Da McDonald’s arriva McItaly, panino italiano al 100%. A cominciare dal nome

Il ministro delle politiche agricole e candidato governatore veneto Luca Zaia con l'amministratore delegato della Mc Donald Italia Roberto Masi

Se un ministro leghista delle politiche agricole fa da testimonial a McDonald’s, addentando per i fotografi il nuovo panino McItaly spalla a spalla con l’AD italiano dell’indisponente catena di fast food, significa che nessuno gli ha spiegato la differenza tra un ministro spiritoso e uno ridicolo. Non lo facciamo neanche noi, preferendo copiaincollarvi qui certe battute che il neurotico Luca Zaia ha incassato ieri dai tipi di Spinoza.

Questo nuovo panino ha grandi ambizioni”. Sappiamo che un pezzo di carne italiana, se si fa addentare dalla persona giusta, può anche diventare ministro. [venividiwc]Secondo il ministro Zaia il nuovo panino di Mc Donald’s, McItaly, movimenterà tanti prodotti italiani. Tra cui parecchi attrezzi della Technogym. [unTipOSinIsTrO]
“Le nuove generazioni avranno una memoria gustativa di impronta italiana” dice Zaia. Poi sviene per lo sforzo. [fedgross]
“Sono grato a McDonald’s che si è prestato a questa grande operazione culturale”, ha detto, stringendo la mano a Ronald McDonald, il suo collega Luca Zaia. [venividiwc]
Da Mc Donald’s arriva McItaly, panino italiano a 100%. E’ vuoto. [Paul Olden]
Da Mc Donald’s arriva McItaly. La risposta a chi si chiedeva come avrebbero sputtanato l’ultimo baluardo del made in Italy, la cucina. [Xian75]
Da Mc Donald’s arriva McItaly, panino italiano a 100%, a cominciare dal nome. [Puccio di luce]
Da Mc Donald’s arriva McItaly, panino italiano al 100%. Ma è in ritardo. [MaRamau]
Da Mc Donald’s arriva McItaly, panino italiano a 100%. A breve il lancio di McCojons, panino padano 100%. [max505]
Da Mc Donald’s arriva McItaly, panino italiano a 100%. In realtà lo fanno in Cina, in Italia gli mettono la fettina di cetriolo. [eXo]

Immagine: Ansa

Login with Facebook:
Login

 

122 commenti a Da McDonald’s arriva McItaly, panino italiano al 100%. A cominciare dal nome

  1. A me tra l’altro risulta che fosse “italiana” anche la carne del panino “non McItaly”, visto che gliela fornisce Cremonini. Che poi bisogna capire cosa significa per McDonald “carne italiana”

    1) Bovini allevati in Italia? E per quanto tempo?
    2) Bovini nati e allevati in Italia? Sono molto pochi
    3) Bovini soltanto macellati in Italia?

    Se qualcuno lo sa, me lo dica perchè non l’ho capito e non ne trovo traccia sui comunicati.

    Non ho nulla contro la multinazionale del panino, ma mi sembra una vuota operazione di marketing, allineata ad altre operazioni di stampo leghista, come quella sul made in Italy della moda, inapplicabile. Ma si sa, in campagna elettorale tutto fa brodo (di carne).

    • Forse vorrà dire solo carne genuina preparata con procedimenti più sani, tu sai vero che gli hamburger sono quasi fatti di plastica?? Di carne magra ne avranno si e no solo un 20-40%. Il resto sono schifezze, e farebbero bene ad imporre solo hamburger di carne bovina al 100%.

      • Affermazioni generiche e che andrebbero quantomeno verificate. Gli hamburger di McDonald sono 100% carne bovina. Che poi arrivino da vacche da latte a fine carriera è un altro conto, e certamente non è la miglior carne in circolazione. Ma dire che sono fatti di plastica è qualunquismo inaccettabile.

      • Ho un amica ufficiale sanitario che ha fatto fare delle analisi sugli Hamburger di MC….
        Il 4 % di carne mista…tutto il resto varie cose….tra cui anche il cartone…..
        Dati ovviamente che non si possono diffondere …
        ovviamente non si può fare nulla….il colosso americano è molto potente…
        Voi lo sapevate che dietro ai panini li in attesa….vi sono delle targhette con dei numeri….si può arrivare fino a 12….e sono i minuti che un panino di MC può essere definito tale ….poi scade….secondo la MC….dodici minuti e poi scade….
        altrochè plastic foods…

        • “Dati ovviamente che non si possono diffondere …
          ovviamente non si può fare nulla…”
          Se fosse veramente così, la tua amica è da denuncia. Un’ufficiale sanitario che a fronte di analisi, trova “varie cose tra cui il cartone” non fa il suo lavoro, è complice di avvelenamento quanto di chi li vende i panini.
          E poi perchè OVVIAMENTE non si possono diffondere?
          Forse è una cazzata tanto per dire? Una bufala? La tua amica non esiste?

    • mi spiace far sapere a tutti quelli che parlano tanto per riempire i blog e non sanno assolutamente di cosa si parla:
      a noi fornitori di ingredienti per questo panino è stato chiesto di mostrare la “tracciabilità” di ogni lotto consegnato. sapete cosa vuol dire? che per ogni panino consegnato si sa anche dov’è collocato esattamente il campo dove si è coltivato il grano per la farina. Meditate…e soprattutto informatevi!

      • Si ma vede, in ogni settore, soprattutto nell’alimentare, fanno tutti gli espertoni…..non si arrabbi e ribatta colpo su colpo.
        Adesso diranno che sto dalla parte di mcd,invece a me piace solo la verità….anche quando è scomoda o antipatica….

  2. Bono il panino italiota :)
    Faccio mia la la battuta di LorBerto sempre da Spinoza
    “Vogliamo realizzare prodotti più vicini al gusto degli Italiani”.
    Mah, a me sembra che i panini di Mc Donalds lo abbiano sempre avuto, un sapore di merda.

      • Per fortuna la cosa non mi riguarda né mi meraviglia:)
        Preferisco un panino con il lampredotto, con il salame o con il pomodoro seduta sul marciapiede (magari con la cacca accanto…ma evito di fare scarpetta)!;)

      • Caro Dott. Ciccarelli, tutto può essere, il dentista lo “vedo” quasi tutti i giorni, se non sono troppo stanca :) Nel frattempo lei si contenga…nel senso si curi l’incontinenza, è dovuta alla prostata…

          • ahahhahah! :) tralascio la facile battuta in merito ai rapporti tra me ed il dentista…ma la sua prostata? L’appuntamento dal proctologo? Quando? La prego non si trascuri, le consiglierà gli anal plugs, utilissimi nei casi di ipotonia sfinteriale come il suo…così potrà piantarla di farla fuori dal vaso :)))

          • Gentile Signor Barbariccia, ho altri gusti :) I Mccess gli provi lei…le cedo volentieri l’intera produzione. Mi raccomando solo dopo il proctologo altrimenti lo scagazzamento provocato dal suo sfintere compromesso potrebbe esalare gas venefici…;)
            Adesso mi ha annoiata inoltre la puzza è insostenibile…
            Le Auguro una pronta guarigione :)

    • Se è vero che Vissani, ha il compito di testare i panini McItaly, allora c’è una garanzia in più.
      Zaia sta solo facendo il suo lavoro di promotore della causa italiana agricola e alimentare.
      Per il resto ci rimane poco per aspettare, chi vuole può assaggiare i panini e se non sono graditi fare una scenata direttamente nel locale Mc Donald’s.
      Tanto loro sono molto tolleranti e hanno le spalle larghe.

    • Chi Gianfranco o Gianpiero Vissani? Se fosse vera la notizia sarebbe da sottolineare molto meglio!
      E’ un’operazione commerciale di tutto rispetto, forse è proprio per questo che da fastidio agli integralisti di Dissapore.

  3. Vabbeh, quelli di Spinoza anche se il governo facesse piovere oro incenso, e mirra avrebbero comunque da ridire! La satira che non è in grado di prendere la mira sul bersaglio diventa fine a se stessa!

    • quando il governo fara’ piovere oro incenso e mirra fammi sapere, per il momento vedo solo piovere una cosa marrone e puzzolente :D

      Cmq la satira funziona cosi’, anche negli altri paesi del mondo e’ cosi’, solo che altrove ha a disposizione mezzi mainstream, non un blogghetto (con tutto il rispetto per spinoza)

    • Il McDonald’s è parte integrante della nostra cultura, come lo sono i Jeans.
      Forse ti sfugge qualcosa, hai presente gli U.S.A.?
      Ti ricordi che sono in Italia da quando ci hanno salvato dal Nazifascismo? E poi ci hanno protetto dalle idee malsane di Marx.
      Se gli americani mettono in lista un panino fatto in Italia, c’è solo da essere contenti.
      Poi che sia buono o cattivo, sarà come sempre il cliente a decidere.
      Quelli che vomitano come dici tu sulla nostra cultura gastronomica sono altri, per esempio quelli che tifano per il kebab, “cibo” lontanissimo dalla nostra tradizione, soprattutto per motivi religiosi.

      • Il kebab lontanissmo dalla nsotra tradizione? Una piadina con carne di pollo, tacchino, manzo o vitello, verdure miste e qualche salsetta? A me sembra una piadina bene imbottita (e a prezzi più onesti, il che non guasta).

      • Eh no, se ti va tanto di parlare d’identità (anche religiosa, a sproposito) non mi sembra che il kebab voglia mettersi il vestitino verde-bianco-rosso. L’hamburger non ce lo siamo inventato noi … per carità può essere buonissimo -- non certo il Mc -- però che resti made in the USA, vi prego !!!!!

      • Ecco. Davvero un concetto interessante. Ti chiederei di approfondirlo.
        No, perché mi pare di capire che con “lontananza per motivi religiosi” tu intenda che il kebab è un cibo di tradizione araba-musulmana (a parte che anche qui si potrebbe discutere, comunque diamolo per scontato) e quindi andrebbe da noi boicottato in difesa di cibi più italo-cattolici.
        Ora purtroppo se facessimo ciò dovremmo eliminare dalla nostra dieta diversi cibi di origine araba. Mi viene per esempio da pensare ai poveri siciliani: che facciamo, li priviamo di arancini e pasta di mandorle riducendoli alla fame?
        Oddio… atroce sospetto… non è che ho dato un involontario consiglio ai prodi leghisti su come “risolvere” la questione meridionale e allo stesso tempo difendere il cibo italiano?
        Ops… vabbè fate finta che non ho detto nulla va’.
        Vado a mangiare un McItaly.
        saluti

      • Forse sfugge a te qualcosa, il McDonald’s è circa 20 anni che sta in Italia, come i Kebabbari, e allora, anche loro fanno parte della ns. cultura? Ciaparat.

      • “Il McDonald’s è parte integrante della nostra cultura(…)”
        ma sicuramente Alfredo, fa tanto parte della nostra cultura che il primo McDonald in Italia fu aperto addirittura nel lontanissimo 1985….

  4. Il kebab non è la piadina, la piadina si mangia anche con del prosciutto crudo fatte con le cosce del maiale.
    Il kebab non è un panino, e neanche un sandwich.
    Noi l’hamburger l’abbiamo sempre anche chiamato “svizzera”.
    Per quanto riguarda gli arancini, magari prima o poi verranno introdotti nel Mc Donald’s, è una bella idea.
    Per quanto riguarda la “Pizza di origine araba”, mi sembra molto tirata per i capelli, forse la sola somiglianza è nella forma.

    • Si comincia ad intravedere la luce?! Mc Donald può intrdurre quello che gli pare e chiamarlo come vuole … spaghetti, cous cous, arancine, pizze, il bollito non bollito di Bottura … si chiama marketing dalle mie parti …
      Quello che proccupa è che un esponente del governo sia lì a fare il markettone … se poi è Zaia .. ah vabbè.
      Saluti e baci

    • alfredo, è perfettamente inutile scrivere qualsiasi cosa su dissapore, sembra di avere a che fare con viaggiatori muniti di paraocchi, vedono solo quello che vogliono il che è molto triste.
      per rivalutare o valutare la cucina italiana non è proprio necessario screditare ciò che fanno gli altri. invece qui succede a qualsiasi prodotto non esca da eataly o da qualche chef multistella….. e tutti gli altri?
      ovvio, fanno la fame! :-)
      sta diventanto molto poco utile soffermarsi a leggere gli articoli di dissapore.

    • “Noi l’hamburger l’abbiamo sempre anche chiamato “svizzera”.”
      Per l’appunto, a sottolineare proprio l’origine italica del prodotto…

    • Questo voler far rientrare nella ns. cultura l’operazione che sta facendo McDonald’s con Zaia, assomiglia molto all’operazione Malpensa. Vi ricordate Bossi Maroni e soci a manifestare contro l’allargamento di Malpensa? Adesso che stanno col cadreghino in mano, va bene anche la terza e forse quarta pista, alla faccia della coerenza. Ciaparat

      • Caro Melograno l’intelligenza di un partito politico si misura anche sulla capacità di capire quando è il momento di cambiare!
        Malpensa con la gestione leghista, è uno dei pochissimi aereoporti in attività positiva che c’è in Europa, a breve si aprirà un’enorme Hotel con annessi e connessi e se serve anche una quinta pista, altro che gestione alla romana.
        Altro che “bandiera rossa la trioferà”.

        • te e la tua cementificazione potete rimanere poi in un angolo…

          la bandiera rossa forse non trionfera…e forse forse è anche un bene…ma di sicuro non sventolera neanche la tua bandiera verde (che di verde ha solo il colore) e nemmeno quella nera!!!

  5. Il kebab non è la piadina, la piadina si mangia anche con del prosciutto crudo fatte con le cosce del maiale.
    Il kebab non è un panino, e neanche un sandwich.

    Ma cos’è, l’ ultima domanda a “chi vuol essere milionario”?
    Quanto al Mc “parte della nostra cultura”…bhe…se una trentina di anni bastano a “fare cultura”….
    Diverso il discorso sui jeans, realizzati con tessuto di origine genovese quindi, in qualche modo, italiano. Ma, tornando ai cibi di derivazione orientale, che dire del cuscus? Qui da noi (sto parlando sempre di Genova) era così diffuso che, caso credo unico, qualcuno pensò di produrlo su scala industriale, chiamandolo…”scucussu”.

    ::))

  6. Vi riporto un estratto dal libro di Massimo Montanari ‘Il riposo della polpetta’ (recensito sul mio blog qui: http://thebigfood.wordpress.com/2010/01/26/il-riposo-della-polpetta/) che sembra fatto all’uopo per dirimere la questione:

    “L’identità sono i valori e i modelli che ci qualificano qui e ora. Le radici sono i luoghi e gli ’spunti ‘da cui la nostra identità ha tratto origine: ma non necessariamente appartengono a noi. Se ricerchiamo le origini storiche degli spaghetti al pomodoro non possiamo non risalire, da un lato, al Medio Oriente arabo, da cui giunse in Italia, durante il Medioevo, l’uso di fabbricare pasta secca di forma allungata; dall’altro all’America, da cui giunse in Europa, in Età Moderna, il pomodoro. Le radici del nostro piatto dunque sono asiatiche e americane. Ma non c’è dubbio che esso rappresenti l’identità italiana, perchè le radici (le origini) non sono l’identità. Paradossalmente, le radici possono essere pensate come l’altro che è in noi”

    Buon App

  7. Mi sembra una operazione semplicemente commerciale e propagandistica. Forse avrà una qualche seppur fugace ricaduta su uno o più produttori di Asiago dop e Bresaola dop (anche se dop non significa necessariamente il meglio di, guardacaso, due prodotti lombardo-veneti), ma certamente a mio parere il marchio finisce con lo schiacciare il concetto eventualmente espresso: McDonald’s schiaccia Italy.
    Tutto si riduce a immagine, a stereotipo, e, con buona pace dei “prodotti italiani” usati e subito privati dell’identità, il McItaly, nel suo insieme, rientrerà in quella indistinta categoria del prodotto “all’italiana”, né più né meno del “Parmesan”.

    • Non dovete essere sempre antiamericani così spudoratamente.
      Date a Cesare quel che è di Cesare. E poi se non vi và di andare dal Mc Donald’s perchè politicamente vi irrita non andateci. Stop.
      Il ministro Zaia, aiuta la produzine alimentare e agricola come mai ha fatto nessun ministro prima d’ora.
      Per il resto a ragione babs.

      • forse bisognerebbe chiarire che alcuni (molti) non vanno da McDonald non perchè quel brand irrita politicamente ma semplicemente perchè quel cibo e quel concetto di cibo sono quanto di più lontano ci possa essere dall’idea che ha del cibo un comune frequentatore di questo tipo di blog.
        Il dovere di un blog sul cibo è anche quello di diffonderlo per salvaguardarne la qualità.
        E il dovere di una qualunque politica agricola non è quello di incentivare la produzione nazionale a qualunque costo ma di farlo in maniera tale da tutelarne comunque la qualità e l’identità.
        Che diamine fa quindi un Ministro italiano in quella foto? la pubblicità a McDonald? e per cosa poi? per vendere qualche vacca in più?

        • 1000 TONNELLATE AL MESE non è qualche vacca…
          e 3,5 MLD DI EURO AL MESE non sono spiccioli…
          Soprattutto in tempi bui come quelli che stiamo vivendo.

          L’ansa ha riportato queste cifre attribuendola a parole di Zaia il giorno della famigerata presentazione… se poi sia una stronzata non lo so!

          • thebigfood, ho apprezzato molto i tuoi interventi precedenti (soprattutto la citazione di montanari). dissento solo su quest’ultimo. non discuto il dato che immagino sia piu’ o meno corretto. solo che a maggior ragione ci troveremmo davanti alla solita storia dell’ineluttabilita’ del mercato di fronte al quale molte cose sono destinate a sparire, a cominciare dall’identita’.

  8. Non è la prima volta che McDonald’s tenta la carta gastronazionale. Anni fa, ad Atene, mangiai un McGreek: pita con yogurt, feta, pomodoro e origano. E il bello era che gli ingredienti erano mediamente più buoni che nelle taverne turistiche. Però in Grecia ci vuole poco… 8-)

  9. Questa foto, al di là di ogni parola e spiegazione è la prova che tutto quel che di male si puo’ pensare di chi da decenni ci governa è lecito e che è ora di imbracciare il fucile.

  10. Ma cosa c’è di male??? Vogliamo fare i ciechi e credere che nessuno mangia nei fast food italiani (McDonald o altri)??? Speriamo solo sia buono e meno calorico rispetto agli altri prodotti!!!
    In questo post c’è in dscussione l’atteggiamento di Zaia… Uomo di spettacolo o di politica?

  11. Pingback: Photomaniacal » Blog Archive » McDonald’s launch McItaly burger

  12. Pingback: McItalia. « ilNichilista

  13. Il fatto che McDo usi prodotti italiani non è una novità: per chi non lo sapesse il pollo (Chicken Mc Nuggets, Mc Chicken ecc) è AMADORI e la carne (hamburger vari) è CREMONINI quindi sono prodotti controllati italiani.
    L’insalata iceberg proviene anche da coltivazioni italiane così come alcune varietà di formaggio tipo il Parmigiano o l’Asiago per il Mc Italy.

    Siamo così abituati a sentir parlare di schifezze e bassa qualità dei McDo americani o globali in paesi dove già di per sè non c’è una grande cultura del DOC e del DOP..qui in Italia invece MC DO sfrutta convenientemente molti prodotti italiani.

    Avete mai sentito qualcuno che dopo aver mangiato MCDo si sia sentito male o abbia preso malattie, infezioni ecc? Parlo di una semplice diarrea per arrivare alla salmonella. :D

    Ho lavorato 5 anni in un McDo e vi assicuro che c’è una filiera così determinata e precisa di scadenze ed igiene da far impallidire qualunque ristorante stella Michelin di zona. (parlo in particolare del McDo di Pinerolo – Torino dove ho lavorato, appunto).

    • Bravo! Ottimo commento!
      Se gli americani hanno una formula vincente per dare da mangiare, perchè criticare sempre per partito preso?
      Basta semplicemente non andarci, da buoni buogustai che siete non dovreste nemmeno toccare l’argomento Mc Donald’s.
      Se poi vi piace criticare il Ministro Zaia perchè promuove la produzione agricola e alimentare e perchè è della Lega Nord, allora vi capisco, si tratta della solita invidia.

      • Capisco che il Gruppo Cremonini possa metterti qualche dubbio (anche se ha degli standard di produzione molto alti ed è leader in Italia per produzione di carne) ma capisci bene che fare un hamburger con carne COALVI magari significherebbe un rialzo del prezzo davvero notevole e il Big Mac invece di 3,90 potrebbe costare almeno 5-6 euro ad esempio. Così facendo, verrebbe meno il principio “low cost” del Mc Donald’s.

        http://www.cremonini.it/it/gruppo/page.php?id=1&id_pag=1

  14. Pingback: McItaly, il panino di McDonald’s sponsorizzato dal ministro Zaia porta Dissapore sulla homepage del Guardian | Dissapore

  15. Pingback: Peccati di Gola » Blog Archive » Il Ministro Zaia sponsor del falso Made in Italy. Da McDonalds arriva McItaly

  16. Pingback: Ora anche il panino patrocinato dal Governo (e sbeffeggiato all’estero). | vivicool.it

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore