Seguire diete vegane o vegetariane in gravidanza è molto pericoloso

Deficit di vitamina B12 in gravidanza con il rischio di danni neurologici permanenti per il neonato: i casi sono triplicati in due anni, tra le cause ci sono dieta vegana e vegetariana.

A lanciare l’allarme sono gli specialisti dell’ospedale Bambin Gesù di Roma e del Meyer di Firenze, riporta Repubblica.

Nel latte delle mamme che non assumono proteine animali è stata rilevata una grave carenza di vitamina B12, o cobalamina, determinante per la formazione del sistema nervoso centrale, il cui fabbisogno cresce notevolmente nel periodo della gravidanza.

[Dieta vegana: il fai da te porta spesso i figli all’ospedale]

I casi di deficit di vitamina B12 in gravidanza con rischio di danni permanenti nel neonato sono passati dai 42 del 2015 ai 126 del 2016, numeri in assoluto bassi, spiegano gli specialisti, perché siamo di fronte a una malattia rara, ma “è la crescita a destare allarme”.

A oggi, il deficit riconducibile all’alimentazione materna è di 1 su 4000, con un totale di 100 casi all’anno in Italia, per una patologia che è diffusa in prevalenza tra i figli di immigrati provenienti da Paesi a diffusa tradizione vegana, come India, Pakistan o Bangladesh, e che non si pensava potesse crescere così in fretta nel nostro Paese.

[Carenza di vitamina B-12: tutto ciò che dobbiamo sapere]

Ciò che gli scienziati osservano sempre più spesso, è la scelta da parte di molte donne italiane di seguire i dettami della dieta vegana anche in gravidanza, senza mettere in conto i pericoli che fanno correre ai loro bambini.

Il deficit di vitamina B12, dicono i pediatri, è tanto grave quanto facilmente evitabile grazie ad una corretta alimentazione: latte, uova e alimenti ricchi di vitamina B12, oltre a ferro e omega 3 sono indispensabili per garantire una corretta formazione del feto e per il suo sviluppo neurologico, mettendolo al riparo dal rischio di danni cerebrali o ritardi nella crescita.

Un’alimentazione che dovrebbe essere seguita anche nei primi anni dei bambini, per non privarli di elementi indispensabili per la loro crescita, anche perché, come osservava Antonella Lezo, dietista dell’Ospedale infantile Regina Margherita di Torino, “non è facile far seguire ai bambini una dieta vegana: a quell’età il fabbisogno di nutrienti è come un puzzle dai pezzetti piccolissimi”.

[Dieta vegana: bimba di 2 anni in rianimazione a Genova]

Sull’argomento è intervenuto anche Giancarlo la Marca, direttore del Laboratorio Screening Neonatale dell’ospedale Meyer di Firenze:

“Trattandosi di una malattia molto grave, ma in molti casi anche facilmente evitabile, fare corretta informazione diventa un dovere etico che spetta a medici, media e istituzioni: una campagna di informazione seria e condivisa potrebbe salvare molte vite”.

[Crediti: Repubblica]

Avatar Anna Silveri

2 Marzo 2018

commenti (9)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Vittorio ha detto:

    Quella vegana è molto restrittiva, ma non pensavo che la dieta vegetariana potesse dare questi problemi.

  2. Avatar sandro ha detto:

    Ad essere pericolose non sono la dieta vegetariana o vegana, ma la scarsa attenzione nel seguire queste diete. Se si segue una dieta vegana, si *deve* integrare con B12, questa è la raccomandazione della Vegan Society: https://www.vegansociety.com/resources/nutrition-and-health/nutrients/vitamin-b12
    In una dieta vegetariana, invece, la B12 si può assumere consumando uova e latticini.

    La posizione dell’American Dietetic Association and Dietitians of Canada è che una dieta vegetariana o vegana, seguita in modo appropriato, è salutare e nutrizionalmente adeguata:
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12778049

    1. Avatar mario ha detto:

      tutte le diete, se
      “seguite in modo appropriato, sono salutari e nutrizionalmente adeguate”…
      è quel “modo appropriato” che lascia spazio a molteplici interpretazioni! :^P

  3. Avatar Ganascia ha detto:

    Completiamo poi il tutto omettendo le vaccinazioni et voila.

  4. Avatar Gerri ha detto:

    C’è anche da dire che la vitamina B12 non è prodotta dagli animali, ma dai batteri presenti nel terreno. Per questo motivo, in passato, la più stretta simbiosi tra uomini e terreno (frutta, verdura e cereali non lavati con l’acqua di rubinetto e acqua presa dai laghi o dai pozzi) faceva sì che un certo quantitativo di vitamina B12 fosse assorbita comunque, anche in popolazioni che carne, uova e latticini li vedevano “ogni morte di papa”.
    Quello che non molti sanno, è che anche gli animali allevati oggigiorno, per gli stessi motivi, sono carenti di vitamina B12, che viene integrata nei mangimi che consumano. A conti fatti, se noi onnivori non ne siamo carenti, è perché assumiamo integratori “di seconda mano” consumando prodotti animali di allevamento.

    1. Avatar Sticazzi ha detto:

      Ma sì infatti, tra l’altro la b12 viene somministrata agli animali da allevamento per la loro salute ma non esiste un parametro legale da seguire, quindi se capita di mangiare animali con deficienze di b12 relativamente spesso (magari se si prende la carne o uova/latte dallo stesso allevamento) si avrà una carenza di b12.
      In caso di gravidanza è sempre bene controllare e integrare b12 e acido folico anche se si vive di bistecche…

  5. Avatar Redazione Promiseland.it ha detto:

    Facciamo chiarezza sulla diffusione di notizie false sull’alimentazione vegan in gravidanza.

    La redazione di Promiseland.it ha voluto fornire alla Stampa approfondimenti sul tema in oggetto, fiduciosi che la diffusione di notizie false sia per tutti una cosa da combattere.

    Continuiamo a leggere Fake News che mettono a dura prova il nostro lavoro come network vegan, che da oltre vent’anni porta avanti la diffusione corretta e professionale dello stile di vita vegano. Per questo oggi, più che mai, abbiamo deciso come redazione di offrire un servizio di raccolta dati fatto da professionisti per i professionisti.

    In questa occasione abbiamo coinvolto Medici e Specialisti per rispondere alle false notizie sul danno che si procura al feto con una gravidanza vegan.

    Di seguito articoli scritti e interventi in tv dei professionisti che hanno scelto di rispondere con precisione, correttezza e professionalità alla tanto diffusa notizia falsa in questione.

    INTERVISTA AL DOTTOR LEONARDO PINELLI
    http://www.promiseland.it/2018/03/03/gravidanza-vegan-possibile-risponde-il-dottore-leonardo-pinelli/

    INTERVENTO DI RENATA BALDUCCI, PRESIDENTE ASSOVEGAN E APPROFONDIMENTO DELLA DOTTORESSA MARIA GRAZIA VIGLIAROLO
    http://www.promiseland.it/2018/03/03/fake-news-con-la-dieta-vegana-rischio-danni-neurologici-al-feto/

    INTERVENTO A TGCOM24 DEL DOTTOR NICCOLO’ GIOVANNINI
    http://www.promiseland.it/2018/03/03/vegan-in-gravidanza-pericoloso-per-il-feto-falso/

    Sicuri di un riscontro, in nome della corretta informazione a cui tutti i giornalisti sono tenuti ad adempiere, restiamo in attesa di pubblicazioni sul tema affinché la doppia informazione permetta all’utente finale di poter essere libero di riflettere sulla veridicità delle notizie.

    La Redazione di Promiseland.it
    VEGANOK Network

    Per info e contatti scrivi a press@veganok.com

    1. Avatar Ganascia ha detto:

      Citare un sito di fissati mi pare controproducente. Sarebbe invece opportuno qualche link a studi scientifici SERI, ACCETTATI e pubblicati su testate UFFICIALI che dimostrino il contrario

  6. Avatar Pier63 ha detto:

    Lezione 1: il pregiudizio è il peggior nemico della verità.
    Lezione 2: qualsiasi iniziativa fai da te, a partire dalle riparazioni domestiche, è fortemente minacciata dalla sindrome di Dunning Kruger.