Dieta anti caldo: 7 cose da mangiare, bere, evitare

Dieta anti caldo: 7 cose da mangiare, bere, evitare quando la temperatura tocca i 40 gradi

Autopunirsi gratuitamente. Ecco cos’è consultare le app che ci dicono quanto caldo farà e quanto, di conseguenza, aumenteranno i nostri consumi elettrici causa uso continuo dei condizionatori d’aria.

Per inciso, dicono più o meno tutte che oggi, 2 agosto, arriverà il picco di caldo dell’estate con tanto di bollino rosso in 18 città italiane.

Che sia il giorno giusto per chiedersi quali sono i cibi e le bevande più adatti all’estate?

[Cosa mangiare col caldo africano? I bookmaker aprono le quotazioni]

[Cosa mangiare quando si frigge dal caldo]

[Fa caldo! 6 cose che ho avuto il coraggio di mangiare pur di non accendere i fornelli]

Interpellati dal Corriere della Sera, alcuni esperti nutrizionisti hanno promosso gelati, frutta e verdura di stagione. Bocciate invece le bibite gassate, da non bere mai ghiacciate. Vabbè, così son buoni tutti, ma con i fornelli inaccessibili e il forno impraticabile bisogna essere precisi.

Allora, senza promettervi la salvezza dal buco dell’ozono, ecco cosa tenere in frigo per sopravvivere ai 40 gradi.

1. Sì al gelato

Il gelato è sinonimo di estate e, dal punto di vista nutrizionale, tra i più indicati nelle giornate di massima calura e afa. È un alimento completo, e oggi nelle gelaterie artigianali si trovano anche quelli adatti a celiaci e diabetici. Massima attenzione in questi periodi va posta alla conservazione di tutti i prodotti alimentari, che possono alterarsi in fretta a causa del caldo e procurare intossicazioni anche gravi.

2. Bene tè e caffè

In estate con il sudore si perdono molti liquidi e si è a rischio disidratazione. Sono ideali le bevande che contengono sali minerali, bene anche tè e caffè freddi ma senza esagerare con lo zucchero. Preferire l’acqua naturale a quella gasata e a tutte le bevande gasate in genere, consigliano gli esperti, perché causano distensione dello stomaco che con il caldo si accentua.

3. Minestroni e gazpacho, promossi

Più caldo fa più i pasti dovrebbero diventare leggeri. La regola vale soprattutto a cena, perché ha conseguenze sul riposo che è condizionato anche dalle temperature minime notturne. Buone idee sono minestroni freddi e il gazpacho spagnolo, che rinfrescano oltre a fornire minerali e liquidi.

4. Niente fritto e pesce cotto bene

La frittura mista di pesce è un classico della cucina di mare. In estate però i fritti sarebbe meglio evitarli. Così come sushi, crostacei e frutti di mare crudi se non siamo sicuri di come sono stati conservati. Attenzione anche al pesce cotto male che può causare la cosiddetta sindrome sgombroide, una reazione allergica acuta dovuta a pesci, specie sgombro o tonno, poco cotti.

5. Carni in umido e intingoli pesanti: lasciate stare

A meno di non trovarsi in montagna, dove le temperature dovrebbero essere più fresche (ma in realtà lo sono sempre meno), è meglio tralasciare carne in umido e intingoli pesanti.

6. Limitate gli alcolici

Un bicchiere di vino bianco fresco? Una birretta ghiacciata? Per alleviare la sensazione di caldo siamo tentati molto spesso, ma in estate gli alcolici andrebbero assunti –tutti– con moderazione perché forniscono ulteriori calorie. Tra i cocktail sono da preferire quelli alla frutta. Birra e vino è meglio berli alla sera, quando le temperature scendono.

7. Bevande fredde proibite prima di dormire

Con il gran caldo aumentano i rischi di congestione, a causa dell’assunzione di bevande ghiacciate o troppo fredde che possono bloccare la digestione. Oppure per l’aria condizionata troppo alta di notte.

[Crediti | Corriere della Sera]

Avatar Anna Silveri

2 Agosto 2018

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Me Medesimo ha detto:

    Ma vi siete messi daccordo con l’articolo appena precedente?

  2. Avatar Orval87 ha detto:

    “Attenzione anche al pesce cotto male che può causare la cosiddetta sindrome sgombroide, una reazione allergica acuta dovuta a pesci, specie sgombro o tonno”….quindi nienti sushi? niente sashimi? niente tataki di tonno? niente tagliata di tonno?
    E se a cena mi mangio una frittura di calamari fatta ad arte (sottolineo) cosa succede? Un paio di volte, non tutti i giorni, che succede?

    1. Avatar Matteo80 ha detto:

      Chiaramente i politici sono immuni da questa sindrome sgombroide…A parte sgombro e tonno, si sono mangiati tutto in questi anni e sono sempre là… e il mal di pancia viene solo a noi italiani.
      Mangiate, mangiate pesce in abbondanza che tutt’al più si risolve tutto con un bel mal di panza 🙂