di Nunzia Clemente 26 Agosto 2016
soylent coffiest

Cibo sintetico. Se chiedono un mondo senza sensi di colpa, in cui fare la spesa solo se ne hanno voglia, dove non esistono piatti da lavare e dove, soprattutto, nessuno parla più di cibo, sono adepti del cibo sintetico, statene certi.

Il cui simbolo è, senza discussioni, il beverone che sintetizza in se stesso non tanto il latte, quanto le sue proteine e il calcio contenuto, non la frutta, ma le sue vitamine. Insomma, non il cibo come lo conosciamo, ma i suoi preziosi nutrienti.

Stiamo parlando del Soylent.

Di cui vi abbiamo appena raccontato la storia (inventato dall’ingegnere Rob Rhinehart, in due anni ha conquistato buona parte degli addetti ai lavori nella Silicon Valley, ottenendo nel 2014 grazie a una campagna di crowdfunding oltre 3 milioni di dollari di finanziamenti.

In breve: Soylent, che soddisfa tutti i requisiti del pasto medio, ha conquistato chiunque ritenga che mangiare sia un’inutile perdita di tempo (in aperta contrapposizione con Dissapore, in pratica l’antitesi).

Abbiamo anche annunciato la novità: le barrette, vegane perché con proteine esclusivamente vegetali e derivanti dalla soia, addizionate con farina di alghe, vitamine e sali minerali, sono anche prive di lattosio e allergeni.

Oggi però torniamo sull’argomento per annunciare l’arrivo di Coffiest, anima gemella del Soylent.

coffiestcoffiestcoffiestcoffiestcoffiest

Se questo toglie di mezzo pranzo e cena, Coffiest cancella il bisogno di cappuccino e cornetto bilanciando caffeina, vitamine, minerali, grassi, carboidrati e proteine in un unico liquido sostitutivo racchiuso dentro la bottiglia in bianco e nero dal design raffinato.

Quelli di Soylent ci credono così tanto che c’è già il food truck.

Qualche informazione in più sulla ricetta creata per simulare i benefici nutrizionali di un pasto che contiene il 20 per cento di vitamine.

Dentro Coffiest ci sono 150mg. di caffeina per bottiglia, pare abbia il sapore dolce e la densità, ottenuta dalle proteine della soia, di un vero cappuccino (ma è prudente crederci con moderazione).

L’energia fornita dall’olio di alga viene compensata con 75 mg di L- Theanine, un tè verde che ha la funzione di azzerare gli effetti collaterali della caffeina.

Niente paura di essere nervosi dopo aver ingerito il bibitone, recita infatti uno degli slogan di Coffiest: “favorisce il rilassamento senza sonnolenza e migliora le prestazioni cognitive”.

Ecco qua, con Soylent e Coffiest le esigenze dei nerd e degli adrenalinici manager californiani, troppo impegnati per sedersi a tavola e mangiare, sono soddisfatte.

Chissà se anche quelli di casa nostra saranno disposti a sacrificare colazione, pranzo e cena in nome della produttività. Ci permettiamo di essere scettici.