reality

Sposerò Incisa della Rocchetta, terzo episodio

Sposerò Incisa della Rocchetta, terzo episodioBelen, esci da questo corpo! Macché, se una giovane giornalista (io) parecchio vinodipendente (sempre io) non nasce proprietaria terriera (al solito, io) si trova un fidanzato che il vino lo fa. Così eccomi coinvolta nel reality di Dissapore: Sposerò Incisa della Rocchetta. Come funziona? Due pretendenti si sfidano, voi guardate il video, e mi dite quale preferite usando i commenti. Nel terzo episodio (qui il primo, qui il secondo) complice il vignaiolo Dan Lerner, si sfidano il solido Fabrizio Iuli della Cantina Viticoltori del Monferrato, e Martin Arndorfer, giovane vignaiolo della cantina austriaca Farmstead Wines, genere rockstar. Le riprese sono di Andrea Gori, il montaggio di LINDA VERZANI.

Login with Facebook:
Login

 

22 commenti a Sposerò Incisa della Rocchetta, terzo episodio

  1. beh…. se i gusti sono calibrati sul teutonico che definisci bello come una rockstar….nel trovare marito non dovresti avere troppi problemi…..

    fate smettere il gori di fare le riprese…..ho il mal di testa…!!!!!

  2. geniale l’incipit del primo chi lo avrebbe mai detto !!
    bocciato !!!
    e poi farti rovinare le mani a vendemmiare !!!

    carino ed elegante il secondo, se non l’avesse smarronata con l’incompetenza delle donne in fatto di vino !!
    peccato poi per con quel colpo di ciovane pronunciato come il pastore tedesco !!
    però bella cravatta !

  3. Ancora non ci siamo…il mio e- solo un giudizio estetico visto che non posso sentire l-audio ma Francesca, dai, non ci siamo proprio, nonostante l-eleganza…

  4. Francesca, continua la ricerca.
    Se, usando la metafora di Dan, devi ricercare il marito nel vino, l’austriaco mi sembra un po’ troppo beverino e giovane per una donna complessa come te e il piemontese sicuramente evoluto, ma non adatto con tutte le pietanze.
    Ma, non so , io per te ( non ti offendere se oso presumere i tuoi gusti sull’onda dei miei )vedrei bene un maritochampagne, con quella bollicina malandrina che persiste anche dopo anni in cantina, buono giovane ma con grande potenziale di evoluzione, dissetante e sempre serbevole, se vuoi anche da meditazione e ideale nel formato magnum.

    • Tanto per cambiare il post di Pina conferma quello che penso da tempo….che una sola donna capisce un’altra donna meglio di 100 uomini!!!!!

      Mi dai tu una mano a trovare questo marito champagne!!???

      • comincia con il cambiare il nick che questo mi sembra sfigato !! e come sai la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo !

  5. A me il primo non dispiace.
    Ma non hai preso in considerazione Dan? è così simpatico e piacevole.
    L’idea di Pina del maritochampagne con la bollicina malandrina non è niente male, potresti provare in Franciacorta.

  6. Di solito me piaccio i “ciovani” stranieri, ma questo non se po’ senti’!!!!Dunque the winner is “lo strutturato ed elegante” Fabrizio Iuli…
    Muahaha…

    • Credo nel Caos primordiale
      nessun filo logico
      qualocsa deve colpirmi…se poi sono liberi è meglio!!!
      consigli sig. Ferrini?…lei che è uomo di mondo….

  7. dopo tanti assaggi(con doppio senso) alla fine cerchiamo sempre pinot nero oppure bollicine…anche se ogni tanto ci concediamo qualche divagazione.
    quindi per quello da sposare andrei più mirato….per le divagazioni il caos assoluto…

  8. Pingback: Sposerò Incisa della Rocchetta: Giovani, carini e vignaioli | Dissapore

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore