Frittura

Temiamo che il sole ci incenerisca all’improvviso tutto il corpo. Che la pressione si azzeri e la calura di questo Luglio bollente ci trovi anche nascosti dentro casa con le tapparelle abbassate. Stremati, mentre l’ultima ondata di caldo conquista implacabile la copertina di Studio Aperto, ci chiediamo che ruolo svolgano cibo e bevande nel mantenere fresco il nostro organismo.

Vero, i consigli alimentari si sprecano, ma visto che i fornelli sono inaccessibili e il forno impraticabile bisogna essere precisi. Allora, senza promettervi la salvezza dal buco dell’ozono, e dopo avervi parlato dellimportanza delle fibre e dei cibi a calorie zero, ecco cosa tenere in frigo per sopravvivere ai 40 gradi.

1. Frutta con Yugurt

Yogurt e frutta

La combinazione che non dovrebbe mai mancare sulla tavola, soprattutto d’estate. La frutta è ricca d’acqua, specie cocomero (95,3 su 100 grammi) e melone (94,1 su 100 grammi), bene anche fragole, ciliegie, albicocche, pesche e fichi.

Lo yogurt contiene il Lactobacillus acidophilus, un batterio che può aiutare a prevenire possibili intossicazioni, vista la tendenza a mangiare sovente cibi crudi per via della calura.

2. Verdure

Insalata di verdure

Così come la frutta, anche le verdure sono fresche, leggere e ricche d’acqua, in particolare con finocchi, pomodori, carote, sedano, cetrioli, peperoni, radicchio e zucchine si fa il pieno di vitamine e antiossidanti.

Si possono mangiare anche a inizio pasto per tamponare la sensazione di fame, meglio evitare di bollirle troppo per preservare i nutrienti al meglio.

3. Carboidrati

Insalata di pasta

Aiutando a produrre energia immediata i carboidrati combattono la sensazione di affaticamento tipica del grande caldo.

Insalate di patate, di pasta, di riso o di altri cereali sono piatti consigliati anche sotto forma di piccoli spuntini, senza esagerare specie con i dolci.

4. Tzatziki

tzaziki

La gastronomia di molti paesi dal clima caldo propone piatti spesso semplici e di rapida preparazione a base di vegetali crudi, oggi elogiati da molti testi sulla corretta alimentazione.

La tzatziki greca si fa con yogurt al naturale, olio extravergine, aglio, peperoncino e cetriolo. Tutto viene sminuzzato e mescolato, poi servito fresco con dei crostini di pane.

Il gazpacho spagnolo è una valida alternativa.

5. Menta

Tè freddo alla menta

Da sempre uno dei sapori preferiti dell’estate, rilassante e rinfrescante, domina le preparazioni anti afa come gelati, granite e bevande cui conferisce una sensazione di piacevole refrigerio.

Un te’ freddo alla menta è quello che ci vuole, ma anche masticare le foglie può essere un’idea.

6. Cipolle Rosse

cipolle rosse

Le cipolle rosse (chi ha detto Tropea?) abbondano di quercetina, composto apprezzato per gli effetti rinfrescanti e anche anti-staminici.

Per questo sono considerate un rimedio naturale contro le punture delle zanzare (si applica una fettina di cipolla sulla zona punta o una toccatura di succo ottenuto tritandola).

7. Carcadè

carcadè

Rosso rubino il carcadè è una bevanda dissetante. Venduto soprattutto nelle erboristerie è un tè rosa privo di teina, fatto con i fiori essiccati di una specie di Hibiscus prodotto perlopiù nei paesi africani. Ha proprietà utili in estate, è rinfrescante e ricco di vitamina C.

Si scalda l’acqua e si versa su una manciata di foglioline, dopo un’ora si filtra la bevanda e la si mette in frigo, in attesa di berla com’è o in qualche cocktail analcolico.

8. Carne marinata

carne marinata

Estate significa inevitabilmente grigliate o barbecue, bene: ricordatevi sempre della marinatura.

La combinazione degli ingredienti che si usano (di solito olio, aceto, limone, sale, spezie) può essere di contrasto alle sostanze dannose per salute sprigionate dalla cottura come le ammine eterocicliche, un gruppo di composti dal possibile effetto cancerogeno.

9. Banane

banane

Il caldo torrido espone l’organismo al pericolo di disidratazione, bisogna quindi integrare la dieta con potassio e magnesio, mangiando più frutta e verdura, in particolare banane

Il potassio contenuto nelle banane fornisce anche un buon supporto al sistema nervoso durante i cambi di stagione.

10/11. Melone e Cocomero

anguria

Come si combatte la perdita di sali e liquidi tipica delle giorni in cui si frigge dal caldo?

Bevendo molta acqua, consumando tanta verdura come detto più volte e poi l’accoppiata dei frutti più ricchi d’acqua in assoluto, sino al 95%, come nel caso di cocomero e melone.

12. Piccante

pasta aglio olio e peperoncino

Sembrerebbe una bestialità consigliare caldamente (ehm…) il cibo piccante. Mi sembra di sentirvi: “ma come, suderemo le proverbiali sette camicie”.

Non è così, a parte la scarica di endorfine che può far dimenticare il calore, vi siete chiesti perché nelle zone calde del pianeta come Africa o Medioriente consumano d’abitudine cibi piccanti? Ecco la spiegazione: l’aumento di sudorazione che procurano in un primo momento ha la funzione di ridurre naturalmente la temperatura corporea.

13. Niente alcool

Cocktail Josephine

Se un cocktail colorato o una birra che promette refrigerio vi sembrano soluzioni contro l’arsura vi sembra male. L’alcol stimola la sudorazione, produce disidratazione, limita l’assorbimento delle vitamine.

Avrete probabilmente ancora più sete, come succede se bevete bibite troppo zuccherate.

14. Prugne secche

Prugne secche

Specie chi fa attività fisica dovrebbe integrare il potassio con snack che ne sono ricchi come le prugne secche, tipo prugne della California.

Secondo i dettami più recenti dei nutrizionisti 3 prugne secche al giorno, ricche di zuccheri naturali e fibre che aiutano a regolarizzare il transito intestinale, possono sostituire una delle 5 porzioni di frutta e verdura che sarebbe bene consumare in una giornata.

15. Mangiate poco e spesso

Ghiaccioli allo yogurt

Quando il caldo aumenta e si fa insopportabile bisogna mangiare poco e spesso. Abbondare con le libagioni significa costringere il metabolismo al superlavoro, condizione che produce un aumento di calore.

Via libera dunque a pasti leggeri e molti spuntini. Vanno bene frullati, spremute, centrifugati di verdura, yogurt, gelati alla frutta e i mitici ghiaccioli.

[Crediti | Link: Dissapore]

commenti (20)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Maddalena ha detto:

    E così abbiamo condensato i consigli dell’ottima Fiamma Sanò.
    Dimentichi il pesce, ottime proteine e grassi “buoni” di facile digeribilità.

  2. Avatar ClaudioNome ha detto:

    Perche la sudorazione data dal piccante è buona e quella dell alcol provoca disidratazione?!?!

    1. Avatar Maddalena ha detto:

      Non credo che la sudorazione indotta dal piccante sia vantaggiosa per la calura, per contro sono sicura che il metabolismo dell’alcool sottrae ulteriori liquidi all’organismo, non solo con la sudorazione, per tanto è da evitare.

    2. Avatar GiPo56 ha detto:

      Perché attivano due meccanismi fisiologici diversi: quello attivato dall’alcool comporta anche perdita d’acqua.

    3. Avatar Prato ha detto:

      Sudare col peperoncino non comporta una perdita d’acqua ? Cosa si suda, olio ?

    4. Avatar Maddalena ha detto:

      Sta cosa del piccante che combatte il caldo infatti mi sa tanto di errata interpretazione, io credo venga usato per ragioni antisettiche più che per rinfrescarsi. Abbiamo fonti?

    5. Avatar grace ha detto:

      1. Il peperoncino ha proprietà antimicrobiche ed antiparassitarie, aiuta a proteggere dai batteri che sulla carne, nei posti caldi, possono accelerare il processo di decomposizione. Mascherano l’eventuale cattivo odore di carne non freschissima(stiamo parlando principalmente del sud del mondo, la carne non si butta via tanto facilmente). Da un punto di vista “evoluzionistico”, le persone che mangiano cibi piccanti hanno magigore probabilità di sopravvivenza grazie a quanto sopra.

      2. I cibi piccanti provocano la sudorazione, che è il modo in cui il corpo si rinfresca: le spezie attivano il metabolismo, che alza un poco la temperatura corporea. Quesot induice a sudare: il meccanismo di autoraffreddamento del nostro corpo.

      3. Il clima caldissimi agisce da anoressizzante naturale: i cibi piccanti stimolano l’appetito. Chissà se mi censurano.

    6. Avatar Maddalena ha detto:

      3. Riducono l’appetito, vero?

      (Perché mai dovrebbero censurarti? Sei stata così precisa e completa. Di là c’è gente che si piglia a caxxotti come Peppone e Don Camillo!)

    7. Avatar GiPo56 ha detto:

      nel senso che incrementa la produzione di urine = perdita di liquidi e di sali

    8. Avatar claudio ha detto:

      Ecco perché quando prendo il Martini a fianco mettono sempre un bel tumbler d’acqua ghiacciata

  3. Avatar Nome ha detto:

    Chi è quel degenerato che usa vecchi libri come sottobicchieri?

    1. Avatar Prato ha detto:

      E’ un finto vecchio libro. Si trovano nei negozi di casalinghi, è la nuova moda in fatto di sottobicchieri. Non sei aggiornato.

  4. Avatar Prato ha detto:

    Cioè io sudo tutto il giorno, mangio allora qualcosa di piccante (che mi fa sudare ancora di più) e dopo sto bene ?
    A questo punto mi faccio un bel fritto misto alla piemontese + birra, così sudo così tanto che dopo mi sembrerà di essere a capo nord.

  5. Avatar Nome ha detto:

    Tamarindo, questo sconosciuto…

    “Il tamarindo è anche considerato un ottimo rinfrescante e si rivela particolarmente utile in estate per reintegrare la perdita dei sali minerali dovuta alla sudorazione.”

    1. Avatar Prato ha detto:

      Me lo davano da piccolo. Provato giorni fa, preferisco morire disidratato.

  6. Avatar Maddalena ha detto:

    (Dottor Campaci, antistaminici tutto attaccato pls. La parola base è istamina.)

  7. Avatar Mario Bistacchi ha detto:

    Richi, quella del sudore ed il piccante è la baggianata più grossa che hai scritto da quando leggo questo belliffimo blog.