Le migliori 100 gelaterie artigianali del 2016

Abbiamo a lungo cercato, molto accantonato ma finalmente stanato le gelaterie artigianali che fanno la differenza. Al Nord, al Centro e al Sud.

Sfortuna vuole che sempre più gelatieri, annusato l’affare, abusino della tendenza appiccicando l’etichetta artigianale a gelati mediocri. Ma come sapete le basi pronte sono proscritte dalla classifica di Dissapore, i semilavorati banditi.

Potete dare un’occhiata alle edizioni degli anni precedenti (20152014, 2013, 2011), ripassare i criteri di selezione della classifica, che –udite udite– dal 2017 sarà anche un libro, oppure scoprire subito i 100 innovatori (50 citazioni e 50 schede) che sfidano le papille un gusto alla volta.

Bello poter riconfermare che gli italiani fanno il gelato artigianale migliore del mondo.

#100 Alice il gelato delle meraviglie – Pesaro [NE]

alice gelateria pesaro
Alice, il Gelato delle meraviglieviale Trieste 210, Pesaro

#99 Pizzoli – Roma [NE]

gelateria pizzoli, roma
Pizzolivia Tuscolana 735, Roma

#98 Gelateria Naturale – Foggia [NE]

gelateria naturale, foggia
Gelateria Naturalepiazza Italia 7-8, Foggia

#97 Punto Gelato – San Stino di Livenza [NE]

punto gelato, san stino di livenza
Punto Gelatovia Roma 2, San Stino di Livenza (VE)

#96 Bar Aterno – Raiano (L’Aquila) [NE]

bar aterno, raiano
Bar Aternovia della Repubblica 22, Raiano (AQ)

#95 Gelateria Michel – Peschici (Foggia) [NE]

gelateria mcihel, peschici
Gelateria Michelpiazza del Popolo 5, Peschici (FG)

#94 Esquimau – Pordenone [-2]

gelateria esquimau, pordenone
Esquimauvia Montereale 6, Pordenone

#93 Cremeria San Francesco – Bologna [NE]

cremeria san francesco, bologna
Cremeria San Francescopiazza San Francesco 1/b, Bologna

#92 Nivera, il gelato di Natura – Scicli (Ragusa) [+7]

nivera, scicli, ragusa, gelateria
Niveravia Francesco Mormina Penna 14, Scicli (Ragusa)

#91 Giova – Milano [-27]

giova, gelateria, milano
Giova corso Indipendenza 20, Milano

#90 L’arte del Gelato – Legnago [NE]

arte del gelato, gelateria, legnano
L’arte del Gelatovia XX Settembre 18, Legnago (VR)

#89 Caffè Adamo – Modica (Ragusa) [+6]

caffè adamo, modica
Caffe Adamovia Marchesa Tedeschi, Modica (Ragusa)

#88 Il Gelato Aresu – Cagliari [NE]

il gelato aresu, cagliari
Il gelato Aresucorso Vittorio Emanuele II 244, Cagliari

#87 Angelo Napoli artigiano del Gelato – Salerno [NE]

angelo napoli, gelateria, salerno
Angelo Napoli, artigiano del gelatovia Porta Elina 15,  Salerno

#86 Bar D’Angelo – Monforte San Giorgio (Messina) [NE]

bar d'angelo, monforte, sicilia, gelateria
Bar d’Angelo – piazza IV Novembre, Monforte San Giorgio (ME)

#85 Basilico e Limone – Levanto (La Spezia) [NE]

basilico e limone, gelateria, levanto, spezia
Basilico e limonevia Giuseppe Mazzini 9, Levanto (SP)

#84 La Fonderia, artigiani del gelato – Bassano (Vicenza) [NE]

la fonderia, bassano del grappa, artigiani del gelato
La Fonderia, artigiani del gelatovia angarano 65, Bassano del Grappa (Vicenza)

#83 Cremeria Spinola – Chiavari (Genova) [+13]

cremeria spinola, chiavari
Cremeria Spinola – corso Valparaiso 118 | corso Enrico Millo 28, Chiavari (GE)

#82 Cremeria Corradini – Castiglione della Pescaia (Grosseto) [-50]

cremeria corradini, castiglione della pescaia, gelateria
Cremeria Corradini – corso della Libertà 45, Castiglione della Pescaia (Grosseto)

#81 Vanilla – Legnano [-19]

vanilla gelateria, legnano
Vanilla prelibata gelateriacorso Magenta 69, Legnano| via Palestro 5, Legnano (MI)

#80 Bedont R e Martha – Brescia [+20]

gelateria bedont, bedont martha, brescia
Bedont di Bedontvia Trento 18/b, Brescia| Martha Bedontvia dei Musei 20/a, Brescia

#79 Carapina – Firenze [NE]

carapina, gelateria, firenze, roma
Carapinavia Lambertesca 28r/piazza G. Oberdan 2, Firenze – via dei Chiavari 37, Roma

#78 Gelaterita – Vittorio Veneto [NE]

gelaterita gelateria, vittorio veneto
Gelateritavia Cima 1, Miane (TV) – Serravalle, Vittorio Veneto (TV)

#77 Raki – Sorrento (NA) [-3]

gelateria rakì, sorrento
Raki Sorrentovia san Cesareo 48, Sorrento (NA)

#76 Bar Centrale – Marrubiu [-26]

bar centrale, gelateria, marrubiu
Bar Centrale – via Napoli 131, Marrubiu (Oristano)

#75 Il Teatro del Gelato – Sant’agostino (Ferrara) [+7]

il teatro del gelato, gelateria, santagostino, ferrara
Il Teatro del Gelatopiazza Pertini 2, Sant’Agostino (Ferrara)

#74 Pasticceria Buzzi –  Nus (Aosta) [+16]

pasticceria buzzi, gelateria, nus, aosta
Pasticceria Buzzi – via circonvallazione sud 39/a, Nus (Aosta)

#73 Gelateria Viganotti – Genova [NE]

gelateria viganotti, cioccolateria, genova
Gelateria Cioccolateria Romeo Viganottivico dei Castagna 14R, Genova

#72 Cremeria Veneta – Brugnera (PN) [-18]

cremeria veneta, brugnera
Cremeria Venetavia Vittorio Veneto 54, Brugnera (PN)

#71 Godot – Rovigo [+1]

gelateria godot, rovigo
Gelateria Godotvia generale Domenico Piva 1, Rovigo

#70 Gelateria Montereale – Pordenone [-28]

gelateria montereale, pordenone
Gelateria Montereale – via Montereale 23, Pordenone

#69 Vivoli – Firenze / USA [-12]

gelateria vivoli, firenze
Vivolivia dell’Isola delle Stinche 7/r, Firenze

#68 Gelateria Fiore – Suzzara (Mantova) [=]

gelateria fiore, suzzara, mantova
Gelateria Fiorevia Toti 1, Suzzara (Mantova)

#67 Gambrinus – Perugia [+23]

gelateria gambrinus, perugia
Gelateria Gambrinusvia Luigi Bonazzi 3, Perugia

#66 Gelato e Cioccolato – Subiaco (Roma) [+14]

crema e cioccolato,luigi tirabassi, gelateria, subiaco
Gelato e Cioccolato – via Cavour 81/82, Subiaco (Roma)

#65 Citrus – Battipaglia [NE]

gelateria citrus, battipaglia
Citrus gelateriavia Paolo Baratta 2, Battipaglia (Salerno)

#64 Caprilli – Livorno [NE]

gelateria caprilli, livorno
Caprilli gelateria naturalevia dei funaioli 2, Livorno

#63 Mela e Cannella – Roma [-12]

mela e cannella, gelateria, roma
Mela e Cannellavia Oderisi da Gubbio 71, Roma

#62 La Collina delle Galline – Correggio (RE) [-2]

la colina delle galline, gelateria, correio
La Collina delle Galline – Via Giovannetti 9-13, Correggio (RE)

#61 Agrigelateria San Pè – Poirino (Torino) [-22]

agrigelateria san pe, poirino, lingotto, torino, eataly
Agrigelateria San Pé – Strada di San Pietro di Rivetta 29, Poirino TO | Eataly Lingotto Torino | Eataly Pinerolo

#60 Gelateria del Pigneto – Roma [-7]

gelateria del pigneto, roma
Gelateria del Pignetovia Pesaro 11, Roma

#59 Il Mondo di Mezzo – Usmate (MB) [+14]

il mondo di emzzo, gelateria, usmate, brianza
Il mondo di mezzovia Roma, Usmate (MB)

#58 Ottimo – Torino [NE]

gelateria ottimo, torino

Ottimo Gelateriacorso Stati Uniti 6c

#57 Gelateria Bruno – Antrodoco | Rieti [-5]

gelateria bruno, antrodoco, rieti
Gelateria Brunopiazza del Popolo 1, Antrodoco (RI) | largo Cairoli 3, Rieti

#56 La Sorbettiera – Firenze [+7]

la sorbettiera, gelateria, firenze
La Sorbettiera piazza Torquato Taso 11, Firenze

#55 Gori  – Roma [-26]

gori gelato, gelateria, roma
Gori Gelato – piazza Menenio Agrippa 6, Roma

#54 Essenza del Gelato – Torino [+4]

essenza del gelato, gelateria, torino
Essenza del Gelatovia Principe Amedeo 21/f, Torino

#53 Soler – Val di Zoldo (BL) [-9]

gelateria al soler, zoldo alto, val di zoldo
Al Soler – via Pecol 119, fraz. Pecol di Zoldo Alto (Belluno)

#52 Pico Gelato – Roma [NE]

pico gelato, gelateria, roma
Pico Gelatolargo XXI aprile 1, Roma

#51 Gelateria 100% Naturale – Sestri levante (GE) [+10]

100 per cento naturale, gelateria, sestri
Gelateria artigiana 100% naturalevia XXV aprile 126, Sestri Levante (GE)

* * * * *

Prima di scandire una per una le prime 50 posizioni lasciateci il tempo di una precisazione.

Nella classifica 2016 non trovate la gelateria Greed, passata da Labìco a Frascati, né L’arte di Mauro del gelatiere Mauro Crivellaro, che ha cambiato bottega. Neanche la gelateria veneziana di Pietro Scaldaferro, molto apprezzato per la produzione di torroni, di apertura troppo recente per essere provata con l’attenzione che merita.

#50 Cremeria Opera – Lucca [+5]

cremeria opera, gelateria, lucca

Il gelato è semplice ma ricco di sapore e di idee, con gusti schietti, cremosi e mai stucchevoli.

Nella gelateria di Lucca, moderna, distante dal cliché della piccola bottega artigianale, Mirko Tognetti affianca al gelato piccoli pranzi a base di crêpe, frullati e centrifugati sempre all’insegna del prodotto genuino. 

Gusto consigliato: pinolata, con pinoli biologici di San Rossore

Cremeria Operavia Gaetano Luporini, Lucca

#49 Ludo gelateria naturale – Follonica [NE]

gelateria ludo, follonica

Il bancone in legno intagliato ruba la scena nella gelateria di Follonica nata dalla passione di un bancario e di una dirigente di azienda, che ora spendono le loro energie nella produzione del “buon gelato come appena fatto”. Niente vaschette rigonfie di Puffo, insomma.

Contribuiscono gli ingredienti del territorio quali il miele, le fragole e la frutta fresca di stagione, soprattutto il latte maremmano utilizzato anche per produrre in proprio l’ottimo yogurt.

Gusto consigliato: crema di nonna Enna

Ludo gelateria naturalevia Roma 87, Follonica (Grosseto)

#48 A Casa di Ludo – Tortoreto [+8]

a casa di ludo, gelateria, tortoreto

E’ la diagnosi della celiachia di Luduvica, figlia dei titolari di questa gradevole gelateria a due passi dal lungomare, che ha fatto scattare la molla per offrire un gelato senza glutine e lattosio.

Prodotto giornalmente nella quantità necessaria, senza grassi idrogenati e avvalendosi come addensante della sola farina di carrube, il gelato, cremoso e vellutato, si supera nel gusti locali come liquirizia di Atri, cantucci e Passerina passita o zafferano di Navelli.

Gusto consigliato: zabajone e cantucci (con Passerina Passito di Offida)

A casa di Ludovia Trieste 141, Tortoreto Lido

#47 Laboratorio del Gelato – Viareggio [+1]

laboratorio del gelato, gelateria, viareggio

Succede anche che un biologo e una farmacista uniscano le forze e decidono di dedicarsi all’arte gelatiera con grande riscontro di pubblico.

Il risultato è un gelato naturale, morbido e cremoso, mantecato ancora con la tradizionale macchina a bastone. Il gusto che ha conquistato le papille dei viareggini è la crema dimenticata, con soli tuorli, latte fresco, vaniglia e scorze di limone.

Gusti consigliati: Crema dimenticata e Fior di bufala

Laboratorio del gelato – viale Ugo Foscolo 11, Viareggio (Lucca)

#46 Marco Ottaviano, il gelato gourmet – Firenze [+25]

marco ottaviano, gelateria, firenze

“Più che mangiarlo, il gelato mi è sempre  piaciuto farlo”. A parlare è Marco Ottaviano, una passione smisurata per il mestiere che si è scelto, perfezionato alla “Gelato University” di Bologna.

Immaginatelo nel centro storico di Firenze, mentre descrive spiritato il suo gelato ai turisti ignari di trovarsi in una vera gelateria artigianale: le fragole, mai in inverno, dal Mugello, la ricotta dell’Azienda Agricola il Sasso di San Cresci, i petali di rosa centifolia bio dell’azienda agricola “Fattoria la Villetta” […]

Gusti consigliati: caffè bianco

Marco Ottavianovia Matteo Palmieri 34/r, Firenze

#45 Fiordilatte – Udine [-14 ]

fiordilatte, gelateria, giancarlo timballo, udine

Giancarlo Timballo è un gelatiere appassionato e formatore tra i più noti, nonché uno tra i fondatori della Coppa del Mondo del Gelato.

Oggi nel luminoso negozio di Udine concentra l’attenzione sui gusti classici, come il fior di latte, esplorando anche il lato gourmet con proposte singolari come i sorbetti floreali, ottenuti attraverso la macerazione dei petali, alla rosa, sambuco e viola. Un elemento fresco e frizzante che si aggiunge alla straripante vetrina.

Gusto consigliato: sorbetto ai fiori di sambuco

Fiordilatte – via Cividale 53, Udine

#44 Zeno Gelato e Cioccolato – Verona [+25]

zeno gelato e cioccolato, gelateria, verona

Pochi, classici gusti, molti dei quali vegani, per uno dei gelati più apprezzati di Verona, fatto con materie prime acquistate da piccoli coltivatori, vinicoltori e casari di fiducia.

Un gelato mai sovraccarico, dalla dolcezza contenuta e il gusto schietto, cui si aggiunge quello che qui chiamano “gelato gastronomico”, servito in mini vassoi con tre palline separate abbinate a ingredienti insoliti per una gelateria.

Gusto consigliato: pistacchio vegano

Zeno gelato e cioccolatopiazza San Zeno 12/a, Verona

#43 La Svolta – Marciana Marina (Isola d’Elba – Livorno) [+3]

gelateria la svolta, isola d'elba

Rispetto dell’ambiente e coscienza (quasi) a km. zero sono gli ingredienti nascosti che animano il gelato di questa piccola bottega collocata in uno degli angoli più incantevoli d’Italia.

Un gelato che sa di buono, di cura, di passione, quella stesa passione che ha portato la giovane coppia di agrari, Federica e Paolo, ad abbandonare la grande città per abbracciare i ritmi lenti dell’isola, e dal 2014 anche la classifica di Dissapore

Gusto consigliato: vaniglia e caramello salato

La svolta – via Cairoli 6, Marciana Marina (Isola d’Elba – Livorno)

42 C’era una Volta – Benevento [+1]

c'era una volta, gelateria, benevento

Adele Iuliano e Annamaria Spedicato rifuggono nella loro gelateria pasticceria di Benevento l’impiego  di qualsiasi tipo di semilavorato, colorante, conservante o aroma che non sia naturale.

L’esperienza maturata presso Gianfrancesco Cutelli della gelateria De Coltelli di Pisa dalle titolari, mosche bianche in mezzo ai tanti uomini della classifica, ha fatto sì che la gelateria si affermasse come una delle più interessanti realtà della scena campana.

Gusto consigliato: mela annurca e ricotta stregata

C’era una Volta – via Porta Rufina 33, Benevento

#41 O.G.G.I. gelato – Udine /Varese /Bologna [-14]

oggi gelateria, udine, varese, bologna, barcellona

Gelati ottimi che si sono imposti a Udine, dov’è stata aperta la prima gelateria O.G.G.I., poi replicata a Varese, Bologna e in Spagna, a Barcellona.

Il gelato di Udine è delizioso grazie alle materie prime provenienti da aziende agricole della zona, come il latte friulano Blanc o la frutta secca tostata direttamente nel laboratorio a vista della gelateria.

Gusto consigliato: Pulcinella (ricotta fresca, scaglie di cioccolato di Modica, pistacchio e profumo di arance)

O.G.G.I. gelato – via Paolo Sarpi 3/a, Udine | corso Matteotti 2, Varese

#40 Gelizioso – Sarno [+38]

gelizioso, gelateria, sarno

“Il gelato appena raccolto” è il motto di Giuseppe Cascella, che ha aperto “Gelizioso” a Sarno nel 2013, e subito si è imposto per la scelta degli ingredienti che provengono soltanto da aziende biologiche.

Ottimo il gusto al fior di castagna con marron glacé e il pane, burro e marmellata con burro di latte fresco, pane tostato e caramellato e frutta fresca in composta.

Gusto consigliato: pomodoro San Marzano profumato alla menta

Geliziosovia G. Matteotti 47, Sarno (Salerno)

#39 Pavè – Milano [NE]

pave gelati e granite, gelateria, milano
Un mix esplosivo quello dato dall’unione della già nota pasticceria Pavè di Milano con la bravura di Simona Carmagnola, che nel 2015, quando era nella gelateria pisana De Coltelli, ha vinto la classifica di Dissapore.

Le proposte classiche non mancano ma vanno provati i gusti riconducibili ai prodotti della pasticceria, tipo sbrisolona, pane burro e 160, tarte Tatin o fava di Tonka.

Diventano sorbetti inediti pure i mix centrifugati già assaggiati nella primigenia pasticceria, omaggio degli impenitenti annusatori di trend (aka quelli di Pavé), alle nuove voglie dei consumatori.

Gusti consigliati: Sbrisolona, Tonka

Pavé gelati & granite – Via Cesare Battisti 21, Milano

#38 Mara dei Boschi – Torino/Alba [-8]

mara ei boschi, gelateria, torino

Mara dei Boschi, la gelateria aperta nel 2012 a Torino in zona San Salvario, centro multietnico della movida torinese, realizza uno dei gelati più gustosi e sapidi che la città possa offrire. Sull’onda del successo l’insegna torinese ha aperto anche un nuovo punto vendita ad Alba.

Ma non basta: i tre intraprendenti soci, capitanati da Marco Serra, hanno in progetto di creare un nuovo tipo di locale, accorpandosi alla contigua caffetteria modaiola Orso, nell’ottica di un locale innovativo, dove trovare buoni gelati, buon caffè e buona musica. Indiscrezioni indicano Roma come inizio di questo nuovo progetto.

Gusto consigliato: Marotto (gianduiotto vegano, senza latte) e crema pasticcera

Mara dei Boschi – via Berthollet 30, Torino | Alba

#37 Cremeria Sestri Il gelato naturale – Genova (+4)

cremeria steri, gelato naturale, gelateria, genova
Aperta nel 2013 a Genova, piccina ma arredata con gusto, la cremeria Sestri si è imposta rapidamente come una delle migliori realtà regionali grazie ai sapori del gelato, tutti distinti e concentratissimi, una meraviglia.

I primi esempi che vengono in mente sono le mandorle di Avola e la menta di Pancalieri. Ma sono notevoli la crema delle due Sicilie, con pistacchio e mandorla, il gelato al Moscato o il cioccolato al sale rosa dell’ Himalaya.

Gusto consigliato: zabajone superiore

Cremeria Sestri – via Gaetano Donizetti 34/36, Genova

#36 Chiccheria – Marina di Grosseto [-1]

gelateria chicheria, mrina di grosseto, cagliari, scuola di gelato
Dove trovate materie prime inusitate come il cioccolato organico di Bali o il cacao raw non potassato (cioè al naturale), i prodotti del territorio e la più completa mancanza di addensanti o coloranti?

Alla gelateria “Chiccheria” di Marina di Grosseto, che mette la sua esperienza al servizio di chi voglia intraprendere il mestiere di gelatiere con la “scuola di gelato naturale” di Manuele Presenti, sempre molto frequentata.

A questo ha portato l’evoluzione di una semplice gelateria aperta negli anni Settanta, che ora vanta anche due filiali in Sardegnaa Villasimius e a Cagliari.

Gusto consigliato: pane, burro e marmellata

Chiccheria – via Piave 14/A, Marina di Grosseto | via V. Emanuele II 2, Villasimius | via Dante Alighieri 5, Cagliari

#35 Tonka il gelato che volevi – Aprilia [NE]

tonka gelateria, il gelato che volevi, aprilia

“Tonka, il gelato che volevi”. Vale a dire latte di fattoria, frutta fresca solo di stagione e un gelato cremoso che ha portato il giovane Valerio Esposito tra i finalisti del Gelato Festival di Firenze, edizione 2015.

Ottimi i  gusti classici, come il pistacchio e la nocciola (in versione Santa Rosa), non da meno quelli più fantasiosi come il gelato al latte di bufala variegato alle olive celline. Buone anche le proposte senza lattosio per chi soffre di intolleranze o allergie.

Gusto consigliato: nocciola Santa Rosa

Tonka il gelato che volevi Via Ugo Foscolo 15, Aprilia  (LT)

#34 Gelateria di Piazza – San Gimignano (Siena) [-6]

gelateria di piazza, sergio dondoli, san gimignano, toscana

La rinomanza planetaria della “Gelateria di Piazza”, dovuta anche alla turrita bellezza di San Gimignano, rende merito alla tenacia con cui Sergio Dondoli ha modellato verso l’alto il suo gelato, con tipicità toscana e buon umore.

Venendo ai gusti, ormai celeberrima è la crema di Santa Fina (crema allo zafferano e pinoli), da provare lo Champelmo (pompelmo rosa e spumante), la curva Fiesole (ricotta e mirtilli), nonché i freschi sorbetti profumati con erbe aromatiche.

Gusto consigliato: Crema di Santa Fina (crema all’uovo con bucce d’arancia, zafferano Dop di San Gimignano, pinoli di Pisa)

Gelateria di Piazza – piazza Cisterna 4, San Gimignano (Siena)

#33 Cremeria Aurelia – Roma [+4]

cremeria aurelia, gelateria, roma

Nella congestionata scena romana guadagnare 4 posizioni rispetto al 2015 non è semplice. Venicio Luzietto e la moglie Nathalie Ugo ci sono riusciti spingendo soprattutto sulle proposte innovative e l’ingrediente ricercato: la liquirizia di Rossano Calabro, le uova della fattoria San Bartolomeo o la vaniglia Madagascar.

Nell’ottica di un gelato genuino e salutare è da segnalare l’utilizzo dello zucchero di cocco, con indice glicemico più basso rispetto al tradizionale saccarosio.

Gusti consigliati: le varianti abbinate allo zenzero e lo zabajone

Cremeria Aurelia – via Aurelia 398, Roma

#32 Gelateria della Passera – Firenze [+17]

gelatria della passera, firenze

Cinzia Otri, una della poche donne presenti in classifica, offre a Firenze un gelato di gran gusto che si è conquistato la fiducia degli appassionati. Le sua specialità sono la grande attenzione per le consistenze e l’impiego moderato degli zuccheri.

Da provare la Crema ai sette profumi (crema all’uovo, cannella, anice stellato, chiodi di garofano, zest di arancia e limone, vaniglia Bourbon), Monna Lisa (con mele renette, fiori di arancio, noci, uva passa  e vin santo) o il sorbetto ai Profumi d’Oriente ( con decotto di  zenzero fresco, cannella, cardamomo, zafferano, lime e zenzero candito).

Gusti consigliati: Monnalisa (uva sultanina, fiori d’arancio e noci) o caffè degli artigiani

Gelateria della Passera – via dello Sprone 16, Firenze

#31 I vizi degli Angeli – Matera [+5]

i vizi degli angeli, gelateria, matera

Innamorati anche noi di Matera –come non esserlo– abbiamo scoperto questa bottega nel 2014 tenendola costantemente sotto osservazione.

Molti assaggi (e calorie) dopo possiamo parlarvi di un gelato che va oltre l’immobilismo dei soliti gusti, anche loro buoni per carità, con esperimenti superati brillantemente, uno per tutti l’ottimo gusto lavanda.

Al gelato genuino e leggero si affiancano le granite, tra cui spicca quella al profumo di bergamotto.

Gusto Consigliato: Profumo di Primavera , con timo e malva

I Vizi degli Angeli – via Risola 36, Matera

#30 Il Pinguino gelateria naturale – Roma [+]

il pinguino gelateria, gelato naturale, roma

A Stefano Ferrara, gelatiere e formatore romano, va riconosciuto il merito di andare oltre il gelato buono e naturale con una ricetta (nel solco della gelateria milanese Ciacco) tra le più ‘pulite’ dell’intera classifica.

Non sono previsti addensanti, rimpiazzati da numerose fibre vegetali che consentono la giusta consistenza e mantengono basso il livello degli zuccheri aggiunti.

Un gelato molto assortito nei gusti in base alle stagioni, che per le sue caratteristiche si può gustare con regolarità e frequenza.

Gusto consigliato: sorbetto cioccolato fondente cru Kalapaia

Il Pinguino Gelateria NaturaleVia Silvestri 224, Roma

#29 Scian, l’Insolito Gelato – Cordenons (PN) [+9]

gelateria scian, insolito gelato, cordenons, aviano, casarsa

La gelateria di Cordenons, che propone anche pasticceria secca e un buon assortimento di prodotti gourmet, si avvale di fornitori di fiducia e ingredienti di sicura qualità, per arrivare “al gelato come lo vorrei mangiare io”.

Che, per inciso, dev’essere molto desiderato, vista l’apertura di altri due punti vendita, a Casarsa e Aviano, sempre del medesimo livello.

Tra i gusti va segnalato il curioso ciocco-acqua, dove il cioccolato sposa l’acqua Dolomia, fonte locale che sgorga nel Parco delle Dolomiti Friulane.

Gusto consigliato: Quint’Essentia all’amaro Nonino.

Scian, l’insolito gelato – via Sclavons 7, Cordenons (Pordenone) | piazza Italia 5, Casarsa (Pordenone) | piazza Duomo 21, Aviano (Pordenone)

#28 Gelateria Popolare – Torino [-2]

gelateria popolare, porta palazzo, balon, torino

Situata nei pressi della multietnica Porta Palazzo, la Gelateria Popolare rappresenta un punto di riferimento nel panorama delle gelaterie torinesi.

I gusti classici fatti con ingredienti di pregio ed equosolidali, proposti a prezzi veramente onesti e “popolari” danno una marcia in più alla bottega dall’atmosfera retrò. In inverno e nei periodi freddi le alternative sono un’ottima cioccolata calda o un rinfrancante zabaione, in pieno stile Vecchia Torino.

Gusti consigliati: crema cannella e crema popolare

Gelateria Popolare – via Borgo Dora 3, Torino | piazza Palestro 7, Loano (Savona)

#27 Sanelli – Salsomaggiore Terme (Parma) [-6]

gelateria anelli, corrado, salsomaggiore terme, azoto liquido

Pioniere del gelato molecolare mantecato con l’azoto liquido –tecnica che regala al gelato una struttura setosa e un gusto netto e spiccato– Corrado Sanelli continua a produrre un gelato di alto livello sperimentando gusti che a buona parte dei gelatieri, anche se bravi, riescono meno.

Il parmigiano ricavato dal latte di vacche rosse di collina, per esempio, che è un successo benché l’Italia sia più difficile sul salato, il kefir e i gusti floreali.

Gusto consigliato: mandorle e sale di Salsomaggiore Terme

Gelateria Sanelli – piazza del popolo 2/1, Salsomaggiore Terme (Parma)

#26 Gelateria Bloom – Modena [+19]

gelateria bloom, degani, modena

Quest’anno a Gianluca Degani, 28 anni, talentuoso gelatiere di Modena scoperto nella classifica 2015, abbiamo assegnato il premio “Generazione di fenomeni“, soprattutto per il coraggio di mettersi in proprio lasciando la gelateria Ciacco, partita a Parma e approdata con successo a Milano, pur di non accettare aut aut.

Il gelato di Bloom è all’insegna degli ingredienti artigianali, talvolta dall’assenza di latte e sempre di un contenuto impiego di zucchero.

Gusto consigliato: il gelato futurista alla mandorla Pizzuta D’Avola, profumato con il Sangue Morlacco (il liquore preferito da  D’Annunzio) e variegato con le marasche di Vignola al dragoncello.

Gelateria Bloom – via Luigi Farini 23, Modena

#25 Macam – Novara [+9]

gelateria macam, novara

Locale piccolo ma singolare in pieno centro, spesso con esposizione di opere, disegni e fumetti per la gelateria Macam di Novara, dove si possono gustare oltre all’irreprensibile gelato artigianale conservato nei pozzetti, prodotti di pasticceria e piccoli lievitati, biscotti, caffè e centrifugati.

Si punta tanto sulla frutta fresca di stagione, in particolare per le ottime “gremolade”.

Gusti consigliati: crema Macam e bufatella (con ricotta di bufala, quando c’é)

Macam – corso Italia 90, Novara

#24 Ciacco. Gelato senz’altro – Parma / Milano [+1]

ciaco, gelateria, milano, parma

Offrire un gelato “puro”, senza additivi o aromi, senza addensanti, “senz’altro” che non sia naturalmente presente negli ingredienti utilizzati: questa la sfida di Stefano Guizzetti, tecnologo alimentare che nel 2013 ha aperto la sua prima gelateria a Parma per poi trasferirla a Milano.

Un gelato che esalta il sapore degli ingredienti principali con l’impiego di varietà antiche provenienti da mercati locali o consorzi certificati.

Anche il latte, quando non indispensabile, viene eliminato per venire incontro ad allergie e intolleranze o più semplicemente ai seguaci della dieta vegana.

Gusti consigliati: Quasi-Cheesecake,  Lime&Zenzero

Ciacco gelato senz’altro – via Spadari 13, Milano –  viale Mentana 91/a, strada Garibaldi 11, Parma, Piazza Matteotti 8, Bergamo.

#23 Chantilly – Moglia (Mantova) [+1]

gelateria chantilly, moglia, mantova

Un locale curato in ogni dettaglio che ha da poco festeggiato i primi dieci anni di attività (e in mezzo anche i problemi legati al terremoto del 2012 che rese inagibile la gelateria, costringendo a trasferire le sorbettiere per qualche mese in una casetta di legno all’aperto), spesi con successo in un piccolo paese della piana mantovana.

Buono il gelato, d’impostazione classica, senza troppe divagazioni gastronomiche, prodotti di pasticceria inappuntabili e caffè realizzato con le miscele artigianali Trinci, tostate in forno a legna.

Gusti consigliati: Zabaione al Passito mantovano e Zucca mantovana (in stagione)

Chantilly – via dell’artigianato 22, Moglia (Mantova)

#22 Stefano Dassiè – Treviso [+11]

stefano dassie, gelateria, treviso, montebelluna

“Il mio gelato nasce con il sorriso perché è fatto con tanta passione ed estrema semplicità. È così che le cose vengono bene, quando si ama il proprio lavoro”.

E Stefano Dassiè deve amarlo molto, visto che a 30 anni, figlio d’arte con tre gelaterie all’attivo tra Treviso e Montebelluna, può essere considerato un veterano del gelato artigianale.

Per il gelatiere veneto, tradotta in fatti concreti, la dedizione al mestiere significa gelaterie sempre affollate, una rotazione di gusti che solo a pensarla viene il mal di testa, il primato indiscusso nella sua zona sostenuto anche da granite, yogurt e prodotti adatti a celiaci o intolleranti.

Novità di quest’anno: decine di gusti inediti e diversi, numerati uno a uno.

Gusto consigliato: sant’Agostino ( gusto mandorla dolce variegato con crema al pistacchio)

Stefano Dassiè – via Calmaggiore 60, Treviso | via Sant’Agostino 42, Treviso | piazza Negrelli 13, Montebelluna

#21 Golosi di Natura – Gazzo Padovano [-2]

golosi di natura, gelateria, antonio mezzalira, gazzo padovano, padova

L’avventura di Antonio Mezzalira, partita dalla prima gelateria di Gazzo padovano nel 2006, lo ha portato a essere direttore per qualche stagione del Gelato Festival. La prima fama è arrivata grazie a un gelato al Prosecco di Valdobbiadene, chiaro messaggio d’amore per le sue origini.

Leggero ed equilibrato, realizzato da uno studioso della ricettazione (la cui firma leggiamo spesso nelle principali riviste di settore), il gelato di Golosi di Natura si esalta nei gusti particolari come la crema dei golosi, crema all’uovo in salsa di fragole e meringhe cotte e Hamman, al profumo di cannella dolce del Madagascar e canditi all’arancio naturale.

Gusti consigliati: ricotta con miele di melata e noci e crema alla grappa di Bassano

Golosi di Natura – via Vittorio Emanuele 22, Gazzo Padovano (Padova)

#20 Crivella – Sapri (Salerno) [-4]

enzo crivella, gelateria, sapri, cilento

Diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, Enzo Crivella continua la tradizione familiare del padre Eugenio nel punto vendita sul lungomare di Sapri, classico sì ma adesso rimesso a nuovo, anzi completamente trasformato.

Non cambia invece la cura nella lavorazione del gelato, il profilo si mantiene alto con gusti tradizionali rivisitati in chiave moderna e tocco d’artista come gusti più amati, il latte di bufala con pistacchi e la crema all’arancia e rosmarino. Dichiarazioni d’amore verso la sua Terra.

Gusto consigliato: Setteveli, dal nome dell’omonima torta siciliana al cioccolato e nocciola

Crivella Gelati & Dessert – corso Italia 54, Sapri (Salerno)

#19 Fatamorgana – Roma [-6]

fatamorgana, gelateria, maria agnese spagnuolo, roma, monti

Antesignana del gelato senza glutine, Agnese Spagnulo, in arte Fatamorgana, mette nei suoi gelati tutto l’amore per la natura, soprattutto per gli amati alberi da frutto.

Duro lavoro, sperimentazione senza sosta e vera passione per il suo mestiere, hanno trasformato Fatamorgana in una specie di piccola holding del gelato capitolino con sette punti vendita in città e mire californiane.

Nelle sue ricette in apparenza spericolate (si contano anche cinque ingredienti diversi) regna un equilibrio inconsueto che porta a piccole delizie quali il bacio del principe (con nocciola e cioccolato) e lo zabaione al passito con fragole di bosco. Anche se in alcuni gusti, complice la proliferazione dei punti vendita, la concentrazione dei sapori non è quella di un tempo.

Gusto consigliato: crema Agnese, con doppio caramello, sia all’interno del gelato – leggermente salato- che all’esterno come variegatura.

Fatamorgana – via Lago di Lesina 9 (Trieste Salario)| via Leone IV 50 (Prati)| piazza degli Zingari 5 (Monti)| via Roma Libera 11 (Trastevere)| via Laurina 10 (Corso)| via Aosta 3 (Re di Roma)| piazza Filippo Carli 36 (Vigna Stelluti), Roma.

#18 Pastorino – Calice Ligure (Savona) [+5]

gelateria pastorino, calice ligure

Terza generazione di gelatieri per la gelateria di Calice ligure aperta da nonno Severino nel lontano 1940, sempre nella stessa collocazione di oggi.

Ingredienti d’eccellenza e assenza di grassi idrogenati, aromi, coloranti artificiali o conservanti regalano un gelato cremoso in cui si percepiscono nitidamente i sapori, come nella nocciola Tonda gentile delle Langhe o nella Marsala Fiorio.

Da non perdere il gusto orzo antico, fatto con un’antica varietà di orzo chiamata Leonessa o il mascarpone al caffè croccante, gelato di mascarpone variegato con una salsa mou al caffè e croccante di nocciola.

Gusto consigliato: Mandorla e Arancia, con  mandorla della Valle di Noto e salsa di arance siciliane (quando disponibile)

Gelateria Pastorino – via Vittorio Veneto 3, Calice Ligure (Savona)

#17 Santo Musumeci – Randazzo (Catania) [-5]

santo musumeci, randazzo, catania, gelateria, pasticceria

Della granita di Santo Musumeci, artigiano di quelli che vanno scomparendo, poco incline ai sofismi della precisione tecnica, ma dotato di un un palato più unico che raro, oggi coadiuvato dal giovane talento della figlia Giovanna, abbiamo già detto (per i pigri che non cliccano sui link abbiamo detto che per equilibrio è superiore a qualunque altra in Sicilia. Equilibrio tra gli ingredienti, calcolato di giustezza in ogni gusto).

Ma è dal gelato che sono arrivate le vittorie urbi et orbi nei concorsi specializzati, con gusti che rivelano sapori netti e una leggerezza insolita per i gelati siciliani.

Gusto consigliato: W la Nonna (gelato alla torta di mele)

Pasticceria Santo Musumeci – Piazza S. Maria 5, Randazzo (Catania)

#16 Officina del Gelo  Avalon – Bolzano [-1]

officina del gelo avalon, gelateria,paolo coletto, bolzano

La fantastica qualità di questo prodotto non si è mai abbassata, facendo di Paolo Coletto, maestro gelatiere di trentennale esperienza, una specie di guru dalla maniacale attenzione per i dettagli.

Come la scelta delle fragole, che arrivano dai 1760 metri del campo più alto d’Europa, il latte e panna forniti  dalla vicina Latteria Tre Cime di Dobbiaco o lo yogurt della Centrale del Latte di Vipiteno.

Alla fine, ai nostri palati arriva un gelato di grande finezza che sembra sempre appena fatto.

Gusto consigliato: pistacchio di Bronte

Officina del Gelo Avalon – corso della Libertà 44, Bolzano

#15 Alberto Marchetti – Torino/Alassio /Milano [-1]

alberto amrchetti, gelateria, milano, torino, alassio

“Sono Alberto Marchetti, amo fare il gelato e altre cose buone. I miei gelati sono a Torino e Alassio. Li faccio con dedizione secondo le ricette di famiglia: scelgo dei buoni ingredienti, uso solo quello che serve, non aggiungo niente di più”.

Difficile anche per noi aggiungere qualcosa rispetto alle parole di Marchetti, e al gelato che ha conquistato Torino (con tre punti vendita) e più di recente anche Milano: pochi ingredienti, semplici e buoni, scelti personalmente da fornitori di fiducia e il meglio delle materie prime.

Gusti consigliati: imperdibile il gianduja e la crema all’uovo.

Alberto Marchetti – corso Vittorio Emanuele II 24 bis|via Po 35|via Reggio 4, Torino – via XX Settembre, 48, Alassio (SV) – via Montenero 43, Milano

#14 Armonia e Poesia – Civitavecchia (Roma) [NE]

armonia e posia, gelateria, di pomponio ermanno, civitavecchia, roma

Ritorna Ermanno Di Pomponio, a lungo guida spirituale del gelato romano, prima con “Il mio gelato naturale” poi con la mai dimenticata “Neve di latte”, gelateria rimasta nel cuore di molti dopo la sparizione di Di Pomponio.

Il quale, finalmente con il nuovo locale poco felicemente battezzato “Armonia e Poesia” è tornato a deliziare i suoi clienti con i gusti incredibili di cui è capace, fatti con latte biologico tedesco, panna, zucchero di canna e l’ingrediente aromatico che cambia di volta in volta, dalla cioccolata Amedei al caffè Gianni Frasi.

Nient’altro.

Gusti consigliati: crema di limone, cioccolato, caffè.

Armonia e poesia, gelateria naturale biologica biodinamicavia Bramante 48, Civitavecchia (Roma)

#13 Gelato Giusto – Milano/New York [+5]

gelato giusto, gelateria, vittoria bortolazzo, milano

Studi accademici ed esperienza di spessore presso nomi del calibro di Ladurée, Lenôtre e Valrhona per Vittoria Bortolazzo, giovane gelatiera diplomata nel 2007 all’Accademia di Pasticceria francese che ha realizzato a Milano, nella zona di Benedetto Marcello, il progetto di “creare un gelato di alta pasticceria” (con fortunata replica newyorkese qualche anno dopo).

Una minuscola insegna che spicca per la qualità non convenzionale che si esprime in ogni dettaglio, con gusti precisi, concentrati ma non sovraccarichi e grande attenzione alla struttura del gelato, sempre della giusta consistenza.

Gusto consigliato: gelato al Passito di Pantelleria e cantucci.

Gelato Giusto – via S. Gregorio 17, Milano | 169 9th avenue (@20th street) New York (USA)

#12 Cremeria Scirocco – Bologna [ -2]

cremeria scirocco, andrea bandiera, bologna

Da poco più di dieci anni roccaforte del gelato artigianale bolognese, si distingue per la scelta di puntare su un prodotto il più possibile naturale adatto anche a coloro affetti da celiachia e intolleranze.

Prodotti nel laboratorio a vista e senza l’uso di conservanti, coloranti e aromi artificiali, i gelati della Cremeria Scirocco sono raffinati e molto leggeri, specie i sorbetti, tutti rigorosamente senza latticini.

Segnalazione obbligatoria per la presenza delle brioche e dei lievitati di Gino Fabbri, pasticcere-guru di Bologna.

Gusto consigliato: malaga dei caraibi (con rhum agricole)

Cremeria Scirocco – via Barelli 1, Bologna

#11 La Gourmandise – Roma [-6]

dario benelli la gourmandise roma

Dario Bonelli è l’anima della gelateria “La gourmandise”, una tra le migliori del quartiere Monteverde. L’obiettivo è quello di “portare la degustazione del gelato a un livello superiore”, iniziando dalla scelta di eliminare il latte vaccino in tutte le preparazioni preferendogli il più sapido latte di capra maltese.

Banditi i coni a favore delle sole coppette per una degustazione slow, la fantasia di Bonelli spazia fino al lampone all’acqua di rose, al limone alla verbena, al gran Moka mandorlato o alla cheesecake rivisitata (tomino di Vallecervo, fragole e paste di melissa).

Perfino ai sorbetti alla birra.

Gusto consigliato: crumble di pere

La Gourmandise – via F. Cavallotti 36/b, Roma

#10 Cremeria Santo Stefano – Bologna [+12]

remria santo stefano, gelateria, bologna

Piccola bottega che in 10 anni di attività ha permesso alla famiglia Cavallari di cambiare l’affollata mappa del gelato artigianale bolognese grazie alla fantastica setosità dei cioccolati, ai gusti concentrati ma non sovraccarichi.

Sempre interessante il lavoro tecnico nascosto dentro ogni carapina, specie nei gusti come la crema libanese con acqua di fior d’arancio, amaro di Vallebona, mandorle e pistacchi.

La scelta di piccoli produttori che coltivano con coscienza, l’impegno profuso e i risultati raggiunti, hanno da poco portato all’apertura del Laboratorio Cavallari, un nuovo spazio a pochi passi dalla Cremeria, più grande e completamente a vista, per la produzione di confetture e piccoli lievitati che accompagnano il gelato e una più integrale lavorazione in proprio di nocciole, mandorle e pistacchi.

Gusto consigliato: crema delle zitelle con mascarpone e pinoli

Cremeria Santo Stefano – via Santo Stefano 70/c, Bologna

#9 Albero dei Gelati – Seregno (Monza Brianza) [ +2]

albero dei gelato onu

Non abbiamo ancora parlato delle interminabili code comuni a molte di queste gelaterie: apprezzerete lo sforzo. Per esempio, L’albero dei gelati dispone di locali così invitanti, con tutto quel legno bianco in stile country farm, che si vorrebbe entrare subito. Ma serve pazienza.

Ci sarebbe anche il gelato, e tra i 500 gusti che la gelateria propone ogni anno non manca la scelta. Prima però lasciateci dire degli ingredienti freschi e tracciati, locali, in alcuni casi auto-prodotti nell’orto retrostante.

Dello zafferano brianzolo, la camomilla del lago d’Iseo e la manna della Madonie. Dei gusti all’asparago di Albenga, alla cipolla di Tropea, al radicchio rosso o alla panna acida e salmone affumicato.

Nel 2013, spirito brianzolo e business plan alla mano, Monia Solighetto e suo marito Alessandro hanno avviato una gelateria a Brooklyn, zona Park Slope, anticipando tutta una serie di aperture italiane all’insegna del gelato artigianale. La conquista di New York comunque prosegue, a breve arriverà la seconda bottega, questa volta a Manhattan.

Gusto consigliato: Torta paesana

L’Albero dei Gelati – via S. Valeria 93, Seregno (Monza Bianza) | via Volta 1, Cogliate (Monza Brianza)| via Giuseppe Sirtori 1, Monza

#8 Otaleg -Roma [ -5]

marco radicioni gelateria otaleg roma

Levato tutto quello che era di troppo, dagli zuccheri superflui a ogni tipo di miglioratore, la ricetta di Marco Radicioni e del suo Gelato al contrario, O-t-a-l-e-g, ha conquistato Roma. E nel 2014 il primato nella classifica di Dissapore.

Lavorazione lenta e minuziosa, senza scorciatoie, con tecniche che più artigianali non potrebbero (al posto del pastorizzatore usa un bollitore perché in caso di bisogno riesce a correggere il tiro). Produzione espressa e continua, almeno quanto le forze di Radicioni e del suo staff lo consentono, tanto che il consiglio è di non arrivare troppo tardi da Otaleg, perché i gusti migliori finiscono e si passa al giorno dopo.

Imprenditore avveduto Radicioni è sbarcato a Parigi, dove lo apprezzano per il “Gelato del Marchese”, format elegante che fa assegnamento sulla qualità senza compromessi. Successo immediato e bis in Costa Azzurra, a St. Tropez, all’interno di Le Bon Marchè.

Gusto consigliato: zabajone, liquirizia, ricotta scassata

Otaleg – viale dei Colli Portuensi 594, Roma

#7 Makì – Fano (Pesaro Urbino) [ +2]

antonio luzi gelateria makì

Guardate questa foto: Antonio Luzi sorride. Insolito per uno con l’aria spesso accigliata. Ma le cose sono cambiate.

Antonio e sua moglie Paola conducono la piccola gelateria nel centro storico di Fano con la stessa abnegazione di sempre (basta il colpo d’occhio del bancone per capirlo, uno tra i più belli e invitanti d’Italia), gestendo oltre 40 gusti nei momenti di punta, ognuno con attenzione certosina, dalla scelta del fornitore all’aspetto seducente.

Però sorridono di più, parlano con i clienti, li invitano a condividere impressioni e giudizi.

Sarà questo, chissà, ma anche il gelato ne ha beneficiato. Gli ingredienti restano quelli, le tecniche affinate nel tempo sono sempre artigianali, da piccola realtà di pregio che raccoglie intorno a sé chi ama le cose fatte bene.

Creme, cioccolati e sorbetti tuttavia, sono adesso più definiti nel sapore, ancora più strettamente imparentati con il mondo della cucina creativa.

Gusto consigliato: quelli alla frutta della zona.

Makì – piazza degli Avveduti 2, Fano PU

#6 Cioccogelateria Brunelli – Agugliano/Senigallia (Ancona) [+1]

gelateria paolo brunelli senigallia agugliano

Tutto inizia con un ristorante bar gelateria ad Agugliano, paese miniaturizzato su in collina, nella provincia di Ancona. E prosegue nella più turistica Senigallia perché Brunelli è bravo, nel tempo ha temprato un palato invidiabile che tende all’innovazione.

Da lui abbiamo provato l’esempio più riuscito dell’anno di “gelato contemporaneo”, con abbinamenti inconsueti per una gelateria. Esempio: gelato di cioccolato bianco caramellato con crumble di arachidi salate, gelatina di Campari e olive candite, per giocare con l’idea di aperitivo.

Ma non fatevi idee sbagliate, Brunelli ha poco a che spartire con i gusti troppo modaioli. Provate il cioccolato-arancia (la lavorazione del cioccolato è un’altra specialità della casa, ma per parlarne servirebbe un altro post), il fior d’alpeggio, la crema all’antica o CremAMI, la crema di una volta profumata al vino cotto.

E se riuscite levategli dalla testa la fissa per l’Umami (il sesto gusto). Ma questa la capiscono in pochi.

Gusto consigliato: CremAMI

Cioccogelateria Brunelli – Piazza Vittorio Emanuele, Agugliano (Ancona)| via Carducci 7, Senigallia (Ancona)

#5 Di Matteo – Torchiara (Salerno) [+1]

gelateria-di-matteo-torchiara
Se non riuscite a spiegare perché siete disposti a sobbarcarvi 500 chilometri per una (beh, non proprio una) coppetta di gelato, fate una bella cosa: portate gli scettici con voi.

Si convinceranno da soli, nel caso di Raffaele Del Verme, che è valsa la pena spingersi fino a Torchiara, minuscolo comune cilentano in provincia di Salerno in cui il 5° gelatiere migliore d’Italia secondo Dissapore gestisce un bar. Di quelli dove nelle ore più calde della giornata si cerca un po’ di fresco giocando a carte nei tavoli all’aperto.

Per dire quanti golosi segreti nasconde la provincia italiana più profonda.

Il consiglio che vi diamo è di muovervi da Salerno, Napoli e dalle altre province perché nelle vostre città non trovate un gelato altrettanto elegante, genuino, con un impiego dello zucchero altrettanto misurato. Anche perché tanto Raffaele Del Verme, non vuole muoversi da lì.

Gusti Consigliati: tutti quelli con i fichi cilentani

Antica Di Matteo – Piazza A. Torre, 13/15 – S. Antuono di Torchiara (Salerno)

#4 Soban – Valenza/Alessandria [-2]

gelateria soban, alessandria, valenza
Andrea Soban è, nella vita che precede tutte le altre, un gelatiere evoluto, uno sperimentatore di nuovi sapori, un gourmet instancabile che ha mutuato dalla cucina creativa l’infatuazione per il piccolo produttore prima, e poi per il chilometro zero, traghettandola nell’universo dei “12 gradi sottozero”.

Con paranoica continuità mette da parte tutto ciò che è fuori traiettoria, scartata perfino la frutta congelata: di basi pronte, conservanti o aromi di sintesi non ne parliamo proprio.

E per quanto è possibile valorizza il territorio: latte e uova, oppure la frutta fresca: fragole di Viguzzolo, pesche di Volpedo, ciliege di Rivarone e more di Gelso della campagna valenzana.

P.S. Sì, questo Andrea Soban è lo stesso che scrive spesso di gelato su Dissapore, ma sfido chiunque di voi lettori che state per saltarci alla giugulare a non essere d’accordo.

Gusto consigliato:

Gelateria Soban – piazza Gramsci 23, Valenza (AL) | via S, Lorenzo 99 – corso Borsalino 36, Alessandria

#3 De Coltelli – Pisa/Lucca [-2]

gelateria de coltelli pisa lucca

“La gelateria migliore d’Italia si trova a Pisa”. Titolavano così nei giorni successivi alla classifica 2015 di Dissapore –tra comprensibile orgoglio e un pizzico di sorpresa– alcuni quotidiani locali.

Ma per gli assidui della bottega sul Lungarno, da qualche anno anche a Lucca, la supremazia di De Coltelli è stata tutto fuorché una sorpresa. Benché non confermata nel 2016 (c’è mancato poco), è stata la riprova della seduzione di cui è capace il gelato di Gianfranco Cutelli.

Un maestro, un appassionato ricercatore di materie prime autarchiche come pinoli, ricotta e yogurt di pecora del parco di San Rossore, tutto bio, tutto squisito, con il vezzo di usare pistacchi, mandorle e pinoli crudi e non tostati.

Gusto consigliato: a Serena (ricotta di pecora, miele di spiaggia e pinoli del parco di San Rossore)

De’ Coltelli – lungarno Pacinotti 23, Pisa | via San Paolino 10, Lucca

#2 Galliera 49 – Bologna [+2]

galliera 49, gelateria, bologna

Per avere un’idea del fermento (anche creativo) che infiamma questa gelateria bolognese pensatela come un collettivo con due agitatori, Maurizio Bernardini e Jacopo Balerna, artefici di un prodotto controcorrente rispetto alla scelta stilistica della città, abituata a un gelato anacronistico, grasso e sovraccarico.

Il loro è nitido, quasi levigato. Sono tanto euforici e contagiosi nel comunicare (notevoli le t-shirt con l’ironica scritta #gelatodimerda che indossavano al Sigep di Rimini durante i Dissapore Award del gelato) quanto precisi, quasi scultorei nel gusto.

Produzione continua e espressa, massima digeribilità, l’unico addendsante usato, il kuzu da agricoltura biologica, permette al gelato di essere senza glutine. E, super bonus, le brioche sono fatte appositamente dall’amico pasticcere bolognese Gino Fabbri.

Non aspettatevi sfarzo né similitudini con una galleria d’arte moderna, si può essere molto bravi anche servendo gelato (e irresistibili granite alla siciliana) in una risicata bottega sotto ai portici del centro.

Ps: continuate a perdonarli per l’uso dell’acqua vitalizzata

Gusti consigliati: Cuba (cioccolato con amarene di Cantiano) e crema al limone

Galliera49 – via Galliera 49, Bologna

#1 Capolinea – Reggio Emilia [+7]

Capolinea, Reggio Emilia

Gugolando il nome di Simone De Feo non cercate iperboli (tranquilli, arriveranno dopo questa classifica). Però fidatevi: il gelato della Cremeria Capolinea è il migliore che trovate quest’anno.

Latte fresco di una fattoria di Reggio Emilia, panna fresca dell’alto adige, uova di galline allevate sull’appennino emiliano, zucchero di canna grezzo, frutta di stagione da agricoltura biodinamica, gusti senza derivati animali oppure non convenzionali, salati, gastronomici, da spalmare su un crostino.

De Feo, tatuaggio d’ordinanza e barbetta hipster, ha aperto Cremeria Capolinea nel 2010, su di lui, sulla capacità di bruciare le tappe portando per la prima volta Reggio Emilia sulla mappa degli appassionati di gelato artigianale, dobbiamo spendere due parole.

Incarna l’archetipo del gelatiere moderno attento alla tecnica, alla collaborazione con piccole comunità di produttori emiliani e non, alle tendenze alimentari, alle spinte della pasticceria (chiedete notizie dei lievitati ai suoi clienti), alle sperimentazioni che agitano i gourmet.

Per questo e per altro Cremeria Capolinea è la nostra prima risposta quando qualcuno chiede: hai una sola possibilità, in quale gelateria italiana vuoi andare?

Gusti consigliati: Cremino Tricolore con cioccolato bianco,  salsa di lamponi e ganache al pistacchio

Cremeria Capolinea – viale Ettore Simonazzi 14, Reggio Emilia

[argentasrl, 2spaghi, reidsitaly, 2spaghi.it, facebook, twitter, tripadvisor, notnormaltour.mini.it, luca rossato (Vanilla), ioamoiviaggi.it, thefashionpolitan.com, sento-i-pollici-che-prudono.blogspot.com, veganfriendly.it, archilovers.it, mangiacinema.it, saporicondivisi.com, anamericaninrome.com, pellegrinaggiodelgelato.files.wordpress.com, gustosamente-altoadige.blogautore.repubblica.it, torinobygnam.it, google, www.alices-adventuresinwonderland.com | Copertina: Rossella Neiadin, Gelateria Gelizioso, sarno (SA)]

Dissapore Dissapore

commenti (54)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Gelateria Sottozero di Caorle no? A mio parere più buono di quello del gelaterie di Sant’Agostino di Treviso, provare per credere.

  2. Mi stupisce la mancanza di “Giobatta gelatiere” a Conegliano (TV)

  3. C’è un typo a #85 Basilico e Limone – Levanto (La Specia) [NE]

    E’ in provincia di La Spezia (SP) =)

    1. NE è la provincia Nuova Entrata, la classica che non ci si ricorda mai 😉

  4. Ponderando Posizione in Classifica / n° abitanti, qual’è la città italiana del gelato? …e la regione?
    …sarebbe interessante

  5. Bah, mi chiedo che senso abbia una vera e propria “Classifica” senza alcuna nota sulle metodologie usate per la valutazione.
    C’è addirittura chi scende e chi guadagna posti… ma in base a che cosa???
    Chi ha valutato il gelato? Come lo ha valutato?
    Il link che invita a “ripassare i criteri di selezione della classifica” riporta solo uno sconsolante:
    “Nel rispetto del lavoro di ciascuno di voi, piccoli e grandi, abbiamo lavorato per essere il più puntigliosi possibile, sguinzagliando assaggiatori in ogni dove e andando a misurare le sfumature del gusto”
    … E CIOE’????
    Sarebbe meglio proporre un semplice elenco delle vostre proposte piuttosto che andarsi ad impelagare in improbabili classifiche comparative…

    1. Buona critica….meglio essere secondi …..perche’primi sono gli altri (migliori)

  6. come consiglio io stessa, se una cosa non interessa bisognerebbe ignorarla e punto… ma avevo voglia di dirlo: E BASTA!!!! non se ne può più delle classifiche delle gelaterie!!!!
    (con simpatia)

  7. Di quelle toscane che ho provato,tra Vivoli di Firenze,San Gimignano,Caprilli di Livorno e De Coltelli a Pisa ,non ho neanche il minimo dubbio .Quella nella posizione piu’ bassa,Vivoli,secondo me straccia tutte le altre.Compreso De Coltelli che e’ nella top ten.San Gimignano ha un buon gelato,nulla piu’ .In compenso prendere una coppetta tra le torri della Cisterna e mangiare seduti sui gradini del pozzo ,specie tra gli stranieri, non ha prezzo.Nonostante le chilometriche file in stagione turistica.Riportato su tutte le guide possibili ed imaginabili,il baffuto proprietario e’ ,nel furbesco stile toscano ,un maestro di PR.Per la De Coltelli saro’ stato sfortunato nella scelta dei gusti.A proposito di Livorno ,purtroppo l’ultima volta che ho mangiato un buon gelato erano gli anni 80…

  8. ma per favore!!! il gelato di ciacco ha più’ additivi della algida a momenti!!! anche se devo dire che usa per lo più’ farine naturali, ma bloom è terribilmente dolce, peggio della romana, quando ho chiesto la lista degli ingredienti , che non corrisponde a quello che scrivono sulla vetrina fra l’altro, ho contato una quantità’ di zuccheri allucinante, ma le testate davvero queste gelaterie o è il solito concorsone di mio zio guido?

    1. @annamaria: a leggere bene, la recensione di ciacco non nega quanto da te scritto. Rivediamo:

      [cit.]gelato “puro”, senza additivi o aromi, senza addensanti, “senz’altro” che non sia naturalmente presente negli ingredienti utilizzati[end cit.]

      io vi leggo: “un gelato che contiene solo quello che è contenuto nei suoi ingredienti”. Insomma, Monsieur de LaPalisse lotta insieme a noi 🙂

«
Privacy Policy