e il cibo (lo stavo scordando).
E da oggi: cosa pensa il ristorante – sottoposto a così accorto scrutinio – del matrimonio gay?

Vi pare una domanda bizzarra da porvi durante il pranzo? Eppure negli Stati Uniti non si parla d’altro.

I fatti: Dan Cathy, presidente della catena di fast-food Chick-Fil-A – 1608 ristoranti e 4 miliardi di $ di fatturato lo scorso anno - ha dichiarato, nel corso di un’intervista alla Baptist Press, la sua avversione per i matrimoni omosessuali (o meglio, il suo “sostegno alla famiglia tradizionale”, perché tutti sappiamo che il matrimonio omosessuale costringerà tutti gli etero sposati a divorziare e a sposare dei gay).

Questa affermazione segue le denunce contenute in un rapporto dell’associazione per i diritti degli omosessuali Equality Matters, che stabilisce che Chick-fil-A ha donato, tramite la sua Fondazione benefica, più di 2 milioni di $ a gruppi anti-gay solo nel 2010. 

Negli USA il tema è caldissimo: a maggio scorso il Presidente Obama ha pubblicamente dichiarato il suo supporto alle unioni omosessuali, un’affermazione che però non comporterà nessun diretto intervento legislativo – sono infatti i singoli Stati a decidere nel merito (finora il matrimonio omosessuale è legale in 6 Stati, altri sono sull’orlo della ratifica).

Gli attivisti gay hanno immediatamente proposto il boicottaggio della catena, rinunciando quindi ai – sembra – buonissimi panini ripieni di pollo fritto (che hanno però un’inquietante somiglianza con Apollo, il famigerato panino dell’Autogrill con la cotoletta). Inoltre, hanno varato una mobilitazione per il prossimo 3 agosto, invitando tutti ad andare a scambiarsi baci omosex di fronte ai Chick-Fil-A. 

Non prima, però, del “Chick-Fil-A Appreciation Day” creato dagli ex candidati presidenziali della destra ultrareligiosa Rick Santorum e Mike Huckabee. In questo caso, la giornata in programma per il 1 agosto prevede di mostrare il proprio sostegno alla famiglia tradizionale… mangiando da Chick-Fil-A (niente Chicken Party? Niente matrimoni eterosessuali celebrati sul posto? Che noia).

E proprio ieri il Comune di Milano ha approvato l’istituzione del registro delle Unioni Civili, che riconosce le coppie di fatto – eterosessuali e omosessuali – residenti in città. Come reagiranno i ristoranti? Io sono pronta!

Così so dove andare a mangiare. O dove andare a limonare in segno di protesta, nel caso.

[Crediti | Link: BPNews, Equality Matters, Chick Fil-a, Corriere. Immagine: Gawker]

Login with Facebook:
Login

 

12 commenti a Unioni civili a Milano: Cosa pensa dei matrimoni gay il vostro panino al pollo

  1. Sono veramente esterrefatto, che nel 2012 ancora esista l’omofobia e che esistano ancora associazioni anti-gay. Trovo ignobile discriminare, a prescindere. Peccato che qui in Italia siamo ancora nel Medio Evo e che se ne tratterà ancora per chissà quanto…

  2. Firenze è nota per la tolleranza nei confronti dei gay, e non ho mai sentito in 32 anni parlare di comportamenti apertamente omofobi da parte di nessun ristoratore. O sono particolarmente intelligenti o particolarmente furbi… mForse tutti e due… :)))

    • d’accordissimo, che brutta cosa la tolleranza. se dici di “tollerare” i gay stai già implicitamente ammettendo che siano un problema, che va appunto tollerato.
      quando si capirà che non sono un problema, forse ci sarà civiltà anche per loro.

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore